Nelle cellule staminali l’origine della demenza

Read time: 2 mins

A provocare la demenza fronto-temporale sarebbe una mutazione nelle cellule staminali che formano i neuroni. Questa la scoperta pubblicata da un gruppo di ricercatori dell’Università KU di Leuven su “Stem Cell Reports”.

La demenza fronto-temporale è un gruppo eterogeneo di demenze che globalmente rappresenta circa metà dei casi rilevati in soggetti sotto ai 60 anni. Questa condizione neurodegenerativa è caratterizzata da alterazioni dei lobi cerebrali frontale e temporale. Da tempo è noto che tale malattia è associata a una mutazione nel gene per la progranulina (GRN), una proteina simile a un ormone.
Con queste conoscenze si era passati agli studi su modelli animali, ma l’iniziale entusiasmo per la scoperta era venuto meno, poiché nel topo le mutazioni nel gene in questione non riproducevano tutti le caratteristiche della demenza.

Per questo motivo, Philip Van Damme e gli altri autori dello studio hanno utilizzato un altro approccio.
Per prima cosa hanno ottenuto cellule staminali pluripotenti indotte (iPSC), partendo da fibroblasti ricavati da pazienti che presentavano una mutazione nel gene GRN. Dopodiché è stata indotta la differenziazione di queste cellule staminali in neuroni.
Durante il processo di differenziazione, gli scienziati hanno scoperto un malfunzionamento della via di segnalazione intracellulare WNT, meccanismo fondamentale per la proliferazione cellulare e la differenziazione delle cellule staminali in cellule adulte. In particolare l’alterazione provocava l’incompleta maturazione delle cellule neuronali corticali, causando la demenza.

I ricercatori hanno quindi cercato di ristabilire la funzionalità della via, effettuando una correzione genica del difetto direttamente nelle cellule iPSC o somministrando sostanze in grado di inibire la via di segnalazione WNT.
In questo modo Van Damme e colleghi sono riusciti a ripristinare la capacità di differenziazione delle cellule staminali in neuroni corticali maturi.
Il risultato di questo studio fa luce innanzitutto sul meccanismo che provoca la demenza fronto-temporale, come spiegano gli autori: "I nostri risultati suggeriscono che gli eventi di segnalazione necessari allo sviluppo neurologico possono avere un ruolo importanti nella successiva neurodegenerazione".
Ma conoscere le basi dello sviluppo di tali disturbi è anche il punto di partenza per nuove ricerche e possibili terapie perché, "prendendo come bersaglio questi percorsi di segnalazione, come la via WNT, si potranno forse definire nuovi approcci terapeutici alla demenza frontotemporale".

altri articoli

Quando l'intelligenza artificiale prende tre all'esame

Crediti: Mike MacKenzie/Flickr. Licenza: CC BY 2.0

Il rapporto tra matematica e intelligenza artificiale non è semplice come sembra: una rete neurale sviluppata da DeepMind ha fallito un esame di matematica di seconda superiore. Ma com'è possibile che l'attività più ostica per gli esseri umani risulti più semplice per le macchine, e viceversa? Probabilmente, le difficoltà dell'intelligenza artificiale non erano di natura matematica, bensì nella capacità di leggere il compito e interpetarne il contenuto. L'esperimento voleva iniziare un'indagine su come le macchine affrontino gli stimoli pensati per gli esseri umani, e non semplificati o codificati in un linguaggio artificiale; il test di matematica è, in quest'ottica, uno stimolo relativamente semplice che può dare molti indizi sul modo di ragionare delle macchine