fbpx Nelle cellule staminali l’origine della demenza | Scienza in rete
SciRe/

Nelle cellule staminali l’origine della demenza

Tempo di lettura: 2 mins

A provocare la demenza fronto-temporale sarebbe una mutazione nelle cellule staminali che formano i neuroni. Questa la scoperta pubblicata da un gruppo di ricercatori dell’Università KU di Leuven su “Stem Cell Reports”.

La demenza fronto-temporale è un gruppo eterogeneo di demenze che globalmente rappresenta circa metà dei casi rilevati in soggetti sotto ai 60 anni. Questa condizione neurodegenerativa è caratterizzata da alterazioni dei lobi cerebrali frontale e temporale. Da tempo è noto che tale malattia è associata a una mutazione nel gene per la progranulina (GRN), una proteina simile a un ormone.
Con queste conoscenze si era passati agli studi su modelli animali, ma l’iniziale entusiasmo per la scoperta era venuto meno, poiché nel topo le mutazioni nel gene in questione non riproducevano tutti le caratteristiche della demenza.

Per questo motivo, Philip Van Damme e gli altri autori dello studio hanno utilizzato un altro approccio.
Per prima cosa hanno ottenuto cellule staminali pluripotenti indotte (iPSC), partendo da fibroblasti ricavati da pazienti che presentavano una mutazione nel gene GRN. Dopodiché è stata indotta la differenziazione di queste cellule staminali in neuroni.
Durante il processo di differenziazione, gli scienziati hanno scoperto un malfunzionamento della via di segnalazione intracellulare WNT, meccanismo fondamentale per la proliferazione cellulare e la differenziazione delle cellule staminali in cellule adulte. In particolare l’alterazione provocava l’incompleta maturazione delle cellule neuronali corticali, causando la demenza.

I ricercatori hanno quindi cercato di ristabilire la funzionalità della via, effettuando una correzione genica del difetto direttamente nelle cellule iPSC o somministrando sostanze in grado di inibire la via di segnalazione WNT.
In questo modo Van Damme e colleghi sono riusciti a ripristinare la capacità di differenziazione delle cellule staminali in neuroni corticali maturi.
Il risultato di questo studio fa luce innanzitutto sul meccanismo che provoca la demenza fronto-temporale, come spiegano gli autori: "I nostri risultati suggeriscono che gli eventi di segnalazione necessari allo sviluppo neurologico possono avere un ruolo importanti nella successiva neurodegenerazione".
Ma conoscere le basi dello sviluppo di tali disturbi è anche il punto di partenza per nuove ricerche e possibili terapie perché, "prendendo come bersaglio questi percorsi di segnalazione, come la via WNT, si potranno forse definire nuovi approcci terapeutici alla demenza frontotemporale".

Aiuta Scienza in Rete a crescere. Il lavoro della redazione, soprattutto in questi momenti di emergenza, è enorme. Attualmente il giornale è interamente sostenuto dall'Editore Zadig, che non ricava alcun utile da questa attività, se non il piacere di fare giornalismo scientifico rigoroso, tempestivo e indipendente. Con il tuo contributo possiamo garantire un futuro a Scienza in Rete.

E' possibile inviare i contributi attraverso Paypal cliccando sul pulsante qui sopra. Questa forma di pagamento è garantita da Paypal.

Oppure attraverso bonifico bancario (IBAN: IT78X0311101614000000002939 intestato a Zadig srl - UBI SCPA - Agenzia di Milano, Piazzale Susa 2)

altri articoli

Due nuovi studi sulla sicurezza dei vaccini contro Covid-19

Martina Patone illustra i risultati di due studi sulle reazioni avverse condotti dal gruppo di ricerca di cui fa parte: i risultati mostrano che esistono reazioni avverse per i vaccini considerati sono molto rare e probabilmente per questo alcune non identificate in fase di sperimentazione. E anche se nessun vaccino è sicuro al 100%, perché ogni corpo reagisce a modo suo, non siamo per fortuna poi così diversi e nella maggior parte della popolazione le risposte sono state positive; gli eventi rari che si discostano dalla tendenza generale non possono essere eliminati ma vanno bilanciati con i benefici, tra cui la possibilità di ritorno a una vita normale. 

Immagine di Agência Brasília / Flickr (CC BY 2.0).

A due settimane dalla seconda dose di vaccino ho iniziato a sentire un forte mal di testa. A tre settimane il mal di testa era diventato sempre più forte. Anzi, più ci pensavo più il dolore aumentava. Doveva necessariamente essere una reazione al vaccino. D’altronde ero proprio nel periodo in cui quelle famose trombosi cerebrali di cui tanto si parlava nei giornali, nei social, al bar e di cui io studiavo l’associazione con i vaccini erano più frequenti. Anche la nostra analisi lo suggeriva. Ormai ero convinta di essere anch'io una vittima del vaccino. Che ironia.