Continuare a studiare dopo la laurea: quanto pesano le differenze di reddito

Tempo di lettura: 3 mins

In Italia, lo sappiamo, ci sono pochi laureati rispetto agli altri paesi europei. Ci sono però altri due aspetti che vengono solitamente meno sottolineati: il primo è che dal 2007 a oggi sono sempre meno i giovani che decidono di proseguire gli studi dopo la laurea, il secondo è la scarsa mobilità sociale del sistema universitario italiano, che fa sì che statisticamente chi proviene da contesti familiari meno favorevoli finisca per accontentarsi di un titolo di studio inferiore. Insomma, nonostante il sistema universitario italiano grazie a borse di studio e case dello studente favorisca l'accesso alla migliore istruzione di chi ha meno possibilità meglio di come fanno altri paesi, non si può proprio dire che produca come output una reale equità. I dati di cui stiamo parlando sono quelli raccolti da Almalaurea, pubblicati alla fine di aprile, e riguardano il 2015.

Aumenta chi si ferma dopo la laurea triennale

Nel 2015 i laureati che hanno dichiarato di non voler proseguire gli studi sono il 24% tra i laureati di primo livello (nel 2007 questa fetta rappresentava il 21% dei laureati triennali) e il 56% dei laureati di secondo livello, cioè fra magistrali biennali e a ciclo unico. Nel 2007 a non voler proseguire era il 50% del totale.

Un trend che si esprime anche nella scelta sempre più massiccia fra i laureati triennali di optare per un master di primo livello, quindi per un percorso più professionalizzante rispetto a una laurea magistrale. Si tratta di un dato che a pensarci bene non deve stupire, dal momento che come sottolineano diversi report su giovani e lavoro, il problema dell'università italiana è proprio la scarsa formazione professionale di laureati e diplomati, che li rende meno appetibili dei colleghi stranieri sul mercato del lavoro.

Chi viene da famiglie meno abbienti si ferma prima

Secondo gli ultimi dati OECD, nel 2015 la metà dei laureati italiani fra i 25 e i 34 anni ha lo stesso grado di istruzione dei propri genitori, e considerato lo scarso livello di studio medio degli italiani, di sicuro per noi non è una buona notizia. In realtà però quest'ultimo dato è il corollario. Il teorema è un altro: ancora oggi chi proviene da famiglie più istruite è più propenso a proseguire gli studi dopo la laurea o a intraprendere percorsi di studio più lunghi, le famose “lauree a ciclo unico”, come medicina e giurisprudenza. Un dato su tutti: il 43% dei laureati in medicina proviene da classi sociali elevate (cioè con entrambi i genitori laureati), e in generale il 34% degli iscritti a corsi di laurea magistrale a ciclo unico.

 

 

I figli di genitori che lavorano nell' “esecutivo” - come li definisce Almalaurea – rappresentano infatti il 22% dei laureati e sono più presenti in percentuale fra le lauree di primo livello rispetto ai livelli superiori. In particolare sono il 24% dei laureati dei corsi di primo livello, il 21% dei laureati magistrali biennali, solo il 15% dei laureati magistrali a ciclo unico. Per contro, i figli di famiglie più benestanti incidono sempre per il 22% sul totale dei laureati, ma in proporzione inversa: essi sono il 20% dei laureati di primo livello, il 22% dei magistrali biennali, e – come si diceva - il 34% fra i laureati magistrali a ciclo unico. Se vogliamo raggiungere gli standard europei, che prevedono almeno un 37% di laureati sull'intera popolazione (noi attualmente siamo al 24%, peggio di noi solo la Turchia) dobbiamo ripartire anche da qui.

@CristinaDaRold

altri articoli

Le notizie di scienza della settimana #107

Il nuovo Report dell’Ufficio europeo dell’Organizzazione mondiale della sanità “Healthy, prosperous lives for all: the European Health Equity Status Report” fa il punto sulle disuguaglianze di salute in Europa. In sintesi, il gap di salute fra ricchi e poveri si riduce meno dell’atteso. In termini di speranza di vita alla nascita, la differenza media è di 3,9 anni nelle donne (speranza di vita media 82 anni; intervallo: 78,1-86) e di 7,6 anni negli uomini (speranza di vita media 76,2 anni; intervallo: 3,4-15,5). L’Italia (e altri paesi come Grecia e Portogallo) ha i valori più alti di speranza di vita, segno che i fattori protettivi come dieta e coesione sociale riescono a contrastare i fattori di rischio e la presente stagnazione economica. Buona anche la performance dell’Italia nella sopravvivenza libera da malattie. Riconoscendo l’importanza di agire direttamente sui determinanti sociali della salute, l’OMS misura l’effetto di 8 politiche sulla riduzione delle differenze di salute fra classi sociali: (1) aumento di 1.000 dollari del PIL pro capite; (2) riduzione delle disuguaglianze di reddito; (3) riduzione del tasso di disoccupazione; (4) riduzione delle spese private per la salute; (5) aumento delle spese di protezione sociale; (6) aumento del finanziamento del sistema sanitario pubblico; (7) aumento della spesa pubblica in politiche del lavoro; (8) aumento della spesa pubblica nelle abitazioni e condizioni di vita. L’aumento del reddito pro capite è l’unico parametro a non avere effetto sulla disuguaglianze, mentre le politiche del lavoro e le condizioni di vita e abitative hanno l’effetto massimo.

Cronache della ricerca

Gli italiani si classificano terzi fra i vincitori degli starting grant dell’European Research Council, il bando più competitivo dell’Europa dedicato ai giovani ricercatori. Bene quindi per gli italiani (benché in discesa rispetto al bando 2018, dove si erano classificati secondi dietro la solita Germania). Male invece per l’Italia, che vede la maggior parte dei suoi ricercatori primeggiare in università e centri di ricerca all’estero.