fbpx Alla ricerca del paradiso perduto | Scienza in rete
Covid-19/

Alla ricerca del paradiso perduto

Tempo di lettura: 3 mins

Planck, il satellite dell' Agenzia Spaziale Europea (ESA), mappando la radiazione cosmica di fondo, il cosiddetto eco del Big Bang, ci sta inviando da anni immagini veramente affascinanti del nostro Universo.
Una di queste meravigliose "fotografie" è stata utilizzata dal critico d'arte cubano Gerardo Mosquera come prima opera della mostra "Perduti nel Paesaggio", presente al Mart di Rovereto fino al 31 Agosto.

La scelta di questa immagine come apertura della mostra non è casuale, ma anzi essa è stata una delle fonti di ispirazione di Mosquera stesso nella creazione dell'esposizione. Questo perché è un'immagine che disorienta, facendo pensare a un Universo finito quando sappiamo però che esso è in continua espansione.
L'altro punto di riferimento nella costruzione di "Perduti nel paesaggio" è una frase di Calvino, quando ne "Le città invisibili" fa dire a Marco Polo che "il viaggiatore riconosce il poco che è suo, scoprendo il molto che non ha avuto e che non avrà". Una citazione che ci racconta di un viaggiatore globale che spostandosi non può fare a meno di identificarsi con i luoghi che ha di fronte, anche se magari non li vedrà mai più.

Le ispirazioni di questa mostra sono quindi solo apparentemente distanti: una "fotografia" proveniente da un satellite e una frase tratta da un'opera letteraria che hanno in comune da una parte un sentimento di smarrimento, di finitudine,come ama dire la direttrice del Museo trentino, Cristiana Collu, e dall'altra la voglia di appropriazione del paesaggio e di conquista del mondo.
Attraverso le molte fotografie, le belle opere pittoriche e le varie installazioni, questa mostra ci vuole proprio portare per mano nell'esplorazione del rapporto tra uomo e paesaggio, un rapporto inscindibile in cui il paesaggio non esiste senza l'uomo che lo osserva e lo plasma, ma allo stesso tempo l'uomo non esiste senza di esso.
Si tratta quindi di una concezione moderna di paesaggio, sganciata dalla perfezione e dalla narrazione classica: stiamo parlando di un mondo in cui  naturale e artificiale sono un tutt'uno, per cui un panificio visto dall'alto, fotografia di Alain Paiment, è un paesaggio così come è lo la visione di una Beirut lacerata, nelle immagini dei primi anni Novanta di Gabriele Basilico. 

E se  lungo il percorso espositivo attraverso questo rapporto tra uomo e paesaggio, tutte queste opere così diverse e globali, frutto del lavoro di più di sessanta artisti provenienti da tutto il mondo, vi faranno sentire persi vorrà dire che la mostra ha raggiunto anche un'altro dei suoi obiettivi. Quello di far riappropriare il visitatore della consapevolezza che, come scrive Cristiana Collu, "non esiste dunque paradiso che non sia perduto [...] Ma è in questa dimensione residua che siamo costretti a muovere i nostri passi, in uno spazio aperto, non edificato, in cui è possibile costruire, lasciare un segno tangibile della nostra misura".

Per approfondire:
http://mart.broadcaster.it/media-news-releases/perduti-nel-paesaggio-imm...
http://mart.broadcaster.it/media-news-releases/gerardo-mosquera-intervis...
https://www.youtube.com/watch?v=L53Ovjq69d4

Aiuta Scienza in Rete a crescere. Il lavoro della redazione, soprattutto in questi momenti di emergenza, è enorme. Attualmente il giornale è interamente sostenuto dall'Editore Zadig, che non ricava alcun utile da questa attività, se non il piacere di fare giornalismo scientifico rigoroso, tempestivo e indipendente. Con il tuo contributo possiamo garantire un futuro a Scienza in Rete.

E' possibile inviare i contributi attraverso Paypal cliccando sul pulsante qui sopra. Questa forma di pagamento è garantita da Paypal.

Oppure attraverso bonifico bancario (IBAN: IT78X0311101614000000002939 intestato a Zadig srl - UBI SCPA - Agenzia di Milano, Piazzale Susa 2)

altri articoli

Le varianti virali: che cosa cambia?

Prima la Gran Bretagna, poi il Sudafrica e da ultimo il Brasile: le nuove “versioni” del coronavirus sono al centro dell’attenzione degli scienziati e dell’opinione pubblica. Cosa ne sappiamo? Sono più pericolose? Possono davvero cambiare la traiettoria della pandemia e mettere a rischio l’efficacia dei vaccini e delle terapie? Perché è importante sequenziare il virus?

Durante i mille anni che separano la caduta dell’Impero Romano d’Occidente dall’invenzione della stampa, nei monasteri benedettini sparsi per l’Europa legioni di monaci amanuensi copiavano su robusti fogli di pergamena ricavati dalla pelle di agnello o di vitello i testi antichi, tramandati su fragili rotoli di papiro e sopravvissuti al trascorrere del tempo e alle vicissitudini politiche e militari dell’Alto Medioevo.