fbpx Inseguendo l'ombra della Luna | Scienza in rete

Inseguendo l'ombra della Luna

Titolo originale: 
Inseguendo l'ombra della Luna
Data: 
11 December, 2014
Soggetto: 
Pierre Léna inseguì l'ombra della Luna volando sul "Concorde"

L'astronomo che inseguì il Solee spiò la nascita delle stelle
Pierre Léna Académie des Sciences (France), Presidente della Fondazione La main à la pâte
Da GiovedìScienza del 11 dicembre 2014

Una eclisse totale di Sole che fu visibile nell'oceano Atlantico nei pressi dell'equatore fornì una prova decisiva della relatività generale di Einstein. Quella fu probabilmente l'eclisse più importante per la storia della scienza moderna. Ma l'eclisse che osservò Pierre Léna nel 1973 per certi versi è ancora più straordinaria, perché Léna ebbe l'idea di inseguire l'ombra della Luna, che si muove velocissima sulla Terra, volando sul "Concorde", l'aereo supersonico civile che francesi e inglesi progettarono e realizzarono insieme. Così, volando a 2300 chilometri orari, cioè a più del doppio della velocità del suono, Léna poté far durare l'eclisse quasi per un'ora, mentre osservata da terra la sua durata fu ovviamente di pochi minuti. E' un episodio che dice come Léna, Accademico di Francia, sia anche uno scienziato che ama l'avventura. La sua conferenza a GiovedìScienza sarà quindi una affascinante incursione nelle esperienze di un ricercatore geniale, capace di esplorare campi ritenuti dai suoi colleghi inaccessibili. Un altro esempio di questa capacità che sarà tema della conferenza è l'avvio dell'astronomia dell'infrarosso, un campo di cui Pierre Léna è stato pioniere. La radiazione infrarossa è invisibile ai nostri occhi: tutt'al più non sentiamo questa radiazione sotto forma di calore. Ma il "calore" degli oggetti celesti è estremamente debole. Pierre Léna, insieme con altri astronomi, ha però contribuito ad aprire la "finestra infrarossa" e a darci una nuova visione dell'universo grazie a speciali telescopi collocati in luoghi asciuttissimi e ad alta quota e ancora meglio con appositi satelliti artificiali. Dobbiamo all'astronomia infrarossa gran parte di ciò che oggi sappiamo sulla nascita delle stelle, su come si formano i sistemi planetari, sulle nebulose e sui pianeti di altre stelle.

Correlazione degli articoli
Informazioni per gli editor
stato: 
pronto
Italiano
Read time: 2 mins
GiovedìScienza
Autori: 
Sezioni: