Una stella poco brillante

Read time: 2 mins

Finalmente svelato il mistero che avvolgeva M33 X-7, un sistema stellare binario con emissione X – uno dei più massicci che si conosca – che da quasi tre anni teneva sotto scacco gli astronomi per le sue stranezze.

Quando nel 2007 lo hanno individuato nella galassia M33, una galassia appena più distante di quella di Andromeda, gli astronomi hanno subito capito che si trattava di una stella massiccia attorno alla quale orbitava un buco nero. Proprio non riuscivano, però, a darsi una spiegazione per alcune evidenti anomalie: la luminosità nel dominio X, la rotazione del buco nero, la scarsa luminosità della stella e l'eccentricità dell'orbita. Ricorrendo a modelli computerizzati – almeno un paio di mesi di lavoro di un cluster di computer ad alte prestazioni – un team di astronomi coordinati da Francesca Valsecchi (Northwestern University) è riuscito a risolvere l'enigma di M33 X-7 ricostruendone la storia evolutiva e spiegando anche le sue stranezze.

Nello studio, pubblicato su Nature, si spiega come all'origine vi fossero due stelle piuttosto massicce, una di una novantina di masse solari e l'altra di circa una trentina, orbitanti l'una intorno all'altra in soli tre giorni. Dopo aver trasferito parte del suo materiale alla stella compagna, quella meno massiccia terminò il suo percorso evolutivo dando origine a un buco nero. L'evento finì con lo scombussolare l'orbita innescando nel contempo la richiesta di materiale da parte del vorace buco nero a spese della stella più grande. La luminosità nel dominio X sarebbe proprio riconducibile a questo accumulo di gas che precipita verso il buco nero.

Resta da spiegare la scarsa luminosità della stella massiccia, al di sotto di quanto ci si aspetta per un astro della sua massa. Secondo i ricercatori sarebbe colpa della rapidità con cui la stella ha risucchiato materiale alla compagna e della nostra particolare linea di vista. Poiché la combustione del materiale stellare – anche a causa delle influenze gravitazionali di un buco nero così prossimo – non è omogenea come quella che ci si può aspettare in situazioni più tranquille, alcune regioni superficiali sono meno brillanti. Tra di esse proprio quelle che noi riusciamo a osservare.

Northwestern University

Autori: 
Sezioni: 
Astronomia
Lavorato da / tipo di lavorazione: 
autore
stato: 
bozza

altri articoli

Le notizie di scienza della settimana #104

Il biologo molecolare russo Denis Rebrikov ha dichiarato che ha intenzione di impiantare nell'utero di una donna embrioni geneticamente modificati con la tecnica CRIPSR entro la fine dell'anno. L'obiettivo sarebbe quello di prevenire che la madre, colpita da una forma di HIV resistente ai farmaci antiretrovirali, trasmetta il virus ai propri figli. Per farlo, Rebrikov userebbe la tecnica CRISPR-Cas9 per disattivare il gene CCR5, in modo simile a quanto fatto dallo scienziato cinese He Jiankui che lo scorso novembre aveva annunciato di essere stato il primo a far nascere una coppia di gemelle con questo procedimento (He voleva però evitare la trasmissione del virus dell'HIV dal padre alle figlie). La legislazione russa proibisce l'editing del genoma umano in senso generale, ma la legge sulla fertilizzazione in vitro non vi fa esplicito riferimento, e dunque Rebrikov potrebbe trovarsi di fronte un vuoto normativo che conta di colmare chiedendo l'autorizzazione di una serie di agenzie governative, a partire dal Ministero della salute. Scienziati ed esperti di bioetica si dicono preoccupati. La tecnologia non è ancora matura, motivo per cui qualche mese fa un gruppo di importanti ricercatori del campo avevano chiesto di mettere a punto una moratoria sul suo utilizzo in embrioni destinati all'impianto in utero. Non è chiaro poi se i rischi superino i benefici. In primo luogo, la disattivazione del gene CCR5 protegge dalla trasmissione del virus dell'HIV nel 90% dei casi. In secondo luogo, il rischio di mutazioni off-target e on-target indesiderate è ancora molto alto. Rebrikov sostiene che la sua tecnica ne riduca drasticamente la frequenza, ma finora non ha pubblicato alcuno studio scientifico che lo dimostri. Nell'immagine: lo sviluppo di embrioni umani geneticamente modificati con la tecnica CRISPR per correggere una mutazione responsabile della cardiomiopatia ipertrofica (lo studio, condotto nel laboratorio di Shoukhrat Mitalipov presso la Oregon Science and Health University di Portland, risale al 2017 ed è stato pubblicato su Nature). Credit: Oregon Science and Health University. Licenza: OHSU photos usage

Dove finisce la plastica dei ricchi?

Ogni anno gli Stati Uniti producono 34,5 milioni di tonnellate di rifiuti di plastica. 1 milione di tonnellate vengono spedite fuori dal continente. Fino a qualche anno fa la maggior parte veniva spedita in Cina e Hong Kong, ma nel 2017 la Cina ha chiuso le porte a questo tipo di importazioni, autorizzando solo l'arrivo della plastica più pulita e dunque più facile da riciclare.