Density and torunaout: a correlation

Read time: 2 mins
VoterUncertaintyApril 9th 06April 13th 0824th February 13population densitypopulation sizepopulationsize (log)populationdensity (log)voter turnoutgeneral elections24th February 13Linear Regression95% confidence intervalson slopeon y-intercept

The voter turnout, i.e. the percentage of eligible voters who cast a ballot in an election, has been related with the population density of the 1206 municipalities of the italian region Piedmont.

The spots on the scatter plot above represent the 1206 municipalities, the x and y coordinates refer respectively to the logarithm of the population density (people/km^2) and to the voter turnout during the italian 2013 general election of the Chamber of Deputies. The area of the spots refers instead to the population size of the corresponding municipality.

The analysis is extended by the opportunity to shift, on the x-axis, between the logarithm of the population density to the logarithm of the population size and, on the y-axis, to the 2008 and 2006 general elections.

The green straight line shows a linear regression analysis on the set of points, the 95% confidence intervals on the y-intercept and slope are drawn on demand.

A slope greater than zero suggests a direct relationship between the logarithm of the population density (or size) and the voter turnout.
The voter uncertainty is calculated as the Shannon entropy of the partition defined by the votes assigned to every delegate, and it reflects the heterogeneity of the electoral preferences in a given municipality.

Municipalities with higher population size have an higher uncertainty on electoral preferences.

Data Source
Data on general elections: elezionistorico.interno.it, © Ministero dell'Interno. Tutti i diritti riservati.Population density and size of Piedmont municipalities: istat.it, Creative Commons - Attribuzione - versione 3.0 (CC BY 3.0 IT)

altri articoli

Ricercatori, cercasi elisir di giovinezza

I ricercatori più anziani sono meno produttivi di quelli più giovani? E in base all'età, qual è la distribuzione ideale degli studiosi all'interno del sistema ricerca? Queste sono alcune delle domande che si sono posti gli autori della Relazione sulla ricerca e l'innovazione in Italia del CNR, presentata martedì 15 ottobre a Roma, alla presenza del Presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte e del presidente del Consiglio Nazionale delle Ricerche Massimo Inguscio. Di seguito si riporta la sintesi di uno dei capitoli della relazione, che affronta il tema inerente alla struttura demografica dei ricercatori italiani e al processo di ricambio generazionale.

In Italia si investe poco in ricerca, i ricercatori sono relativamente pochi (140mila tempo pieno equivalenti, anche la metà che in altri paesi di popolazione raffrontabile alla nostra), sono meno pagati e in media più vecchi. Che conseguenze ha la struttura demografica dei nostri ricercatori sulla qualità della ricerca, e quali sono le prospettive future?