Il rilancio della ricerca negli USA

Read time: 3 mins

Gli investimenti in ricerca scientifica e sviluppo tecnologico (R&S) ritornano a crescere negli Stati Uniti d’America.
Dopo la stagnazione e persino il regresso del 2009 e del 2010, gli anni duri della crisi finanziaria ed economica, gli Usa ritornano a credere nell’opportunità di puntare sulla produzione di nuova conoscenza scientifica e sull’innovazione tecnologica.
Secondo un recente rapporto della National Science Foundation nel 2011 gli Stati Uniti hanno investito in R&S 428,2 miliardi di dollari: oltre 20 miliardi di dollari in più che nel 2010, con un incremento al netto dell’inflazione del 2,8%, superiore all’incremento del prodotto interno loro (Pil) che è stato dell’1,8%.
La performance è stata addirittura migliorata nel 2012. Gli investimenti complessivi in R&S hanno raggiunto la cifra di 452,6 miliardi di dollari, con un incremento al netto dell’inflazione del 3,8%. Un incremento ancora una volta superiore a quello del Pil, che nel 2012 è stato del 2,2%.
Tutte queste cifre ci dicono, appunto, che gli Stati Uniti ritornano a puntare sulla ricerca scientifica e sull’innovazione tecnologica per rilanciare la loro economia. E questa volta il rilancio non avviene a opera del governo federale, come nel caso famoso “pacchetto di stimolo” deciso dal presidente Barack Obama nel 2009, ma a opera delle imprese, che nel 2011 hanno aumentato gli investimenti in R&S del 5,4% rispetto all’anno precedente e nel 2012 hanno ulteriormente accelerato, con un incremento del 7,7% rispetto al 2011.
Questo ritorno degli Stati Uniti e, in particolare, delle imprese americane alla tradizionale fiducia nella produzione di nuova conoscenza e di alta tecnologia viene confermato da un altro recente rapporto del R&D Magazine, relativo al consuntivo dell’anno appena trascorso, il 2013, e alle previsioni per l’anno 2014.
Secondo gli esperti della rivista, nel 2013 gli Stati Uniti hanno aumentato gli investimenti in R&S dello 0,7% in termini reali rispetto al 2012 e quest’anno si prevede un ulteriore incremento al netto dell’inflazione del 3,3%. Cosicché gli investimenti Usa in R&S restano stabili intorno al 2,8% del Pil. Contro l’1,9% della media europea, il 2,0 della Cina. Tra i grandi paesi, solo il Giappone, col 3,4%, investe di più.

Il R&D magazine conferma che in questa fase a trainare l’espansione della R&S negli Usa è il settore business (le imprese, per lo più private), nella convinzione  che la competitività americana nell’economia globale può risultare vincente solo nel settore ad alto tasso di conoscenza aggiunto.
Anche se è difficile quantificare, tutti riconoscono che gli investimenti in R&S hanno un impatto enorme sull’economia. Alcuni studiosi reclutati dal governo federale Usa sostengono che almeno il 75% della produzione di nuova ricchezza nel dopoguerra negli Stati Uniti sia stato realizzato grazie alle applicazioni delle nuove conoscenze scientifiche.
Tuttavia, sostengono gli esperti del R&D Magazine, è possibile quantificare anche gli effetti nel breve periodo degli investimenti in R&S. I 465 miliardi di dollari, il 69% dei quali a opera di imprese private, che gli Usa investiranno nel 2014 in ricerca scientifica e sviluppo tecnologico daranno direttamente lavoro a 2,7 milioni di persone (1,4 milioni dei quali ricercatori); in maniera indiretta daranno lavoro ad altri 2,0 milioni di persone e indurranno lo sviluppo di settori economici dove troveranno impiego altri 4,0 milioni di persone. Ai 465 miliardi di dollari spesi direttamente nella R&S si dovranno aggiungere altri 860 miliardi di dollari nell’indotto. In pratica, l’8,0% dell’economia americana si reggerà, nel 2014, sulla ricerca scientifica e sull’innovazione tecnologica.
Tutto questo, sostengono gli esperti del R&D Magazine, perché tutti negli Stati Uniti riconoscono che: a) che gli investimenti in R&S hanno un ritorno economico importante sia nel breve che nel lungo termine; b) che gli Usa possono conservare la loro competitività solo aumentando gli investimenti, perché il resto del mondo sta facendo altrettanto; c) che, infine, anche in un paese con un quadro politico profondamente diviso, tutta la classe politica concorda sulla necessità di conservare agli Stati Uniti la leadership nel settore della ricerca scientifica e dello sviluppo economico.

altri articoli

Lancet countdown: prognosi riservata per clima e salute globale

Dopo il recente appello degli 11.000 scienziati dell’Alliance of World Scientists, che forniscono 6 indicatori (o segni vitali) per consentire a tutti di ‘leggere’ e migliorare la salute delle risorse del pianeta, ora è il turno del Lancet Countdown, con l’aggiornamento annuale di 41 indicatori degli effetti dei cambiamenti climatici sulla nostra salute. Dal Regno Unito all’Austria, dagli USA alla Cina, i suggerimenti vengono dai ricercatori di trentacinque istituti scientifici nel mondo, università, agenzie di ricerca delle Nazioni Unite, Organizzazione Mondiale di Sanità. Nell'immagine, Harold Lloyd in “Safety Last”, 1923.

Dopo il recente appello degli 11.000 scienziati dell’Alliance of World Scientists, che forniscono 6 indicatori (o segni vitali) per consentire a tutti di ‘leggere’ e migliorare la salute delle risorse del pianeta, ora è il turno del Lancet Countdown, con l’aggiornamento annuale di 41 indicatori degli effetti dei cambiamenti climatici sulla nostra salute. Dal Regno Unito all’Austria, dagli USA alla Cina, i suggerimenti vengono dai ricercatori di trentacinque istituti scientifici nel mondo, università, agenzie di ricerca delle Nazioni Unite, Organizzazione Mondiale di Sanità.