Quante pagine?

Read time: 1 min

MateFitness


Per numerare le pagine di un libro sono necessarie 1890 cifre.
Quante pagine ha il libro?



Fiume

 


Il primo che pubblica nel commento la soluzione corretta e una breve
spiegazione verrà premiato con un INGRESSO GRATUITO a:

MateFitness, la palestra della matematica
Spazio didattico di Palazzo Ducale (cortile maggiore)
Piazza Matteotti 26r
Tel. 010 5574004
Genova

I commenti e il nome del vincitore verranno pubblicati tra 14 giorni quando
sotto l'indovinello successivo comparirà
la soluzione di questo indovinello.

SOLUZIONE DE "ATTRAVERSARE IL FIUME

I due ragazzi portano la barca sulla riva del fiume opposta a quella sulla quale si trovano i soldati. Uno dei due scende e l’altro riporta indietro la barca. A questo punto un soldato attraversa il fiume, scende, e il ragazzo ritorna con la barca. Per far attraversare il fiume a un soldato sono stati quindi necessari 4 attraversamenti del fiume.
Saranno perciò necessari 4 volte 358, cioè 1432 viaggi, per far attraversare il fiume ai 357 soldati e all’ufficiale e fare in modo che i due ragazzi possano riprendersi la loro barca.

              COMPLIMENTI A Antonello Mallamaci PER AVER DATO LA RISPOSTA CORRETTA! 

altri articoli

La Terra dopo di noi, il libro di Telmo Pievani

Pietro Greco recensisce “La Terra dopo di noi”, il libro nel quale Telmo Pievani e il fotografo Frans Lanting ci propongono d'immaginare un pianeta senza traccia umana. Un libro per riflettere sulla crisi ambientale e su quella sociale. Perché, come spiega Pievani, la scomparsa improvvisa della nostra specie non è uno scenario plausibile nel breve e medio termine: noi sulla Terra ci resteremo. Il problema è come.
Crediti immagine: Sonja Sonja/Pixabay. Licenza: Pixabay License

Dobbiamo dotarci, noi membri della specie Homo sapiens, di umiltà evoluzionistica. E inaugurare la stagione di un nuovo ambientalismo, scientifico e umanistico. Per fare tutto ciò, Telmo Pievani, filosofo della biologia in forze all’Università di Padova, nel suo nuovo libro realizzato insieme al fotografo Frans Lanting, ci propone un esercizio che non è, sia ben chiaro, un augurio: immaginare una Terra senza di noi. Un pianeta senza i sedicenti sapiens.