Covid-19/

L'interrogazione

Read time: 3 mins

MateFitness
La professoressa entra in aula e afferma: "Ragazzi, oggi interrogo a tappeto. Siete in 29, ed ho già in mente l'ordine con cui vi interrogherò, ma non ve lo dico. Vi dico solo che Mario sarà interrogato prima di Claudia".
Che probabilità ha Giulio di essere interrogato prima di Mario?

 

L'interrogazione


 

Il primo che pubblica nel commento la soluzione corretta verrà premiato con
un INGRESSO GRATUITO a:

MateFitness, la palestra della matematica
Spazio didattico di Palazzo Ducale (cortile maggiore)
Piazza Matteotti 26r
Tel. 010 5574004
Genova

I commenti e il nome del vincitore verranno pubblicati tra 14 giorni quando sotto l'indovinello successivo comparirà la soluzione di questo indovinello.

SOLUZIONE DI "I DUE SAGGI NELLA TORRE"
Il regno è composto da 11 province.
Analizziamo giorno per giorno cosa pensano i due saggi.
La premessa è che entrambi i saggi devono vedere almeno una provincia, è cioè esclusa la possibilità che uno veda 0 province, altrimenti il gioco non ha soluzione.
La prima mattina il re va dal saggio A, che non risponde. Questo vuol dire che A non vede né 11, né 12 province, altrimenti avrebbe detto sicuramente che erano 13 in tutto (11+2 o 12+1).La stessa mattina il re va dal saggio B, il quale, pur sapendo che A non vede né 11 né 12 province, non risponde. Questo vuol dire che B non vede né 1 né 2 province, altrimenti avrebbe detto che sicuramente le province erano 11 in tutto (1+10 o 2+9), scartando le possibili combinazioni con 1 o 2 che danno 13 (1+12 , 2+11).
La seconda mattina il re va dal saggio A, che non risponde. Questo vuol dire che A non vede né 9 né 10 province, altrimenti, sapendo che B non ne vede né 1 né 2 avrebbe sicuramente detto che le province erano 13 in tutto (10+3 o 9+4), scartando le possibili combinazioni di 9 o 10 che danno 11 (9+2,10+1).La stessa mattina il re va dal saggio B, che non risponde. Questo vuol dire che B non vede né 3 né 4 province, altrimenti, sapendo che non ne vede né 9 né 10, avrebbe detto che le province erano in tutto 11 (3+8 o 4+7), scartando le possibili combinazioni di 3 o 4 che danno 13(3+10,4+9).
L'ultima mattina il re va dal saggio A, che non risponde. Questo vuol dire che A non vede né 7 né 8 province, altrimenti, sapendo che B non ne vede né 3 né 4, avrebbe detto che le province erano 13 in tutto (7+6 o 8+5), scartando le possibili combinazioni di 7 o 8 che danno 11(8+3,7+4).La stessa mattina va dal saggio B, che dice che l'impero è fatto sicuramente da 11 province. Questo perché, per esclusione, A dovrebbe vedere o 5 o 6 province, proprio come B, ma comunque 5+6 e 6+5 =11, cioè non ci sono più combinazioni che danno 13.

                                                   ABBIAMO VALUTATO TUTTE LE VOSTRE RISPOSTE,
                                 PURTROPPO QUESTA VOLTA NESSUNO HA DATO LA SPIEGAZIONE CORRETTA

Aiuta Scienza in Rete a crescere. Il lavoro della redazione, soprattutto in questi momenti di emergenza, è enorme. Attualmente il giornale è interamente sostenuto dall'Editore Zadig, che non ricava alcun utile da questa attività, se non il piacere di fare giornalismo scientifico rigoroso, tempestivo e indipendente. Con il tuo contributo possiamo garantire un futuro a Scienza in Rete.

E' possibile inviare i contributi attraverso Paypal cliccando sul pulsante qui sopra. Questa forma di pagamento è garantita da Paypal.

Oppure attraverso bonifico bancario (IBAN: IT78X0311101614000000002939 intestato a Zadig srl - UBI SCPA - Agenzia di Milano, Piazzale Susa 2)

altri articoli

Molecole di scrittura scientifica

Marco Taddia recensisce Scrivere di scienza, di Daniele Gouthier (Codice Edizioni, 2019): un libro sulla scrittura e sulla divulgazione ma anche, più in generale, sulla comunicazione scientifica - e quindi su come “informare, appassionare, convincere, diffondere una cultura”.

Crediti immagine: Watercolor vector created by freepik - www.freepik.com

Se volete scrivere di scienza per la vostra e altrui soddisfazione, prima di tutto dovete chiedervi se ciò di cui vorreste scrivere può servire a qualcuno, individuare il tipo di pubblico al quale è destinato il vostro lavoro e, infine, individuare la vostra “molecola di scrittura”, applicando il motto “conosci te stesso”.