Una mimosa per Clara

Read time: 4 mins

Tra le conquiste più importanti della chimica c’è la sintesi industriale dell’ammoniaca a partire dai costituenti, azoto e idrogeno, presenti nella molecola in rapporto atomico 1:3. L’ammoniaca ha vari impieghi ma soprattutto è indispensabile per la produzione dei fertilizzanti azotati, i prodotti che hanno consentito all’agricoltura moderna di incrementare la produzione e assicurare il cibo per tutti noi.
Si potrebbe pensare che data la sua semplice formula sia abbastanza facile sintetizzarla dagli elementi costituenti, uno dei quali (l’azoto), è presente in alta concentrazione nell’aria che respiriamo. Ci provarono in molti ma solo all’inizio del secolo scorso si riuscì a farlo utilizzando alte pressioni e temperature adeguate, in presenza di opportuni catalizzatori.
Il francese Henri Louis Le Châtelier (Parigi 1850– Miribel-les-Échelles, 1936) brevettò, nel 1901, uno dei primi processi ma poi non proseguì gli studi anche in seguito al verificarsi di un’esplosione. Restava parecchio lavoro da fare, specie in termini di condizioni operative da dedursi dalla termodinamica, mentre rimanevano insoluti i problemi che sorgevano quando si trattava di passare alla produzione industriale.
Il passo avanti decisivo fu compiuto dal tedesco Fritz Haber (Breslau,1868 - Basel, 1934) il quale, grazie anche alla collaborazione con la BASF, attraverso il chimico e ingegnere Carl Bosch (Colonia, 1874 – Heidelberg, 1940), riuscì nell’intento, prima con catalizzatori a base di uranio e osmio, poi con l’assai meno costoso ferro, operando a 200 atmosfere e 400-450°C. Il primo brevetto di Haber è del 1908, la produzione con tecnologia Haber-Bosch (impianto pilota) del 1910, l’inizio della produzione su scala industriale  del 1913.
Haber vinse, nel 1918, il premio Nobel per la Chimica proprio per la sintesi dell’ammoniaca dagli elementi. Anche Bosch ottenne lo stesso riconoscimento nel 1931, insieme a Friedrich Bergius, per l’invenzione e lo sviluppo di metodi chimici ad alta pressione. L’assegnazione del premio ad Haber fu duramente contestato dagli scienziati dei paesi che avevano combattuto contro la Germania durante la Grande Guerra. Ciò che gli rimproveravano era il fatto di essersi impegnato, con zelo quasi fanatico, nelle operazioni militari basate sui gas anzi, in qualche caso, di averle dirette di persona.
L’attacco chimico alla cittadina belga di Ypres (22 aprile 2015), in cui furono rilasciate 168 tonnellate di cloro gassoso su un fronte di circa sei chilometri, causando la morte di 5000 soldati alleati in soli dieci minuti, valse a Bosch il macabro soprannome di “generale in camice bianco” e padre della guerra chimica.

Se la sintesi dell’ammoniaca era stata una conquista epocale, benefica per l’Umanità, almeno per quanto si riferiva all’agricoltura, lo sviluppo degli esplosivi da usarsi in guerra e l’orrore delle armi chimiche gettava ombre pesanti sulla figura di Haber. Anche la sua vita famigliare ne risentì pesantemente in quanto la moglie, Clara Immerwahr (Breslau, 1870 – Dahlem, 1915), anche lei chimico, non approvava affatto le scelte del marito.
Clara era stata la prima donna a conseguire il dottorato a Breslau (2 Dicembre 1900). L’aveva ottenuto in chimica fisica con una  tesi sulla solubilità dei sali metallici, avendo come supervisore Richard Abegg (1869-1910). Dopo il dottorato, Clara intraprese la carriera scientifica sotto la guida di Abegg e si conoscono almeno cinque articoli scientifici con la sua firma. Aveva sposato Haber nel 1901 e, da quel momento, la sua carriera finì perché sacrificò i suoi interessi alla famiglia e soprattutto perché soverchiata dal carattere totalizzante del marito. La convivenza con Haber si trasformò presto in un supplizio. Il marito era talmente assorbito dal lavoro al punto di ignorare, quasi, l’esistenza dei famigliari e il suo furore ideologico, aborrito dalla moglie completò il quadro.

Ricorre quest’anno l’anniversario della morte di Clara, la cui tragica fine, dovuta a suicidio, non può essere relegata semplicemente ad  episodio di natura famigliare ma costringe, ancora una volta, a porsi interrogativi sul cattivo uso della scienza. Forse, anche per questo, intorno a lei sono fioriti drammi teatrali, programmi televisivi e un importante premio scientifico.
In occasione dell‘8 Marzo piace qui ricordarla come la prima donna che ottenne il dottorato a Breslau. Fu un esempio coraggioso di emancipazione femminile, tristemente naufragato anche a causa dell’egoismo maschile e della follia distruttiva di una guerra che travolse le coscienze.

Per saperne di più:
Jan Apotheker (Ed.), Livia Simon Sarkadi (Ed.), “European Women in Chemistry”, Wiley, 2011

altri articoli

Le notizie di scienza della settimana

Sono state rese pubbliche il 5 dicembre scorso tre nuove mappe che mostrano le aree del pianeta più esposte al rischio sismico e quelle che, nel caso di un terremoto, subirebbero i danni maggiori in termini di morti, edifici crollati, danni all'economia (in particolare le tre mappe si riferiscono a hazard, risk ed exposure). A realizzarle, dopo quasi dieci anni di lavoro, è il Global Earthquake Model, un consorzio di università e industrie fondato dall'OCSE con sede a Pavia. Per la prima mappa i ricercatori hanno incorporato oltre 30 modelli nazionali e regionali di attività sismica con l'obbiettivo di calcolare la probabilità che un certo evento sismico con determinate caratteristiche si verifichi in ciascuna zona. Per la seconda hanno svolto un'indagine sui materiali e l'architettura degli edifici, mentre per la terza hanno misurato la distribuzione e la densità delle costruzioni. Nell'immagine i danni provocati dal terremoto del 28 settembre scorso a Petobo, un villaggio a sud della capitale Palu nella provincia centrale dell'isola di Sulawesi, Indonesia. Credit: Devina Andiviaty / Wikipedia. Licenza: CC BY-SA 3.0

Salute pubblica | Emissioni | Ricerca e società