Issues Brief - Food Security and Sustainable Agriculture

Read time: 2 mins

Il documento Rio 2012 Issues Brief 9 affronta il problema dell'agricoltura e dell'alimentazione a fronte dell'aumento di popolazione previsto per i prossimi decenni.

La FAO (Food and Agricolture Organization) stima che nel 2050 sul pianeta saremo 9 miliardi di persone, 2 miliardi in più di oggi: per sfamare tutti la produzione globale di cibo dovrà aumentare del 70%. Già oggi non tutti riescono a nutrirsi a sufficienza: circa 925 milioni di persone soffrono la fame.
L’agricoltura è al centro del nodo acqua-energia-cibo: aziende agricole rispettose dell’ambiente, che facciano un uso intelligente delle risorse acqua, suolo ed energia, possono diventare la base della futura economia.
I principali problemi per la produzione agricola sono rappresentati dal rapido degrado delle risorse primarie: suolo e acqua dolce soprattutto, ma anche foreste, oceani e biodiversità. I cambiamenti climatici non fanno che peggiorare la situazione.
Gli aspetti che saranno discussi a Rio+20 includono la conservazione della fertilità dei suoli, minacciata dalla desertificazione, la protezione delle aree a rischio e la salvaguardia della qualità e della disponibilità di acqua dolce. Altre istanze ambientali connesse con la sostenibilità dell’agricoltura sono il controllo e la gestione delle malattie di piante e animali; il controllo sugli agenti chimici tossici utilizzati; la gestione dei rifiuti solidi da agricoltura e la prevenzione dei disastri naturali.
La sfida della sostenibilità per la produzione agricola non si giocherà solo sul piano ambientale: l’agricoltura attualmente è “il più grande datore di lavoro del mondo”#, garantendo la sopravvivenza al 40% della popolazione mondiale. In futuro essa dovrà quindi essere anche economicamente sostenibile – essere conveniente – e socialmente responsabile.
Un elemento di novità rispetto alle precedenti assemblee internazionali sarà dato a Rio+20 proprio
dall’attenzione alle istanze sociali: in particolare i piccoli proprietari e le donne coltivatrici saranno al centro degli interventi. Ridurre la distanza tra i generi nell’accesso all’agricoltura potrebbe incrementare i redditi femminili del 20%-30%.

Articoli correlati

altri articoli

Fattori genetici di rischio per l'Alzheimer: le nuove varianti identificate

Placche di beta-amiloide nel campione autoptico di un paziente con malattia di Alzheimer. Crediti: Jensflorian/Wikimedia Commons. Licenza: CC BY-SA 3.0

Il più grande studio internazionale condotto finora ha portato all'identificazione di cinque nuove varianti genetiche che costituiscono fattori di rischio per la malattia di Alzheimer. I geni coinvolti sono implicati nei meccanismi dell'immunità e dell'infiammazione, processi la cui importanza nello sviluppo della malattia risulta dunque confermata. Un'ipotesi è che le cellule della microglia si attivino nel tentativo di fagocitare la proteina amiloide ma, non riuscendoci, si determini la de-regolazione di tutto il sistema. La ricerca, pubblicata su Nature Genetics, rappresenta inoltre un'importante conferma dei risultati degli studi precedenti, come varianti correlate al rischio di sviluppare la malattia in geni che agiscono sul metabolismo dell'amyloid precursor protein