fbpx Issues Brief 10 - Regional, national and local governance | Scienza in rete
SciRe/

Issues Brief 10 - Regional, national and local governance

Read time: 2 mins

Il documento Rio2012Issue brief 10 tratta il problema della governance a livello regionale, nazionale e locale, il cui rafforzamento è un punto cruciale per lo sviluppo sostenibile. E' importante che i problemi siano risolti a partire dal basso, dall'autorità competente meno centralizzata e più piccola, per poi passare ai livelli successivi: un così detto coordinamento fra istituzioni, a livello verticale e orizzontale. Alla dimensione regionale spetta il ruolo critico di connettore tra livello mondiale e nazionale, che negli ultimi anni ha acquisito sempre più importanza. Questo lavoro viene svolto dalle Commissioni Regionali, il cui compito è quello di facilitare e promuovere un'equilibrata integrazione fra gli aspetti economici, sociali e ambientali dello sviluppo sostenibile.
L' approccio integrato per lo sviluppo sostenibile avviene attraverso:

  1. Piattaforme dove discutere le decisioni e le deliberazioni (per esempio attraverso le sedute della commissione e le riunioni degli organi sussidiari delle commissioni, legati allo sviluppo sostenibile).           
  2. Collegamenti tra il livello globale e nazionale.
  3. Norme e standard di impostazione a livello regionale        
  4. Meccanismi di coordinamento regionali (RCM) che coordinano le organizzazioni             delle Nazioni Unite, ed enti a livello regionale

Le attuali interconnessioni e le lacune tra le principali organizzazioni (ONU, banche di sviluppo regionale, organizzazioni sub-regionali), potrebbero essere ulteriormente analizzate per migliorare e aumentare la coerenza e l'integrazione fra i processi e le iniziative.
Attraverso la governance a livello nazionale e locale invece, vengono prese e attuate le decisioni di politica pubblica, in base a interazioni e relazioni tra i diversi settori (governo, settore pubblico, privato e società civile). Le autorità locali, uno dei nove settori principali riconosciuti
dall' Agenda 21 sono considerati il livello di governo più vicino alle persone, e svolgono un ruolo fondamentale nel mobilitare e rispondere alla politica pubblica per promuovere lo sviluppo sostenibile. Nonostante i passi avanti è necessario ancora perseguire la via della collaborazione e integrazione lungo i due assi, verticale e orizzontale.

Articoli correlati

Aiuta Scienza in Rete a crescere. Il lavoro della redazione, soprattutto in questi momenti di emergenza, è enorme. Attualmente il giornale è interamente sostenuto dall'Editore Zadig, che non ricava alcun utile da questa attività, se non il piacere di fare giornalismo scientifico rigoroso, tempestivo e indipendente. Con il tuo contributo possiamo garantire un futuro a Scienza in Rete.

E' possibile inviare i contributi attraverso Paypal cliccando sul pulsante qui sopra. Questa forma di pagamento è garantita da Paypal.

Oppure attraverso bonifico bancario (IBAN: IT78X0311101614000000002939 intestato a Zadig srl - UBI SCPA - Agenzia di Milano, Piazzale Susa 2)

altri articoli

Futuro della ricerca italiana: una conversazione con Maria Cristina Messa

Maria Cristina Messa, ministra dell'università e della ricerca, deve affrontare la riforma delle carriere dei ricercatori di università e enti pubblici di ricerca, con l'obiettivo di ridurre il precariato e facilitare la mobilità tra istituti e anche da e verso l'estero. Inoltre, il suo ministero dovrà gestire 15 miliardi del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza e il nuovo Fondo Italiano per la scienza, istituito con il decreto "Sostegni bis".

Nell'immagine Messa in occasione del giuramento al palazzo del Quirinale il 13 febbraio 2021. Credit: Presidenza della Repubblica.

Maria Cristina Messa, professoressa ordinaria di diagnostica per immagini all’Università di Milano Bicocca ed ex rettrice nella stessa università, è stata nominata ministra dell’Università e Ricerca del governo Draghi a febbraio 2021. È la prima donna a ricoprire questo ruolo, la sesta se si considera il periodo di accorpamento del ministero dell’università con quello dell'istruzione. Nei primi mesi di incarico, ha nominato un’altra donna (Maria Chiara Carrozza) a capo del CNR. Forse anche questa scelta fa parte della modernizzazione di cui ha parlato più volte la ministra.