fbpx Issues Brief 10 - Regional, national and local governance | Scienza in rete

Issues Brief 10 - Regional, national and local governance

Primary tabs

Read time: 2 mins

Il documento Rio2012Issue brief 10 tratta il problema della governance a livello regionale, nazionale e locale, il cui rafforzamento è un punto cruciale per lo sviluppo sostenibile. E' importante che i problemi siano risolti a partire dal basso, dall'autorità competente meno centralizzata e più piccola, per poi passare ai livelli successivi: un così detto coordinamento fra istituzioni, a livello verticale e orizzontale. Alla dimensione regionale spetta il ruolo critico di connettore tra livello mondiale e nazionale, che negli ultimi anni ha acquisito sempre più importanza. Questo lavoro viene svolto dalle Commissioni Regionali, il cui compito è quello di facilitare e promuovere un'equilibrata integrazione fra gli aspetti economici, sociali e ambientali dello sviluppo sostenibile.
L' approccio integrato per lo sviluppo sostenibile avviene attraverso:

  1. Piattaforme dove discutere le decisioni e le deliberazioni (per esempio attraverso le sedute della commissione e le riunioni degli organi sussidiari delle commissioni, legati allo sviluppo sostenibile).           
  2. Collegamenti tra il livello globale e nazionale.
  3. Norme e standard di impostazione a livello regionale        
  4. Meccanismi di coordinamento regionali (RCM) che coordinano le organizzazioni             delle Nazioni Unite, ed enti a livello regionale

Le attuali interconnessioni e le lacune tra le principali organizzazioni (ONU, banche di sviluppo regionale, organizzazioni sub-regionali), potrebbero essere ulteriormente analizzate per migliorare e aumentare la coerenza e l'integrazione fra i processi e le iniziative.
Attraverso la governance a livello nazionale e locale invece, vengono prese e attuate le decisioni di politica pubblica, in base a interazioni e relazioni tra i diversi settori (governo, settore pubblico, privato e società civile). Le autorità locali, uno dei nove settori principali riconosciuti
dall' Agenda 21 sono considerati il livello di governo più vicino alle persone, e svolgono un ruolo fondamentale nel mobilitare e rispondere alla politica pubblica per promuovere lo sviluppo sostenibile. Nonostante i passi avanti è necessario ancora perseguire la via della collaborazione e integrazione lungo i due assi, verticale e orizzontale.

Articoli correlati

Scienza in rete è un giornale senza pubblicità e aperto a tutti per garantire l’indipendenza dell’informazione e il diritto universale alla cittadinanza scientifica. Contribuisci a dar voce alla ricerca sostenendo Scienza in rete. In questo modo, potrai entrare a far parte della nostra comunità e condividere il nostro percorso. Clicca sul pulsante e scegli liberamente quanto donare! Anche una piccola somma è importante. Se vuoi fare una donazione ricorrente, ci consenti di programmare meglio il nostro lavoro e resti comunque libero di interromperla quando credi.


prossimo articolo

La funzione samaritana della medicina, controcanto dell'ipertecnologia

In quest'era ipertecnologica, esiste ancora la possibilità di tenere la barra sulla rotta dell’umanesimo in medicina? Certo ne esiste la necessità, se è vero che più della metà dei medici si dice insoddisfatta della propria pratica, paradossalmente più sottoposta a critica e a ostilità oggi che la medicina è in grado di cambiare la prognosi di molte malattie un tempo fatali.

In copertina: The doctor, Luke Fields

In un momento in cui ogni scienza applicata vede il proprio futuro addirittura sotto l'egida dell'intelligenza artificiale, ha attirato l'attenzione di chi scrive un recente editoriale del Journal of the American Medical Association, a firma di Jayshil Patel, che suona come un controcanto, il disegno melodico secondario sottoposto al disegno melodico principale.