Covid-19/

Giovani europei in azione per la biodiversità

Read time: 3 mins

L’umanità si confronta oggi con grandi sfide, complesse e interdipendenti, che trascendono le frontiere: riscaldamento globale, cambiamenti climatici, rarefazione e ripartizione equa delle risorse, scelte energetiche, gestione dei rifiuti, OGM ...

Come può un giovane non rimanere disorientato, ma anzi trovare la propria identità di cittadino sensibile alle questioni della società e coinvolto nella progettazione del mondo di domani?

Occorre creare le condizioni perché i giovani cittadini possano svolgere il loro ruolo. È necessario permettergli di comprendere le problematiche e consentirgli di partecipare ai dibattiti e alle scelte della società affinché possano assumerle, sostenerle e cooperare alla loro realizzazione. Due prerequisiti sono necessari all’esercizio della cittadinanza: la conoscenza e la democrazia. La conoscenza è il fondamento di un consenso libero e informato e consente di formare cittadini capaci d’opinione e dotati di spirito critico. La democrazia è lo strumento attraverso il quale possono essere prese decisioni durature e condivise, in grado di superare i confini nazionali per inscriversi in una prospettiva europea ed internazionale. La principale sfida, dunque, consiste nel trasformare la questione ambientale in domande fertili e in azioni creative concertate fra cittadini, scienziati e responsabili politici. Per raggiungere questo obiettivo è stato costituito uno spazio autonomo, promosso dal network europeo Young People and Science in Society Issues. Si tratta di un laboratorio d’idee che permette ai giovani di formarsi e di sperimentare la democrazia e nuove forme di cittadinanza. E di assumere un ruolo attivo nelle trasformazioni sociali attraverso l’attivazione di una finestra di dialogo tra giovani europei e istituzioni locali, nazionali ed europee.

In questo contesto è stato concepito il progetto europeo “Youth Action on Biodiversity - Exchange 2010”, coordinato in Italia da Controvento . Il progetto coinvolge università, imprese ed associazioni di 11 paesi membri dell'UE: Francia, Italia, Spagna, Ungheria, Lituania, Estonia, Bulgaria, Romania, Slovacchia, Belgio e Malta. Nell'ambito del progetto, avrà luogo in Francia un grande evento dal 12 al 23 agosto incentrato sul tema della "Biodiversità". In questa occasione, 50 giovani europei d’età compresa tra i 18 e i 25 anni avranno la possibilità di partecipare al Summer Camp “Youth Action on Biodiversity”.

Durante il summer camp i giovani dialogheranno tra loro, incontreranno ricercatori e visiteranno coste e parchi del Sud della Francia per scoprire sul campo il concetto di biodiversità e le sue implicazioni e intraprendere azioni coordinate che svilupperanno nei mesi a venire.

Il Summer Camp si svolge dal 12 al 23 agosto a Marsiglia e in Ardèche. Possono partecipare all'iniziativa 6 giovani residenti sul territorio nazionale di ciascun paese partner d’età compresa tra i 18 e i 25 anni.
L'organizzazione prende in carico per ciascun partecipante il 100% dei costi di vitto e alloggio e il 70% dei costi di viaggio di A/R per Marsiglia. Chi fosse interessato a prendere parte a questa iniziativa è pregato di mettersi in contatto entro il 15 luglio con:
Nadia Fellini [email protected] 0547 20524 339 7381538

Aiuta Scienza in Rete a crescere. Il lavoro della redazione, soprattutto in questi momenti di emergenza, è enorme. Attualmente il giornale è interamente sostenuto dall'Editore Zadig, che non ricava alcun utile da questa attività, se non il piacere di fare giornalismo scientifico rigoroso, tempestivo e indipendente. Con il tuo contributo possiamo garantire un futuro a Scienza in Rete.

E' possibile inviare i contributi attraverso Paypal cliccando sul pulsante qui sopra. Questa forma di pagamento è garantita da Paypal.

Oppure attraverso bonifico bancario (IBAN: IT78X0311101614000000002939 intestato a Zadig srl - UBI SCPA - Agenzia di Milano, Piazzale Susa 2)

altri articoli

Propagazione di SARS-CoV-2, distanziamento e mascherine

Simonetta Pagliani ripercorre le informazioni che abbiamo sulla propagazione di SARS-CoV-2, dalle cui caratteristiche dipende l'efficacia del distanziamento fisico e quella delle mascherine. Il testo deriva dalla presentazione che Simonetta Pagliani ha fatto nel webinar  della Associazione Alessandro Liberati «Accuratezza dei test diagnostici, DPI, politiche di distanziamento e lockdown», tenutosi i 27 ottobre, trasmesso anche su Scienza in rete: https://www.scienzainrete.it/articolo/accuratezza-dei-test-diagnostici-d...

Crediti immagine: Background photo created by user3802032 - www.freepik.com

Protezione popolazione generale e addetti a compiti sanitari

Il lockdown totale, con la radicale diminuzione della mobilità individuale, ha sicuramente arginato il dilagare dell’epidemia, riducendo R0, che esprime il numero d’infezioni secondarie generate da un individuo infetto durante l’intero periodo infettivo, in una popolazione suscettibile, al tempo 0 di un’epidemia.