fbpx Il caso Glaxo | Scienza in rete

Il caso Glaxo

Read time: 3 mins

La questione è quella della società Glaxo, anzi GlaxoSmithKline, che è intenzionata a chiudere i laboratori di ricerca che possiede in Italia.  

La GSK è una multinazionale del settore farmaceutico – la seconda al mondo – nata e con sede in Gran Bretagna e presente in Italia sin dal 1932, attualmente con circa 3000 dipendenti dei quali circa 620 costituiscono il Centro di ricerche ubicato a Verona.

Per capire se e perché la GSk possa essere indotta a chiudere i laboratori di ricerca di Verona sarebbe necessario conoscere la reale condizione tecnologica ed economica della società, essendo quella finanziaria apparentemente del tutto solida. Centrale per una valutazione di una operazione, comunque dispendiosa, sarebbe la conoscenza della sua collocazione strategica in un settore - quello farmaceutico – tra i più dinamici se non il più dinamico sul piano dell’innovazione produttiva. Si tratta, inoltre, di un settore nel quale l’investimento nelle attività di  ricerca presenta costi e tempi di rientro molto elevati. Nello specifico le attività di ricerca condotte a Verona, nel settore delle neuroscienze, non fanno certamente eccezione.

La politica commerciale della GSK è costellata di episodi non sempre apprezzati sia in materia di concorrenza e promozione, sia nel campo della gestione delle risorse interne, ivi compreso il personale.  In linea di principio non sembrerebbe logico pensare che tra le condizioni che inducono la GSK a chiudere le attività di ricerca in Italia ci possa essere anche la questione dei ben noti vaccini prodotti l’autunno scorso, senza una reale domanda. Qualche interrogativo andrebbe sollevato, invece, a proposito di un finanziamento di attività di ricerca per oltre 24 milioni di euro erogati alla GSK dal nostro Ministero della salute nel settembre del 2008 e che non sembrerebbero tali da consentire di chiudere baracca e burattini dopo poco più di un anno. Con quali risultati? Quali erano gli accordi?

Quello che deve preoccupare è, in ogni caso, il fatto che una grande impresa riduca in Italia il suo impegno in materia di ricerca. I motivi di questa preoccupazione sono molto semplici: è unanime il riconoscimento della necessità di spostare le capacità produttive di un paese su prodotti/servizi tali da competere sul livello e la qualità tecnologica piuttosto che sul costo del lavoro.

La capacità di investire in ricerca da parte del sistema produttivo è, in genere, abbinata ad una dimensione d’impresa sufficiente e ad una specializzazione produttiva coerente con l’utilizzo del fattore ricerca. Come è noto questa capacità in Italia è minore, a confronto con gli altri paesi avanzati: la spesa in ricerca nelle nostre imprese è mediamente pari a meno del 50% di quella affrontata all’estero. Le motivazioni, ovviamente, non stanno in una “avarizia” specifica, ma appunto in una struttura dimensionale e, soprattutto, in una specializzazione produttiva che limitano obiettivamente le possibilità di investimento nella ricerca.

Se, dunque, il caso GSK dovesse essere un segnale che, anche per le grandi imprese tecnologicamente avanzate, nel nostro paese non si presentano condizioni positive per investire in ricerca, è evidente che la questione andrebbe ben al di là del caso specifico. Peraltro non sarebbero quelli della GSK i primi laboratori di ricerca chiusi in Italia da parte di qualche altra multinazionale farmaceutica.

Tra le varie conseguenze negative di eventi del genere si può così già ora rilevare come a fronte di una spesa nazionale complessiva in materia di farmaci e di elettromedicali in aumento, si  accresca, come è già successo negli anni scorsi, anche il nostro deficit commerciale negli stessi settori. La chiusura di laboratori di ricerca non appartiene contabilmente alla stessa partita ma piuttosto ad una perdita di ruolo difficilmente compatibile con un sistema produttivo tecnologicamente avanzato.  

Riflessioni per non fare del caso GSK un caso specifico e isolato, dunque, potrebbero non mancare, ma già in altre occasioni le necessità e le capacità di guardare oltre il proprio naso, sono risultati degli ostacoli insuperabili.

Iscriviti alla newsletter

Le notizie di scienza della settimana

 

No spam, potrai cancellare la tua iscrizione in qualsiasi momento con un click.

 

altri articoli

Piero Angela: ritratto del divulgatore da giovane

Per ricordare Piero Angela (1928-2022) Scienza in rete ha scelto di ripubblicare un testo dimenticato ma prezioso: l'intervista che il giornale Tempo medico fece al giornalista sul numero 187 del dicembre 1980. Allora cinquantaduenne, Angela non aveva ancora iniziato la fortunata trasmissione "Quark", ma aveva già una lunga consuetudine con la radio e la televisione, prima come corrispondente a Parigi e Bruxelles, poi al TG2, e su RAI 1 come autore di documentari. Fra l'altro, allora Angela aveva già all'attivo sei libri di divulgazione scientifica e le prime trasmissioni di scienza. Ecco cosa rispondeva, 42 anni fa, sul tema del giornalismo e della cultura scientifica in Italia. Tante cose sono cambiate da allora, ma non tantissime... Addio Piero Angela, grazie di tutto, e buona lettura a tutti voi. 

L'articolo, come tutti quelli di Tempo Medico, non è firmato. L'illustrazione di copertina è del grande illustratore Giovanni Mulazzani.

Piero Angela: lo sforzo di divulgare la scienza in una società poco propensa a coglierne i valori

Torinese, 52 anni, una cinquantina di documentari televisivi quasi tutti a carattere scientifico, sei libri di divulgazione che hanno riscosso un successo eccezionale: questa la scheda di riconoscimento di Piero Angela, sicuramente il più celebre dei giornalisti che hanno intrapreso il difficile compito di parlare di scienza al grande pubblico.