Più definita l'agenda del disarmo

Read time: 3 mins

Venerdì 15 maggio si sono concluse presso la sede dell’ONU a New York due settimane di lavori della terza (e ultima) sessione del Comitato di preparazione della prossima conferenza quinquennale di revisione del Trattato di non proliferazione (NPT), fissata per il mese di aprile 2010. L’ambasciatore dello Zimbabwe all’ONU, Boniface Chidyausiku, che ha presieduto la sessione, ha reso noto con notevole soddisfazione che i dibattiti preparatori hanno permesso di definire all’unanimità un’ambiziosa agenda di lavoro per la conferenza del 2010, in grado di affrontare i molteplici problemi del NPT, rispetto ai quali le posizioni dei vari paesi sono spesso distanti.

L’NPT, in vigore dal 1970, è il caposaldo del regime di non proliferazione delle armi nucleari, con gli obiettivi di impedire che nuovi paesi, oltre Cina, Francia, Russia, UK e USA, acquisiscano armi nucleari; agevolare la collaborazione internazionale per lo sviluppo dell’energia nucleare civile, sotto il controllo dell’Agenzia atomica internazionale (IAEA); promuovere il disarmo nucleare. Aderiscono praticamente tutti i paesi del mondo tranne Corea del Nord, India, Israele e Pakistan. 

La definizione di un’agenda unanime non era scontata, viste le correnti tensioni sul trattato e il grave fallimento della conferenza di revisione del 2005, quando, in un mese di discussioni, non fu nemmeno possibile definire un’agenda dei lavori.

Gli ultimi anni hanno visto infatti una crescente erosione del regime di non proliferazione, a causa di vari fattori: la decisione di Bush di denunciare il Programma d’azione per il disarmo nucleare in 13 passi concordato nella conferenza di revisione dell’NPT nel 2000; l’insicurezza legata alla relativa facilità per un paese di uscire dal trattato e utilizzare le competenze nucleari acquisite anche grazie all’NPT per un programma militare; i ritardi nel processo di disarmo nucleare; il rafforzamento dello status di paese nucleare nel contesto internazionale; l’incapacità di acquisire all’NPT l’adesione di India, Israele e Pakistan; la posizione ambigua della Corea del Nord; l’insufficienza delle garanzie fornite dalle procedure di monitoraggio della IAEA, rivelata dal tentato programma nucleare segreto dell’Irak negli anni ’80; le scarse adesioni alle procedure rafforzate di salvaguardia previste dalla IAEA; le tensioni sul programma di arricchimento dell’Iran; la scoperta del mercato nero nucleare del pakistano Abdul Qadeer Khan, attivo in segreto per 13 anni; l’accordo nucleare USA-India; la ripresa dell’energia elettronucleare a livello mondiale, e in particolare i programmi di 12-13 impianti nella delicata area mediorientale; l’atteggiamento di molti stati che sembrano riconsiderare la loro rinuncia alle armi nucleari, e comunque danno priorità agli interessi economici rispetto al controllo di materiali e tecnologie sensibili.

Il risultato positivo dei lavori di preparazione, che permette di guardare con grande speranza alla conferenza del 2010, è dovuto allo spirito costruttivo dimostrato da tutte le parti, in particolare da Egitto, Iran e USA, che avevano con il loro oltranzismo fatto fallire la conferenza del 2005; in particolare fondamentale è risultato, secondo Chidyausiku e molti osservatori, il messaggio del Presidente Obama, estremamente aperto sul disarmo nucleare, uno dei temi sensibili dell’NPT, finora largamente disatteso dalle potenze nucleari.

Non si è invece riusciti a concordare un documento finale con precise raccomandazioni per la conferenza del 2010, essendo mancato il consenso su alcune questioni, tuttavia di non fondamentale importanza. D’altra parte i tempi non sono ancora maturi per congelare proposte precise, dati i grandi sviluppi sul disarmo e in generale la politica nucleare della nuova amministrazione americana, che potrebbero presentare all’apertura della conferenza un panorama dei problemi e prospettive mondiali assai differente da quello attuale.

Articoli correlati

altri articoli

La sinfonia n° 13 di Šostakovič

L'annientamento della popolazione ebraica sul posto, al di fuori dei campi di sterminio, che i nazisti perpetrarono nella loro avanzata verso est dal mar Baltico al mar Nero, copre numericamente quasi la metà della Shoah. Babij Jar è un burrone non lontano da Kiev che, quando i tedeschi occuparono la città ucraina nel settembre del 1941, divenne la tomba della popolazione ebraica residente. E di intellettuali, partigiani ucraini, soldati prigionieri, addirittura calciatori della Dinamo che non si erano voluti far battere dalla squadra delle Forze Armate tedesche, ladri comuni, decine di migliaia di rom. A questo luogo, o meglio a ciò che rappresenta, Evgenij A. Evtušenko dedicò un poema, i cui versi sono stati immortalati dalla loro inclusione nella sinfonia n° 13 di Dmitrij D. Šostakovič. Poiché la sua intenzione era di rendere omaggio alle vittime innocenti non solo del nazismo, ma anche dello stalinismo, Šostakovič chiese poi a Evtušenko altri testi da introdurre nella sinfonia, che furono poi modificati su pressione di Nikita Chruščëv: “Vorrei scrivere una sinfonia per ciascuna delle vittime, ma è impossibile ed è per questo che dedico a tutte loro la mia musica”.
L'articolo di Simonetta Pagliani in occasione del Giorno della Memoria.
Crediti immagine: armenanno/Pixabay. Licenza: Pixabay License

La prima pattuglia russa giunse in vista del campo verso il mezzogiorno del 27 gennaio 1945. Fummo Charles ed io i primi a scorgerla: stavamo trasportando alla fossa comune il corpo di Sómogyi, il primo dei morti fra i nostri compagni di camera. Rovesciammo la barella sulla neve corrotta, ché la fossa era ormai piena, ed altra sepoltura non si dava: Charles si tolse il berretto, a salutare i vivi e i morti. Erano quattro giovani soldati a cavallo, che procedevano guardinghi, coi mitragliatori imbracciati, lungo la strada che limitava il campo.