La scienza in Africa

Read time: 4 mins

L’Africa si estende per 30 milioni di chilometri quadrati e ospita oltre 900 milioni di persone. Nei dieci anni compresi tra il 1999 e il 2008 in questo continente, secondo il Global Research Report Africa pubblicato di recente dalla Thomson Reuters, sono stati prodotti meno di 28.000 articoli scientifici in media per anno. Più o meno quanto in Olanda, che di abitanti ne ha solo 6 milioni (sparsi su una superficie di 7.500 km2).

Anche per investimenti, secondo un altro recente rapporto, Science with Africa, in questi dieci anni l’intero continente ha contribuito con meno dell’1% alla spesa mondiale in ricerca e sviluppo (R&S).

Non c’è dubbio, in termini assoluti il contributo dell’Africa alla scienza è piuttosto piccolo. Tuttavia è un contributo in rapida crescita. In dieci anni, infatti, la produzione degli scienziati africani è pressoché triplicata. E in grandi paesi, come l’Egitto, la Nigeria e il Sud Africa, gli investimenti assoluti in ricerca e sviluppo e la loro intensità stanno raggiungendo notevoli livelli: il Sud Africa investe circa l’1,0% del Pil in ricerca, un’intensità di spesa paragonabile, più o meno, a quello dell’Italia. Alcuni piccoli paesi mostrano performance addirittura migliori: il Ruanda nel 2008 ha investito l’1,6% del Pil in ricerca e sviluppo (poco meno della media europea scesa all’1,7%) e conta di raggiungere il 3,0% (lo stesso obiettivo che si sono dati Europa, Usa e Cina) entro il 2020. Mentre il Malawi mostra una qualità della sua ricerca (misurata attraverso l’impact factor medio degli articoli scientifici prodotti nel paese) superiore alla media mondiale.

Con più di 50 paesi, centinaia di lingue e dialetti, una diversità culturale ed etnica senza pari in altri continenti, l’Africa è una realtà molto frammentata. I paesi a nord del Sahara sono scientificamente i più vivaci. Sono solo sei, ma nel decennio 1999-2008 hanno prodotto, in media 10.500 articoli scientifici per anno (si intende articoli su riviste internazionali con peer review, classificati dalla Thomson Reuters). La parte meridionale dell’Africa, che conta 14 paesi, ha avuto una produzione appena inferiore: 10.000 articoli per anno. Scientificamente più depressa è la zona centrale: conta 34 paesi, ma produce in media solo 7.500 articoli scientifici per anno.

C’è una grande differenza, infine, tra i singoli paesi. Il Sud Africa (49 milioni di abitanti; 96 articoli per milioni di abitenti l'anno)è di gran luna il paese scientificamente più produttivo. Nel decennio preso in esame, infatti, i suoi scienziati hanno prodotto 47.000 articoli. E su 21 diverse aree disciplinari, risultano i primi del continente in 15, secondi in 5 e quarti in un’altra area.

Dopo il Sud Africa viene l’Egitto (78 milioni di abitanti; 38 articoli per milione di abitanti). Che, nel decennio, ha prodotto 30.000 articoli scientifici complessivi. E su 21 aree disciplinari risulta primo in 5 (chimica, ingegneria, scienze dei materiali, farmacologia e fisica) e secondo in altre 8.

Al terzo posto viene la Nigeria (148 milioni di abitanti;6,8 articoli per milione di abitanti l'anno), i cui scienziati hanno prodotto circa 10.000 lavori in dieci anni. Gli scienziati nigeriani sono risultati i più prolifici di tutta l’Africa nel campo delle scienza agrarie. La Tunisia (10 milioni di abitanti, 100 articoli per milione di abitanti), paese molto più piccolo ma molto più ricco, ha fatto registrare una produzione quasi analoga a quella nigeriana. Seguita da vicino dall’Algeria (35 milioni di abitanti; circa 25 articoli per milione di abitanti). Entrambe hanno avuto performance superiori a quella del Kenya (6.500 articoli in totale), che è il paese con la maggiore economia dell’area centro-orientale. Il Kenya ha 31 milioni di abitanti e ogni anno produce circa 21 articoli per milione di abitanti.

La classifica della produttività – anche se misurata come numero di articoli per unità di ricchezza invece che per numero di abitanti – è molto diversa. Gli scienziati più produttivi rispetto alle risorse disponibili risiedono in Zimbabwe. Ma, secondo gli analisti della Thomson Reuters, bisogna tenere in conto che lo Zimbabwe è un paese molto povero e quindi bastano un minimo di attività scientifica per avere un ottimo rapporto produzione/risorse. Più rispondente alla qualità assoluta del lavoro sono le performance fatte registrare in due paesi piccoli, ma molto vivaci e relativamente più ricchi: la Tunisia a nord del Sahara e il Malawi nella parte meridionale del continente.

Fin qui una foto statica della scienza in Africa. Bisogna dire che, nel corso di questi dieci anni, la produzione scientifica complessiva dell’Africa è nettamente aumentata, passando da circa di 12.000 a oltre di 30.000 articoli per anno. In termini assoluti il nord e il sud del continente sono cresciuti di più. Ma in termini relativi anche la parte centrale del continente ha dimostrato un ritmo di crescita sostenuto.

Malgrado tutto ciò la scienza in Africa e la scienza dell’Africa contano ancora troppo poco. E anche se alcuni paesi ce la possono fare, per il continente nel suo complesso è ancora lontana la possibilità di partecipare alla società e all'economia della conoscenza.

Articoli correlati

altri articoli

Le notizie di scienza della settimana #104

Il biologo molecolare russo Denis Rebrikov ha dichiarato che ha intenzione di impiantare nell'utero di una donna embrioni geneticamente modificati con la tecnica CRIPSR entro la fine dell'anno. L'obiettivo sarebbe quello di prevenire che la madre, colpita da una forma di HIV resistente ai farmaci antiretrovirali, trasmetta il virus ai propri figli. Per farlo, Rebrikov userebbe la tecnica CRISPR-Cas9 per disattivare il gene CCR5, in modo simile a quanto fatto dallo scienziato cinese He Jiankui che lo scorso novembre aveva annunciato di essere stato il primo a far nascere una coppia di gemelle con questo procedimento (He voleva però evitare la trasmissione del virus dell'HIV dal padre alle figlie). La legislazione russa proibisce l'editing del genoma umano in senso generale, ma la legge sulla fertilizzazione in vitro non vi fa esplicito riferimento, e dunque Rebrikov potrebbe trovarsi di fronte un vuoto normativo che conta di colmare chiedendo l'autorizzazione di una serie di agenzie governative, a partire dal Ministero della salute. Scienziati ed esperti di bioetica si dicono preoccupati. La tecnologia non è ancora matura, motivo per cui qualche mese fa un gruppo di importanti ricercatori del campo avevano chiesto di mettere a punto una moratoria sul suo utilizzo in embrioni destinati all'impianto in utero. Non è chiaro poi se i rischi superino i benefici. In primo luogo, la disattivazione del gene CCR5 protegge dalla trasmissione del virus dell'HIV nel 90% dei casi. In secondo luogo, il rischio di mutazioni off-target e on-target indesiderate è ancora molto alto. Rebrikov sostiene che la sua tecnica ne riduca drasticamente la frequenza, ma finora non ha pubblicato alcuno studio scientifico che lo dimostri. Nell'immagine: lo sviluppo di embrioni umani geneticamente modificati con la tecnica CRISPR per correggere una mutazione responsabile della cardiomiopatia ipertrofica (lo studio, condotto nel laboratorio di Shoukhrat Mitalipov presso la Oregon Science and Health University di Portland, risale al 2017 ed è stato pubblicato su Nature). Credit: Oregon Science and Health University. Licenza: OHSU photos usage

Dove finisce la plastica dei ricchi?

Ogni anno gli Stati Uniti producono 34,5 milioni di tonnellate di rifiuti di plastica. 1 milione di tonnellate vengono spedite fuori dal continente. Fino a qualche anno fa la maggior parte veniva spedita in Cina e Hong Kong, ma nel 2017 la Cina ha chiuso le porte a questo tipo di importazioni, autorizzando solo l'arrivo della plastica più pulita e dunque più facile da riciclare.