fbpx Carlo Scaffidi | Scienza in rete
SciRe/

Carlo Scaffidi

Dottorando in Cyber Physical Systems presso il Dipartimento di Ingegneria dell'Università di Messina ([email protected]). Ha conseguito la laurea (V.O.) in Ingegneria Elettronica (con lode), sviluppando la tesi presso il Centro Ricerche Fiat di Orbassano (Torino). Dal 2014 al 2016 è stato borsista in elettronica di potenza. Nel 2018 ha preso parte al progetto IoT Open, contribuendo allo sviluppo del distance lab. Attualmente si occupa di interazione veicolo-città intelligenti, rilevazione dell'inquinamento atmosferico, sistemi embedded, modellazione Simulink.

Informatica e Covid-19: la reazione italiana

L'informatica ha avuto e ha un ruolo importante nella pandemia di Covid-19, per esempio nell'ambito della telemedicina e del contact tracing, nonché nel supporto ad altre scienze. Un gruppo di ricercatori del CINI ha organizzato un censimento dei progetti informatici nati in Italia. 

Crediti immagine: Mathew Schwartz/Unsplash

Le scienze e le tecnologie informatiche giocano un ruolo primario nella lotta contro Covid-19, direttamente, attraverso sistemi e servizi specifici (contact tracing, monitoraggio del rispetto delle norme di distanziamento sociale, telemedicina, didattica a distanza), o a supporto di altre scienze (diagnostica per immagini, epidemiologia e virologia computazionale). Per avere un’idea più precisa dell’importanza di questo fenomeno in Italia, nel maggio 2020, in coda alla prima ondata pandemica, abbiamo organizzato un censimento dei progetti informatici nati per fronteggiare la pandemia.