fbpx Guido Martinelli | Scienza in rete
Covid-19/

Guido Martinelli

Guido Martinelli
Nato a Napoli il 20 agosto 1952
Ordinario di Fisica delle particelle elementari

Laureato in Fisica con Nicola Cabibbo e Giorgio Parisi, dal 1977 al 1987 è ricercatore presso i Laboratori Nazionali di Frascati dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN). Nel 1988 assume l'incarico di professore associato di Fisica teorica all'Università La Sapienza di Roma e nel 1990 diventa ordinario. Dal 2001 al 2007 è direttore del Dipartimento di Fisica e dal 2007 al 2010 è presidente dell'Ateneo della Scienza e della Tecnologia della Sapienza.  Da novembre 2010 è direttore della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati (SISSA) di Trieste.
È stato presidente della CSN4 dell'INFN fino al 21 settembre 2011. E’ membro  inoltre del  Scientific Committee del Galileo Galilei Institute for Theoretical Physics.
I principali interessi della sua attività di ricerca sono: Fisica delle particelle elementari e fenomenologia, in particolare interazioni forti, interazioni deboli, asimmetria materia-antimateria, fisica del Modello Standard e sue estensioni (Supersimmetria e Dimensioni Extra), teorie di campo, in particolare metodi non-perturbativi, Lagrangiane chirali e teorie sul reticolo, meccanica statistica.

E se la particella non fosse il bosone di Higgs?

La scoperta del bosone di Higgs rappresenta uno straordinario successo della scienza moderna e della tecnologia ad essa associata. Essa conferma, in particolare, la validità della ricerca scientifica in fisica teorica e sperimentale, e costituisce un importantissimo passo in avanti nella comprensione dei costituenti e delle forze fondamentali della natura. È una grandissima conquista per l’umanità intera che alcuni scienziati, non solo Higgs ma anche Englert e Brout, abbiano predetto quasi cinquant’anni