Pier Luigi Luisi

Pier Luigi Luisi , dopo oltre trenta anni al Politecnico Federale di Zurigo, ha assunto la posizione di professore di Biochimica all’università’ di Roma3. Si e’ occupato prevalentemente della autorganizzazione e autoriproduzione di compartimenti-micelle e vescicole, di origine della vita e di biologia sintetica. Luisi e’ stato anche il creatore fin dal 1985, al Politecnico di Zurigo, delle settimane di Cortona, preposte alle interdisciplinarita’ e al dialogo tra cultura scientifica e cultura umanistica, esperienza di recente esportata anche in India. Autore di “The emergence of life” (2006) per Cambridge University Press, di “Mind and Life” per Columbia University Press (2009), “The Minimal Cell” (2011) per Springer, di “Chemical Synthetic Biology” per Wiley(2011).

 

Prove di dialogo fra scienza e buddhismo

Introduzione

Uno degli aspetti più interessanti della diffusione del Buddhismo nell’Occidente è l’alto numero di scienziati che hanno preso a partecipare ai dialoghi tra scienza e buddhismo. Una misura di questo è data dalle conferenze dell’Istituto Mind and Life, costituito nel 1987 dal presente XIV Dalai Lama, Tenzin Gyatso, con lo scopo appunto di promuovere il dialogo tra la tradizione buddhista e il pensiero scientifico moderno.

Aiuta Scienza in Rete a crescere. Il lavoro della redazione, soprattutto in questi momenti di emergenza, è enorme. Attualmente il giornale è interamente sostenuto dall'Editore Zadig, che non ricava alcun utile da questa attività, se non il piacere di fare giornalismo scientifico rigoroso, tempestivo e indipendente. Con il tuo contributo possiamo garantire un futuro a Scienza in Rete.

E' possibile inviare i contributi attraverso Paypal cliccando sul pulsante qui sopra. Questa forma di pagamento è garantita da Paypal.

Oppure attraverso bonifico bancario (IBAN: IT78X0311101614000000002939 intestato a Zadig srl - UBI SCPA - Agenzia di Milano, Piazzale Susa 2)

Il senso delle proteine mai nate

L’articolo di Fischer, Hecht e collaboratori recentemente pubblicato su PLoS One (Fischer 2011) offre un bell’esempio di biologia sintetica, quella nuova branca della biologia che ha l’ambizione di sintetizzare in laboratorio forme alternative di vita.