fbpx Marianna Franchino | Scienza in rete
SciRe/

Marianna Franchino

Consegue la laurea magistrale in Ingegneria per l’Ambiente e il Territorio presso il Politecnico di Torino nel 2016. Specializzata in Life Cycle Assessment e certificazioni ambientali di prodotto, dal 2017 lavora nell’ambito della sostenibilità nel settore edile seguendo diversi progetti europei e nel 2020 intraprende il master in comunicazione della scienza presso l’Università Bicocca di Milano (MaCSIS). 

Comunità energetiche e cittadinanza attiva

Le comunità energetiche, una delle misure contenute nel pacchetto per l’energia pulita cui l’Europa si affida per raggiungere i suoi obiettivi a lungo termine, mirano a favorire la transizione energetica e l’adattamento ai cambiamenti climatici di comunità costituite da cittadini e imprese locali, promuovendo al tempo stesso la diffusione di competenze, consapevolezza e accettazione delle tematiche energetiche sostenibili tra la popolazione. Ripercorriamo la normativa in materia e gli obiettivi delle comunità energetiche.

Crediti immagine: Pexels/Pixabay

La sfida della transizione energetica ha portato a rivedere il modello stesso di produzione e consumo della nostra società, che negli ultimi anni si è tradotto con una maggior attenzione verso il territorio e la decentralizzazione dei beni nelle aree extra-urbane. Un cambio di prospettiva, che attraverso un approccio bottom-up mette in atto azioni territoriali con un maggior coinvolgimento dei cittadini, unendo soluzioni tecnologiche di efficientamento energetico e decarbonizzazione a benefici socioeconomici significativi.