fbpx Simone Chiusoli | Scienza in rete
Covid-19/

Simone Chiusoli

Simone Chiusoli, bolognese, è laureato in scienze cognitive e sta frequentando il Master in Comunicazione della Scienza alla Sissa di Trieste. I suoi interessi riguardano le scienze umane e il loro rapporto con la biologia. Attualmente si occupa del legame tra evoluzionismo, antropologia e psicologia. Collabora con Oggiscienza.

Homo sapiens, la specie invasiva

L’impatto umano contemporaneo sugli ecosistemi è di portata eccezionale, ma invasivi siamo sempre stati. È la nostra firma, a partire dalla rivoluzione cognitiva, 70.000 anni fa.

Crediti immagine: NASA Earth Observatory

Homo sapiens è una specie invasiva. A questa caratteristica possiamo dare una connotazione negativa o positiva a seconda della prospettiva che decidiamo di adottare. La nostra insaziabile sete di territorio e di risorse sta producendo oggi un cortocircuito in grado di compromettere l’intero ecosistema terrestre, sapiens inclusi. Cambiamenti climatici, perdita di biodiversità, catastrofi ambientali e pandemie sono ormai quotidiana realtà per il nostro pianeta. D’altro canto, anche il nostro successo evolutivo ha molto a che vedere con tale caratteristica.

Adolescenti: poca corteccia molto rischio

adolescenti

Convincere gli adolescenti a seguire i vari comportamenti anti-Covid-19 al rientro a scuola, ma anche in tutti gli altri ambienti, è una questione che deve fare i conti con le caratteristiche di sviluppo del cervello sotto i vent'anni circa. Le neuroscienze ci danno una spiegazione che dovrebbe essere presa maggiormente in considerazione.

Immagine: Pixabay License.

In questa fase della pandemia hanno trovato un piccolo spazio, grazie alla regolare ripartenza delle scuole, nonostante i timori. Gli interrogativi legati alla loro sicurezza sono emersi da subito: indosseranno la mascherina quando necessario? Manterranno il distanziamento fisico? Saranno consapevoli dei rischi che questo virus comporta a loro stessi e, soprattutto, ai loro genitori e nonni? Fra tutti i periodi della vita, infatti, ce n’è uno che pare il più controverso.