Giorgio Assennato

Dal 2006 è Direttore Generale dell’Agenzia Regionale per la Prevenzione e la Protezione dell’Ambiente – ARPA Puglia.
Dal 1974 al 2011: Professore  ordinario di Medicina del Lavoro presso il Dipartimento di Medicina Interna e Medicina Pubblica dell’Università degli Studi di Bari.
Presidente del Comitato Scientifico del Registro Tumori Puglia.

La lezione del caso di Taranto

Le vicende dell’ILVA di Taranto che continuano a preoccupare l’opinione pubblica, non solo locale, pongono al sistema agenziale un interrogativo cogente: perché in Italia c’è bisogno dell’intervento duro della magistratura penale per riequilibrare una governance ambientale condizionata dalle lobby industriali e dai correlati interessi politico-economici?

Aiuta Scienza in Rete a crescere. Il lavoro della redazione, soprattutto in questi momenti di emergenza, è enorme. Attualmente il giornale è interamente sostenuto dall'Editore Zadig, che non ricava alcun utile da questa attività, se non il piacere di fare giornalismo scientifico rigoroso, tempestivo e indipendente. Con il tuo contributo possiamo garantire un futuro a Scienza in Rete.

E' possibile inviare i contributi attraverso Paypal cliccando sul pulsante qui sopra. Questa forma di pagamento è garantita da Paypal.

Oppure attraverso bonifico bancario (IBAN: IT78X0311101614000000002939 intestato a Zadig srl - UBI SCPA - Agenzia di Milano, Piazzale Susa 2)

Inquinamento di oggi e di ieri

Una  governance ambientale unicamente fondata sul principio del “control & command”, e basata sul mero rispetto dei limiti definiti dalla normativa o dalle specifiche autorizzazioni, non appare del tutto convincente né scientificamente né socialmente.