fbpx Vaccini nel mondo: la sfida continua | Scienza in rete

Vaccini nel mondo: la sfida continua

Primary tabs

Tempo di lettura: 3 mins

La Global Alliance for Vaccines and Immunization (GAVI) compie dieci anni e fa un bilancio in un articolo che abbiamo scritto per Nature Immunology (allegato). 4,5 miliardi di dollari distribuiti, 250 milioni di bambini vaccinati per le diverse malattie in 70 paesi in via di sviluppo: i risultati di questa prima decade sono certamente positivi. Si stima che questo sforzo si sia tradotto in 5,4 milioni di vite salvate, bambini, sottratti a malattie quali difterite, pertosse, epatite B, Haemophilus Influenzae di tipo B (HIB), morbillo, meningite, febbre gialla, tetano e polio. Un altro importante risultato del programma (supportato da OMS, Unicef, Fondazione Bill & Melinda Gates, il mondo accademico e dell'industria) è aver raggiunto, nei Paesi in via di sviluppo aiutati da GAVI, una copertura del 70% della diffusione del vaccino trivalente per difterite, tetano e pertosse.

Nella cornice dell'Alleanza sono inoltre stati messi a punto strumenti finanziari innovativi che hanno già garantito l'erogazione di 8 miliardi di dollari da parte dei Paesi donatori nei prossimi 5-20 anni, soprattutto per diffondere anche nelle nazioni povere i vaccini più recenti (polmonite pneumococcica e per la diarrea da rotavirus). Attraverso l'International Finance Facility for the Immunization (IFFIm), uno di questi strumenti, sono stati raccolti 2,6 miliardi di dollari per diffondere ulteriormente la copertura vaccinale nel mondo.

L'Advanced Market Commitment (AMC), invece, lanciato a Lecce nel 2009, punta sul finanziamento per lo sviluppo di vaccini per i quali non c'è un particolare interesse del mercato. Il programma pilota è stato indirizzato al vaccino pneumococcico per la sua rilevanza epidemiologica (circa 800mila morti potenzialmente evitabili all'anno), finanziato con 1,5 miliardi di dollari.

Nel 2008 il programma di GAVI ha esteso il suo portfolio di vaccini da offrire alle nazioni povere a quelli per la febbre tifoide (dai 200 ai 600mila morti all'anno), rosolia, papilloma virus (250mila morti all'anno per cancro alla cervice dell'utero nei paesi poveri), ed encefalite giapponese. Mentre in prospettiva si sta lavorando per realizzare vaccini efficaci perl'HIV-AIDS, malaria e tubercolosi. Quest'ultima malattia provoca 2milioni di morti all'anno ed è la principale causa di morte per i bambini di età inferiore ai 5 anni. Attualmente per la ricerca nel campo della tubercolosi si spendono all'anno 500 milioni di dollari, mentre GAVI stima che con 360mila dollari si potrebbe mettere in produzione un vaccino più efficace di quello attuale, con un"guadagno" di 7 milioni di vite.

La crisi economica attuale impone restrizioni e dolorose scelte di priorità anche a GAVI. Finora questo programma si è mostrato migliore di altri nel rafforzare i sistemi sanitari dei Paesi poveri, anche se deve vincere ancora una sfida: portare i vaccini fino ai villaggi più remoti. Finora GAVI si è concentrata nel provuovere l'acquisto e la diffusione dei vaccini, ma per il futuro va ripreso in seria considerazione l'obiettivo di promuovere maggiormente la ricerca e l'innovazione in campo vaccinale. A questo proposito riteniamo che per affrontare priorità come la lotta alla tubercolosi e alla malattie diarroiche sia necessario investire in ricerca. Solo così GAVI potrà risvegliare nuove energie nella lotta alle malattie evitabili. 

Articoli correlati

Scienza in rete è un giornale senza pubblicità e aperto a tutti per garantire l’indipendenza dell’informazione e il diritto universale alla cittadinanza scientifica. Contribuisci a dar voce alla ricerca sostenendo Scienza in rete. In questo modo, potrai entrare a far parte della nostra comunità e condividere il nostro percorso. Clicca sul pulsante e scegli liberamente quanto donare! Anche una piccola somma è importante. Se vuoi fare una donazione ricorrente, ci consenti di programmare meglio il nostro lavoro e resti comunque libero di interromperla quando credi.


prossimo articolo

Influenza aviaria, le infezioni nei bovini e la risposta sanitaria

Si riaccende l'attenzione sull'influenza aviaria, soprattutto dopo la recente scoperta di un ceppo ad alta patogenicità in bovini da latte negli Stati Uniti. Il salto di specie rimarca la capacità dei virus influenzali di adattarsi e infettare nuovi ospiti, aumentando la necessità di sistemi di sorveglianza e risposta efficaci. Nonostante i rischi, attualmente non ci sono prove di trasmissione diretta tra bovini; le misure di controllo si concentrano sulla prevenzione del contagio e la protezione dei lavoratori esposti.

Ora che la pericolosità delle infezioni da Covid-19 è stata domata, anche se non completamente sconfitta (più di 3.000 nuovi casi notificati negli ultimi 30 giorni e un non trascurabile numero di ricoveri in ospedale), i virus dell’influenza aviaria si riaffacciano all’attenzione di chi studia l’orizzonte di prossime eventuali minacce pandemiche. Soprattutto da quando, il 25 marzo 2024, i funzionari federali del Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti hanno annunciato di aver identificato un ceppo di influenza aviaria ad alta patogenicità in alcuni bovini da latte.