fbpx Tutte le distanze evolutive tra le specie in una app | Scienza in rete
Covid-19/

Tutte le distanze evolutive tra le specie in una app

Tempo di lettura: 2 mins

In attesa delle celebrazioni che si terranno al Museo Civico di Storia Naturale di Milano dal 10 al 12 febbraio prossimo in occasione dell''Evolution Day 2012 (diretta streaming su Scienza in rete) è facile e divertente ingannare il tempo con TimeTree.
TimeTree è una app studiata dal Center for Evolutionary Functional Genomics per rendere accessibili le informazioni scientifiche pubblicate in letteratura sulle distanze evolutive che separano tutti gli esseri viventi.

L'app è molto semplice da utilizzare e la grafica chiara e uniforme. Per conoscere la divergenza tra 2 specie è sufficiente, nella schermata principale, inserire i nomi degli organismi da confrontare (in inglese o utilizzando il nome scientifico).
L'app restituisce il valore della distanza evolutiva in milioni di anni e i link agli articoli scientifici utilizzati per la formulazione del risultato. E' possibile inviare i dati ottenuti a un qualunque indirizzo email.

Un esempio: la distanza tra un uomo (Homo sapiens) e una formica (formica) è di 782,7 milioni di anni!

Il database interrogato dal TimeTree viene aggiornato periodicamente. La versione 3.0 del database rilasciata il 27 settembre 2011 contiene dati provenienti da 1.209 studi.
E' possibile richiedere l'inserimento di uno studio che indica tempi di divergenza non inclusi nel database di TimeTree inviando il file PDF all'indirizzo e-mail [email protected]

TimeTree è un progetto nato dalla collaborazione tra Blair Hedges della Pennsylvania State University e Sudhir Kumar dell'Arizona State University. E' stato supportato in parte dalla National Science Foundation, dal NASA Astrobiology Institute e dalla Science Foundation of Arizona.

TimeTree è compatibile sia con dispositivi Apple sia con dispositivi Android.

Per chi non volesse scaricare l'app è possibile effettuare le stesse ricerche anche online sul sito di TimeTree. Sul sito è inoltre possibile scaricare gratuitamente poster e parti del libro "The Timetree of Life" di S. Blair Hedges e Sudhir Kumar.

TimeTree: A public knowledge-base of divergence times among organisms. Bioinformatics 22: 2971-2972

Video tutorial (in inglese) e anteprime dell'app:

[video:http://www.youtube.com/watch?v=CxmshZQciwo]

timetree 1 timetree 4timetree 2 timetree 3

Articoli correlati

Aiuta Scienza in Rete a crescere. Il lavoro della redazione, soprattutto in questi momenti di emergenza, è enorme. Attualmente il giornale è interamente sostenuto dall'Editore Zadig, che non ricava alcun utile da questa attività, se non il piacere di fare giornalismo scientifico rigoroso, tempestivo e indipendente. Con il tuo contributo possiamo garantire un futuro a Scienza in Rete.

E' possibile inviare i contributi attraverso Paypal cliccando sul pulsante qui sopra. Questa forma di pagamento è garantita da Paypal.

Oppure attraverso bonifico bancario (IBAN: IT78X0311101614000000002939 intestato a Zadig srl - UBI SCPA - Agenzia di Milano, Piazzale Susa 2)

altri articoli

Le varianti virali: che cosa cambia?

Prima la Gran Bretagna, poi il Sudafrica e da ultimo il Brasile: le nuove “versioni” del coronavirus sono al centro dell’attenzione degli scienziati e dell’opinione pubblica. Cosa ne sappiamo? Sono più pericolose? Possono davvero cambiare la traiettoria della pandemia e mettere a rischio l’efficacia dei vaccini e delle terapie? Perché è importante sequenziare il virus?

Durante i mille anni che separano la caduta dell’Impero Romano d’Occidente dall’invenzione della stampa, nei monasteri benedettini sparsi per l’Europa legioni di monaci amanuensi copiavano su robusti fogli di pergamena ricavati dalla pelle di agnello o di vitello i testi antichi, tramandati su fragili rotoli di papiro e sopravvissuti al trascorrere del tempo e alle vicissitudini politiche e militari dell’Alto Medioevo.