Covid-19/

Predire la felicità con un’equazione matematica

Tempo di lettura: 3 mins

Quanto vi sentite felici in una scala da 1 a 10? E se questa domanda vi venisse posta mentre state prendendo delle decisioni pensate che la vostra risposta cambierebbe? E come influirebbero le conseguenze delle decisioni sul vostro stato d’animo? La risposta in uno studio condotto dalla UCL e pubblicato su PNAS: la felicità non dipende da quanto stanno andando bene le cose in questo momento ma piuttosto dal fatto che stanno andando meglio o peggio del previsto.

Gli avvenimenti che accadono durante la nostra vita possono modificare la nostra felicità in positivo o negativo e questo è un dato di fatto. Quello che finora non si sapeva esattamente è quanto si sentono felici le persone mentre prendono decisioni e prendono atto delle conseguenze di queste decisioni.
La felicità è un concetto difficile da definire e la relazione complessa che esiste tra la felicità e il benessere suggerisce che non esiste una relazione semplice nemmeno tra felicità e ricompensa. Proprio per questo i ricercatori hanno deciso inizialmente di concentrarsi solo sulle recompense in quanto fattori quantificabili.
Sono stati scelti 26 partecipanti che dovevano prendere delle decisioni, 150 in tutto. Alcune decisioni avevano risultati certi, altre erano “rischiose” ovvero potevano portare tanto un guadagno quanto una perdita. Tutti i partecipanti partivano con un capitale di 20 dollari e al termine delle 150 decisioni portavano a casa quanto avevano guadagnato.
Ogni due o tre scelte veniva chiesto loro quanto ti sentissero felici e questi dovevano spostare un cursore su una barra per indicare lo stato di felicità in quel dato momento.

Per prima cosa è emerso che la felicità non dipendeva in modo univoco dalle ricompense. Per esempio i soggetti che avevano guadagnato 28 dollari oltre i 20 di partenza se durante le singole domande del test mostravano di aver aumentato la loro felicità, in generale dall’inizio alla fine dell’esperimento non mostravano miglioramenti nel loro stato d’animo.
Così i ricercatori hanno cominciato a ipotizzare un legame della felicità non con la ricompensa ma con l’aspettativa e, soprattutto, con quanto il risultato delle decisioni andava oltre le aspettative dei partecipanti.
A partire dai dati, non solo quelli ottenuti tramite il test decisionale ma anche quelli dell’attività cerebrale dei partecipanti registrata tramite risonanza magnetica funzionale, gli scienziati hanno realizzato un modello matematico.
Il modello è stato infine testato su 18 420 persone attraverso il gioco “What makes me happy?”, cosa mi rende felice?, distribuito con una app per smarthpone, sviluppata sempre dalla UCL e chiamata “The great brain experiment”.

Il risultato? Sembrerebbe che il consiglio che spesso ci sentiamo ripetere, ovvero quello di abbassare le nostre aspettative abbia un fondo di verità. Aspettative minori, infatti, aumentano la probabilità che il risultato di una nostra decisione sia migliore di quanto ci aspettiamo e questo ha un impatto positivo sulla nostra felicità momentanea.
Il modello matematico si è rivelato molto accurato: “il gioco ha mostrato che la nostra semplice equazione si applica correttamente a migliaia di persone sparse in giro per il mondo e questo dimostra che il nostro approccio a questo genere di problemi ha un grande potenziale.” A dirlo è stato Robb Rutledge del UCL Welcome Trust Centre for Neuroimaging e Max Planck UCL Centre for Computational Psychiatry and Ageing, primo autore dello studio.
Il tutto potrebbe sembrare un gioco curioso e fondamentalmente inutile ma, secondo gli scienziati, quantificare gli stati soggettivi delle persone in modo matematico potrebbe aiutare i medici a capire meglio i disordini dell’umore e questo a sua volta potrebbe portare allo sviluppo di farmaci più efficaci.

Aiuta Scienza in Rete a crescere. Il lavoro della redazione, soprattutto in questi momenti di emergenza, è enorme. Attualmente il giornale è interamente sostenuto dall'Editore Zadig, che non ricava alcun utile da questa attività, se non il piacere di fare giornalismo scientifico rigoroso, tempestivo e indipendente. Con il tuo contributo possiamo garantire un futuro a Scienza in Rete.

E' possibile inviare i contributi attraverso Paypal cliccando sul pulsante qui sopra. Questa forma di pagamento è garantita da Paypal.

Oppure attraverso bonifico bancario (IBAN: IT78X0311101614000000002939 intestato a Zadig srl - UBI SCPA - Agenzia di Milano, Piazzale Susa 2)

altri articoli

Antartide sopra i 2°C: punto di non ritorno?

antartide

All’inizio del 2020 le temperature nell’Antartico hanno superato per la prima volta i 20°C e questa non è in alcun modo una buona notizia. Uno studio pubblicato su Nature stima che, restando sotto i 2°C di aumento della temperatura globale media per fine secolo, avremmo almeno circa 1.3 metri di mare in più. Se dovessimo superare i 2°C, si arriverebbe anche a 2.4 metri (per ogni grado in più).

Immagine: Pixabay License.

Un cubetto di ghiaccio in un bicchiere d’acqua, se si scioglie, non contribuisce a far innalzare il livello del liquido. Questo è facilmente verificabile applicando le note leggi di Archimede. Allo stesso modo, non è il ghiaccio galleggiante, come gli iceberg, che determina l’aumento del livello del mare, ma, come sappiamo, i ghiacci continentali. L’Antartide ha un’estensione di circa 14 milioni di km2, un volume di quasi 27 milioni di km3 e detiene più della metà delle risorse di acqua dolce della Terra.