La matematica del cuore

Read time: 3 mins

I Heart Math. Credit: Travisdoesmath.

Vincere un ERC Advanced Grant non è facile, vincerne due in pochissimi anni è davvero notevole. Soprattutto se nel mezzo ci sono anche due ERC Proof of Concept Grants.

È la storia di Alfio Quarteroni, matematico italiano di fama mondiale per i suoi numerosi studi sulle innovative applicazioni della matematica, che attualmente lavora presso l'Ecole Polytechnique Fédérale di Losanna, e che tornerà in Italia alla fine del 2017, proprio per lavorare al suo nuovo progetto da quasi 2,5 milioni di euro al Politecnico di Milano, che è peraltro una delle realtà italiane che si è aggiudicata più ERC Grants negli ultimi anni.

Questa volta Quarteroni punta al cuore, letteralmente. iHEART, an integrated heart model for the simulation of the cardiac function, rappresenta infatti il primo tentativo al mondo di creare un modello completo del cuore umano, che comprende tutte le dinamiche fisiche che messe insieme chiamiamo vita: la componente elettrica, meccanica, fluidodinamica e via dicendo. Sebbene diversi gruppi nel mondo stiano lavorando da vent'anni per costruire modelli matematici delle varie funzioni cardiache, questa è la prima volta in cui si studierà un modello integrato.

L'idea è quella di costruire un modello virtuale del nostro cuore che sia in grado non solo di descrivere minuziosamente le interazioni che avvengono al suo interno, ma anche predirne le dinamiche, nella prospettiva di costruire uno strumento in grado di aiutare i clinici nello studio della genesi e nella cura delle malattie cardiovascolari. In molti casi si è costretti infatti a proporre trattamenti sulla base di statistiche, che però non sempre si accordano con le condizioni dello specifico paziente che si ritrova senza saperlo un cuore malandato e bisognoso di cure tempestive ed efficaci. Possedere un modello integrato dei processi cardiovascolari potrebbe migliorare la prevenzione, la clinica e la cardiochirurgia, in particoalre in ambito neonatale.

“Quello che ci interessa al momento è portare la matematica a un livello più avanzato – spiega Ottavio Crivaro, amministratore di Moxoff, spinoff del Politecnico di cui Quarteroni è presidente – ora che possediamo strumenti di calcolo molto potenti. L'idea è quella di una ricerca di base che volga lo sguardo sempre più alle possibilità di trasferimento tecnologico, anche al di fuori dell'ambito originario da cui lo studio ha preso il via – proseguono Crivaro e Quarteroni – come è avvenuto per la piattaforma aXurge, una piattaforma per supportare i chirurghi vascolari nel trattamento dell'aneurisma aortico addominale.” Anche aXurge - ora in fase di test in alcuni ospedali - nasce infatti dai risulati ottenuti grazie a un ERC Advanced Grant, vinto da Quarteroni nel 2008.

È ancora troppo presto per parlare nel dettaglio delle tecnologie che verranno messe in campo nel progetto iHEART - continuano Crivario e Quarteroni. - Ma è significativo quello che siamo riusciti a fare nel caso di aXurge, dove il medico avrà uno strumento che elabora una grande quantità di dati del paziente per decidere se procedere con una data terapia o intervenire chirurgicamente. E in tal caso aXurge supporta il medico nella configurazione ottimale del kit per l'intervento, attraverso protesi endovascolari.”

Non è un caso dunque che lo stesso Quarteroni, che è uno scienziato eclettico, parli del suo progetto come un “microscopio virtuale” dove le malattie cardiovascolari e la loro evoluzione vengono viste come dei fenomeni da descrivere attraverso equazioni complesse che sta a noi provare a risolvere. “La matematica - spiega Quarteroni - acquisisce dati, crea un modello del paziente in grado di descrivere i processi fisiologici e patologici con equazioni. Ed è risolvendo queste equazioni che si può descrivere il suo stato cardiovascolare e la sua evoluzione.”

@CristinaDaRold

altri articoli

Le notizie di scienza della settimana #104

Il biologo molecolare russo Denis Rebrikov ha dichiarato che ha intenzione di impiantare nell'utero di una donna embrioni geneticamente modificati con la tecnica CRIPSR entro la fine dell'anno. L'obiettivo sarebbe quello di prevenire che la madre, colpita da una forma di HIV resistente ai farmaci antiretrovirali, trasmetta il virus ai propri figli. Per farlo, Rebrikov userebbe la tecnica CRISPR-Cas9 per disattivare il gene CCR5, in modo simile a quanto fatto dallo scienziato cinese He Jiankui che lo scorso novembre aveva annunciato di essere stato il primo a far nascere una coppia di gemelle con questo procedimento (He voleva però evitare la trasmissione del virus dell'HIV dal padre alle figlie). La legislazione russa proibisce l'editing del genoma umano in senso generale, ma la legge sulla fertilizzazione in vitro non vi fa esplicito riferimento, e dunque Rebrikov potrebbe trovarsi di fronte un vuoto normativo che conta di colmare chiedendo l'autorizzazione di una serie di agenzie governative, a partire dal Ministero della salute. Scienziati ed esperti di bioetica si dicono preoccupati. La tecnologia non è ancora matura, motivo per cui qualche mese fa un gruppo di importanti ricercatori del campo avevano chiesto di mettere a punto una moratoria sul suo utilizzo in embrioni destinati all'impianto in utero. Non è chiaro poi se i rischi superino i benefici. In primo luogo, la disattivazione del gene CCR5 protegge dalla trasmissione del virus dell'HIV nel 90% dei casi. In secondo luogo, il rischio di mutazioni off-target e on-target indesiderate è ancora molto alto. Rebrikov sostiene che la sua tecnica ne riduca drasticamente la frequenza, ma finora non ha pubblicato alcuno studio scientifico che lo dimostri. Nell'immagine: lo sviluppo di embrioni umani geneticamente modificati con la tecnica CRISPR per correggere una mutazione responsabile della cardiomiopatia ipertrofica (lo studio, condotto nel laboratorio di Shoukhrat Mitalipov presso la Oregon Science and Health University di Portland, risale al 2017 ed è stato pubblicato su Nature). Credit: Oregon Science and Health University. Licenza: OHSU photos usage

Dove finisce la plastica dei ricchi?

Ogni anno gli Stati Uniti producono 34,5 milioni di tonnellate di rifiuti di plastica. 1 milione di tonnellate vengono spedite fuori dal continente. Fino a qualche anno fa la maggior parte veniva spedita in Cina e Hong Kong, ma nel 2017 la Cina ha chiuso le porte a questo tipo di importazioni, autorizzando solo l'arrivo della plastica più pulita e dunque più facile da riciclare.