Covid-19/

L'app galattica dell'ASI

Tempo di lettura: 2 mins
Miniatura app: 
Valutazione media per questa versione: 
nessuna
Valutazione di Scienza in rete: 
cool
Dimensione: 
27.8 Mb e 26.3 Mb
Prezzo: 
gratis
Titolo: 
Next Step Mars e Next Step Mars V2
15/11/2011 e 10/12/2011
Autore: 
Pixel Age S.r.l.
Anteprima: 
Next Step Mars è un gioco progettato in collaborazione con l'Agenzia Spaziale Italiana per avvicinare il grande pubblico al mondo dello spazio e della ricerca scientifica.
Lingua: 
italiano

Next Step Mars (NSM) è un videogioco ideato dalla "Pixel age" in collaborazione con l'Agenzia spaziale italiana. L'app è stata concepita per avvicinare il grande pubblico al mondo dello spazio e della ricerca scientifica e per far conoscere l’ASI e la sua missione istituzionale.

L'obiettivo del gioco è quello di organizzare una missione destinata alla colonizzazione di Marte. Per far questo è necessario procedere all’assemblaggio della Base Orbitante NSM sulla quale sarà poi costruita l'astronave che porterà uomini, mezzi e materiali sul pianeta rosso.
La Base va completata con le risorse a disposizione su NSM e con quelle in arrivo dalla Terra. Un team di tecnici astronauti è a disposizione per provvedere alla costruzione e al mantenimento della Base Orbitante. Essi necessitano però di tempo, aria, cibo, energia e di essere protetti dai pericoli esterni. La forza del Campo Magnetico terrestre e sciami di meteoriti minacciano infatti periodicamente NSM.
La costruzione della grande Serra Idroponica, al centro della Base Orbitante, è l’ultimo incarico per garantire l’autosufficienza energetica alla Base.
Se non si completa tutto questo entro il tempo assegnato la missione viene cancellata.

L'idea è davvero innovativa e interessante, il gioco lievemente troppo statico.

Next Step Mars è compatibile solo per iPad, Next Step Mars V2 è compatibile con iPhone, iPod touch e iPad.

Una descrizione di Fabrizio Zucchini dell'app Next Step Mars.

Video tutorial e anteprime dell'app:

[video:http://www.youtube.com/watch?v=q9Vhs8O-WFc]

NSM fig 1 NSM fig 2 NSM fig 3 NSM fig 4

Aiuta Scienza in Rete a crescere. Il lavoro della redazione, soprattutto in questi momenti di emergenza, è enorme. Attualmente il giornale è interamente sostenuto dall'Editore Zadig, che non ricava alcun utile da questa attività, se non il piacere di fare giornalismo scientifico rigoroso, tempestivo e indipendente. Con il tuo contributo possiamo garantire un futuro a Scienza in Rete.

E' possibile inviare i contributi attraverso Paypal cliccando sul pulsante qui sopra. Questa forma di pagamento è garantita da Paypal.

Oppure attraverso bonifico bancario (IBAN: IT78X0311101614000000002939 intestato a Zadig srl - UBI SCPA - Agenzia di Milano, Piazzale Susa 2)

altri articoli

Antartide sopra i 2°C: punto di non ritorno?

antartide

All’inizio del 2020 le temperature nell’Antartico hanno superato per la prima volta i 20°C e questa non è in alcun modo una buona notizia. Uno studio pubblicato su Nature stima che, restando sotto i 2°C di aumento della temperatura globale media per fine secolo, avremmo almeno circa 1.3 metri di mare in più. Se dovessimo superare i 2°C, si arriverebbe anche a 2.4 metri (per ogni grado in più).

Immagine: Pixabay License.

Un cubetto di ghiaccio in un bicchiere d’acqua, se fonde, non contribuisce a far innalzare il livello del liquido. Questo è facilmente verificabile applicando le note leggi di Archimede. Allo stesso modo, non è il ghiaccio galleggiante, come gli iceberg, che determina l’aumento del livello del mare, ma, come sappiamo, i ghiacci continentali. L’Antartide ha un’estensione di circa 14 milioni di km2, un volume di quasi 27 milioni di km3 e detiene più della metà delle risorse di acqua dolce della Terra.