fbpx Green Pass, atto di civiltà e rispetto verso gli altri | Scienza in rete
SciRe/

Green Pass, atto di civiltà e rispetto verso gli altri

Tempo di lettura: 2 mins

In merito alla raccolta di firme di alcuni universitari che contestano l’uso del Green Pass per accedere agli Atenei, i firmatari, membri del Gruppo 2003 per la Ricerca Scientifica vogliono esprimere il loro motivato dissenso. Nella nostra qualità di cittadini e di scienziati (alcuni dei quali medici e ricercatori  impegnati nel contrasto della pandemia), non riusciamo proprio a vedere come il possesso di un documento che attesti la vaccinazione, la guarigione da Covid-19 negli ultimi sei mesi o la negatività a un tampone molecolare nelle ultime 48 ore, possa risultare discriminatorio e liberticida.

La ricerca scientifica sviluppata in questo anno e mezzo dominato dalla tragedia del Covid-19 e l'ampio uso fatto finora a livello mondiale dei vaccini anti-SARS COV-2 disponibili hanno ormai accertato che i vaccini sono sicuri e che riducono significativamente le probabilità di contagio e le conseguenze gravi della malattia. 

Il Green Pass si limita ad attestare che la persona che lo possiede non costituisce un rischio per gli altri, e quindi non si capisce perché gli Atenei dovrebbero derogare da quanto previsto dal decreto legge del 6 agosto, che regola l’uso della certificazione verde in scuole, università, eventi sportivi, spettacoli e mezzi di trasporto. 

Il certificato abilita al lavoro in luoghi chiusi come aule e laboratori - e di certo, e giustamente, limita la libertà personale di chi si sottrae a questo adempimenti - in nome di una superiore libertà collettiva, come hanno recentemente sottolineato il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e la ministra Cristina Messa, anche in considerazione del protrarsi dell'emergenza nazionale al 31 dicembre 2021. 

Il Gruppo2003 ritiene che usare il Green Pass, così come vaccinarsi, in questo momento della storia del Paese sia un atto di civiltà e di rispetto verso gli altri. 

Maria Pia Abbracchio, presidente
Maria Cristina Facchini, vicepresidente 
Carlo la Vecchia
Alessandro Reali
Pier Mannuccio Mannucci
Silvio Garattini
Mauro Serafini
Paola Bonfante
Giovanni de Girolamo
Andrea Scozzafava
Sandro Fuzzi
Isabella Maria Gioia
Gaetano Di Chiara
Franco Brezzi
Nicola Bellomo
Giuseppe Mingione
Giulia Grancini
Vincenzo Di Marzo
Eleuterio Ferrannini
Marco Bindi
Rocco De Nicola
Patrizia Caraveo
Mario Clerici
Francesca De Michelis
Carlo Cecati
Riccardo Valentini
Giuseppe Marino
Dario Papale
Giacomo Rizzolatti
Vincenzo Balzani
Daniele Del Rio
Piero Genovesi
Maurizio Battino
Filippo Frontera
Alessandro De Angelis
Giorgio Parisi
Angelo Izzo
Alvio Renzini
Luigi Stella
Francesco Longo
Giancarlo Sangalli
Giuseppe Mancia
Aldo Pietro Maggioni
Antonella Muraro
Angelo Izzo
Girolamo Calò
Alberto Catapano
Eva Negri
Marco Perugini
Francesco Forastiere
Bruno Mezzetti
Silvano Sozzani
Liberato Manna
Brunangelo Falini
Franco Miglietta
Erasmo Carrera
Francesco Dell’Isola
Calogero Vetro
Giuseppe Saglio
Roberto Satolli
Nicola Segata

 

Aiuta Scienza in Rete a crescere. Il lavoro della redazione, soprattutto in questi momenti di emergenza, è enorme. Attualmente il giornale è interamente sostenuto dall'Editore Zadig, che non ricava alcun utile da questa attività, se non il piacere di fare giornalismo scientifico rigoroso, tempestivo e indipendente. Con il tuo contributo possiamo garantire un futuro a Scienza in Rete.

E' possibile inviare i contributi attraverso Paypal cliccando sul pulsante qui sopra. Questa forma di pagamento è garantita da Paypal.

Oppure attraverso bonifico bancario (IBAN: IT78X0311101614000000002939 intestato a Zadig srl - UBI SCPA - Agenzia di Milano, Piazzale Susa 2)

altri articoli

Equivoci su libertà e pandemia al Festival di filosofia

Il Festival di filosofia di Modena, Carpi e Sassuolo, conclusosi da poco, è stato quest'anno dedicato al tema della libertà, trattato nel contesto della pandemia, ma molte delle argomentazioni emerse derivano da un uso a dir poco semplicistico e scorretto dei dati a disposizione, enfatizzandone alcuni a discapito di altri, come nella peggiore retorica sofistica.

Crediti immagine: aboodi vesakaran/Unsplash

Nel Capitolo 22 della Genesi è narrato il famosissimo episodio della legatura di Isacco, erroneamente tradotto con «sacrificio», in quanto nessuno verrà mai sacrificato. La scena è notissima e travalica di molto i confini dell’immaginario religioso. Si tratta dell’ultima delle dieci prove che Abramo deve superare per rispondere alla chiamata divina, che in Gen. 21, 1, gli aveva chiesto di lasciare «la propria terra, la propria famiglia, la casa di suo padre» per dirigersi verso il luogo che gli sarebbe stato mostrato.