Covid-19/

Giacomo Leopardi tra scienza e letteratura

Tempo di lettura: 3 mins

È poco noto, ma prima del greco Giacomo Leopardi ha incontrato le scienze. Dell'amore per l'astronomia, delle letture di fisica e chimica racconta il nuovo libro di Giuseppe Mussardo e Gaspare Polizzi, "L'infinita scienza di Giacomo Leopardi" (Scienza Express, 2019). La recensione di Valentina Sordoni.
Crediti: Carlo Raso/Flickr. Licenza: dominio pubblico

Basta un titolo per immaginare orizzonti sconfinati. Soprattutto se echeggia il bicentenario della poesia tra le più famose nella storia della letteratura italiana, nell’annus mirabilis di anniversari, tra arti e scienza tout court. Dei cinquecento dalla morte di Leonardo da Vinci, dei cinquanta dall’allunaggio, e dei centocinquanta della tavola periodica di Dmitrij Ivanoviĉ Mendeleev.

Forse non è casuale. Sicuramente non è un azzardo, “L’infinita scienza di Leopardi”, pubblicato da Giuseppe Mussardo e Gaspare Polizzi per i tipi di Scienza Express. È la constatazione, ormai indiscutibile, dell’influenza scientifica nell’opera di Giacomo Leopardi, l’enfant prodige cresciuto leggendo Omero, Orazio, Virgilio, ma anche Isaac Newton, Galileo Galilei e Antoine-Laurent de Lavoisier. Lo dimostrano le prime prove del fanciullo geniale, le “Dissertazioni filosofiche”, scritte tra il 1811 e il 1812 in preparazione del domestico saggio finale, dedicato nientemeno che alla chimica e la storia naturale, la fisica generale e particolare, comprensive della contemporanea astronomia, destinata a infervorare l’intrepida immaginazione del ragazzo.

Prima del greco, insomma, Giacomo incontra le scienze. Un appuntamento fedele alla “Ratio studiorum”, il testo fondante della pedagogia gesuitica rielaborato nell’Ottocento, la base educativa di ogni rampollo che si rispetti. Di questo giovanile rendez-vous ci parlano gli autori del libro, un fisico e un filosofo, proiettati nello stesso universo scientifico-letterario, illuminandone squarci differenti, competenze alla mano diverse, nella comune prospettiva di un dialogo possibile, anzi necessario, tra scienza e letteratura.

Ecco allora la passione di Giacomo per l’astronomia, «La più sublime, la più nobile tra le Fisiche Scienze». L’incontro con gli astri è un vis à vis, erudito e serrato, con gli astronomi di tutti i tempi, antichi e moderni. Compreso Copernico, un “personaggio concettuale”, per Mussardo e Polizzi. Ma anche Galileo Galilei, l’autore più citato, tra l’altro, nella “Crestomazia italiana della prosa”, la raccolta antologica compilata nel 1827. La prima antologia galileiana. Per mano di un poeta. Se Copernico svela a Leopardi una verità scomoda e dissacrante, l’insignificanza umana nella compagine universale, Galileo è «modello non soltanto di stile, ma di pensiero, uno “scetticismo ragionato e dimostrato” di matrice empirica e relativistica con qualche venatura materialistica» (p. 44).

Un materialismo, quello leopardiano, alimentato sì dal pensiero classico, ma corroborato da letture impensabili, fondamentali per l’interpretazione di una filosofia così articolata, un’operazione di costruzione e decostruzione, spesso contraddittoria. Letture scientifiche, come i “Fondamenti della Scienza chimico-fisica applicati alla formazione de’ corpi e ai fenomeni della natura”, di Vincenzo Dandolo, imprescindibili per trasmettere al giovane la nouvelle chimie lavoiseriana. Per suggerire la dinamicità di una materia produttrice e distruttrice, conservatrice di se stessa, espressa dalla legge ponderale di conservazione della massa, nota a tutti gli studenti di chimica. Leopardi la fa propria, e il “Frammento apocrifo di Stratone da Lampsaco”, redatto a Bologna nel 1825, è il manifesto incontestabile del fortunato sodalizio tra scienza e letteratura.

Un’osmosi fertile e incessante analizzata con piglio divulgativo, illuminando la poetica in rapporto alle fonti, con approfondimenti teorici e medaglioni biografici necessari per comprendere il contesto scientifico con cui Giacomo si confronta. La conclusione è una finestra spalancata sull’Infinito, il concetto del dolce naufragio, della grandezza incommensurabile della sinuosa lemniscata. Indagato con un piacevole linguaggio filosofico e matematico, da Aristotele a George Cantor, è l’esempio emblematico, il più suggestivo, per scorgere oltre la siepe il valore del dialogo tra le «due culture».

 

Aiuta Scienza in Rete a crescere. Il lavoro della redazione, soprattutto in questi momenti di emergenza, è enorme. Attualmente il giornale è interamente sostenuto dall'Editore Zadig, che non ricava alcun utile da questa attività, se non il piacere di fare giornalismo scientifico rigoroso, tempestivo e indipendente. Con il tuo contributo possiamo garantire un futuro a Scienza in Rete.

E' possibile inviare i contributi attraverso Paypal cliccando sul pulsante qui sopra. Questa forma di pagamento è garantita da Paypal.

Oppure attraverso bonifico bancario (IBAN: IT78X0311101614000000002939 intestato a Zadig srl - UBI SCPA - Agenzia di Milano, Piazzale Susa 2)

altri articoli

Rileggiamo la storia della pandemia con lenti One Health

L’articolo è uscito su The Nation del 14 luglio: https://www.thenation.com/article/society/pandemic-definition-covid/ e ripubblicato su Scienzainrete per gentile concessione della rivista. Scelto e tradotto da Davide Lovisolo.

Nell’estate del 1832, un flagello misterioso proveniente dall’Asia incombeva sulla città di New York, dopo aver devastato Londra, Parigi e Montreal. I medici avevano raccolto dati che dimostravano che la misteriosa malattia – il colera – si stava propagando lungo il canale Erie, inaugurato da poco, e il fiume Hudson, puntando dritto su New York; ma gli amministratori della città non cercarono di regolare il traffico che scendeva lungo le vie d’acqua.