ERC 2019: bene italiani, male Italia

Tempo di lettura: 4 mins

Un ricercatore in erba osserva i ragni sulle piante con una lente d'ingrandimento. Crediti: Stoyko Sabotanov, Wikimedia. Licenza: CC BY 4.0

Starting grant

Le istituzioni italiane nel 2019 (bando 2018) si sono aggiudicate 18 starting grant ERC, i finanziamenti elargiti dall’Europa ai giovani ricercatori che hanno completato il phd da non più di 7 anni e che non hanno ancora ricoperto il ruolo di principal investigator. Finanziamento per ogni singolo progetto: 1,5 milioni di euro per un periodo di 5 anni. Nel 2019 ERC ha finanziato 408 starting grant.

Figura 1. Vincitori starting grant per nazionalità istituzione ospite segmentati per i tre ambiti di ricerca.

Le istituzioni vincitrici di ERC sono distribuite in 24 Paesi. L’Italia è ottava per numero di grant vinti, 18. Superata sia dagli altri principali Paesi (Germania, Regno Unito, Francia, Spagna) sia da paesi decisamente meno popolosi (Paesi Bassi, Israele, Svizzera).

Un risultato non eccellente ma comunque in risalita: nella call 2018 l’Italia era undicesima per grant aggiudicati (15).

Da notare, rispetto al 2018, la maggior capacità di attrarre grant SSH di Germania, UK e Paesi Bassi: erano già forti in questo settore e nel 2019 hanno persino vinto di più. Sembra che nella maglio parte dei Paesi le humanities, di cui pure tanto si discute, non abbiano ancora espresso piani di ricerca che siano capaci di competere a livello internazionale.

Se aumenta il numero di istituzioni italiane capaci di ospitare un grant, cala invece il numero di italiani vincitori: 37, contro 42 nel 2018. Nel 2019 la compagine italiana scende quindi di un posto, dalla seconda alla terza posizione dietro alla solita Germania (72 vincitori) alla Francia (38). Da notare che il Regno Unito occupa per numero di vincitori la 7 posizione (26): una situazione quasi speculare a quella italiana, le loro istituzioni sono molto competitive mentre i ricercatori lo sono meno.

Figura 2.  Vincitori starting grant per nazionalità e genere del ricercatore.

Come negli anni precedenti per la maggior parte i ricercatori italiani hanno vinto fuori dai confini nazionali. In questa speciale classifica (si noti la quota verde della figura 3) l’Italia è saldamente al comando da anni. Purtroppo.

Figura 3. Vincitori starting grant per nazionalità del ricercatore. In blu chi è ospite di una istituzione del proprio paese in verde chi lavora all'estero.

Dall’analisi dei flussi dei vincitori nei vari Paesi si nota la perfetta politica tedesca: tantissimi grant vinti, metà da ricercatori tedeschi metà da ricercatori provenienti da altri paesi. Anche in Italia la distribuzione è quasi 50/50 ma il numero di grant vinti non è paragonabile: una differenza che non è giustificata nemmeno se la si rapporta al maggio numero di abitanti o la PIL più elevato, come già analizzato in questo articolo ERC chiama. Italia non risponde. L’Italia appare per quello che è: un paese in crisi con scarsi investimenti in ricerca sia in campo pubblico sia in quello privato. È bene quindi che tra i grant vincitori ci siano anche questi due: “De-industrializing Societies and the Political Consequences” e “Behavioral Foundations of Populism and Polarization”, entrambi ospitati alla Bocconi di Milano.

Figura 4. Vincitori starting grant per nazionalità istituzione ospite segmentati per provenienza dei ricercatori.

La capacità di attrarre grant resta quindi scarsa mentre è alta la propensione a esportare talenti: l’Italia consolida questa tradizione di anno in anno e nulla sembra poter invertire questa tendenza. Nessun cambiamento all’orizzonte.

Consolidator grant

Di nuovo male le istituzioni italiane nella capacità di attrarre ricerca. Questi i risultati dei consolidator grant, assegni (2 milioni di euro per 5 anni) riservati a ricercatori con almeno 7 e fino a 12 anni di esperienza dopo il PhD: solo 7 i progetti italiani, uno nelle scienze sociali, 6 nelle scienze fisiche e ingegneristiche, 0 (zero) nelle scienze della vita. In totale la metà di quelli vinti nel 2018 (15). Un risultato che preoccupa e conferma l’inadeguatezza del sistema italiano di imporsi nei tavoli europei.

Figura 5. Vincitori consolidator grant per nazionalità dell'istituzione ospite.

Gli italiani, al contrario, riescono a vincere quando vanno all’estero: sui 23 totali (erano stati 35 nel 2018) ben 16 hanno vinto grazie al supporto di istituzioni straniere. Sono quindi il gruppo più numeroso di scienziati all’estero dopo quello tedesco ponendo il nostro paese in una situazione unica nel panorama dei grandi paesi europei: l’unica nazione in cui il numero di ricercatori vincitori all’estero è maggiore  di quello dei vincitori nel paese di appartenenza.

Figura 6. Vincitori consolidator grant per nazionalità del ricercatore. In blu chi è ospite di una istituzione del proprio paese in verde chi lavora all'estero.

 

Advanced grant

I risultati degli advanced grant, asseganti a ricercatori esperti che da almeno 10 anni conducono ricerca di eccellenza, saranno disponibili ad aprile 2020.

Articoli correlati

altri articoli

La pseudoscienza della psicoanalisi: una constatazione epistemologica

Una forma di bias negazionista sembra difendere la psicanalisi contro l’ipotesi che si tratti di una pseudoscienza. In quest'articolo, Gilberto Corbellini entra nel merito della questione, compiendo una disamina della letteratura in merito: la psicoanalisi, conclude, è fondata su una teoria della mente che non ha un senso biologico, è generica e non è confutabile. E dunque, al di là del giudizio morale e dei risvolti bioetici, rientra tra le pseudoscienze.
Crediti immagine: venetapublicidad/Pixabay. licenza: Pixabay License

La questione se la psicoanalisi sia una scienza o una pseudoscienza, affrontata in una recente intervista, continua a far sobbalzare sulle loro sedie, oltre che gli psicoanalisti che hanno un interesse anche economico nella faccenda, persone che sarebbero del tutto disposte ad ammettere che l’agopuntura o l’omeopatia sono pseudoscienze.