Darwin Day 2019 reloaded

Read time: 3 mins

Natura immaginata. Comprendere il mondo naturale attraverso le immagini

12-13 febbraio 2019
Museo di storia naturale di Milano
Corso Venezia 55, Milano - M1 Palestro

Come è cambiata la rappresentazione della natura nel corso del tempo? Chi ha segnato le svolte più importanti nel nostro modo di approcciarci al mondo naturale? Quale aiuto ci ha dato e può darci la tecnologia per conoscere ciò che appare inaccessibile ai sensi? Nel 2019 ricorre il cinquecentenario della morte di Leonardo da Vinci, genio poliedrico ma anche attento osservatore e minuzioso illustratore della natura: il Darwin Day 2019 lo celebrerà, assieme ad alcuni dei personaggi e delle ricerche che hanno, mediante le immagini, cambiato il nostro modo di pensare il mondo naturale e hanno aperto nuovi orizzonti della conoscenza in campi scientifici particolari. Alexander von Humboldt, con la sua rivoluzionaria idea della natura come un unico grande affresco globale dove tutto è collegato, è uno tra i protagonisti indiscussi. Genio ammirato e seguito da artisti e pensatori come Johann Wolfgang Goethe, ha ispirato scienziati come Charles Darwin ed Ernst Haeckel, ma anche i primi movimenti per la conservazione della natura in Europa e in Nord America. A partire da Darwin la fotografia ha rivoluzionato l’illustrazione scientifica e ne è diventata, accanto al disegno, compagna inseparabile. Per questo, il Darwin Day 2019 esplorerà anche le moderne tecniche di studio di ciò che i nostri occhi non riescono a penetrare, sia sulla Terra, sia nello spazio profondo.

Martedì 12 febbraio 10-13

10.00 Saluti istituzionali

10.30 Le immagini e la scienza
Alessandro Tosi - Università di Pisa

11.00 La natura si fa immagine. La scienza visuale di Humboldt e Haeckel
Elena Canadelli - Università di Padova

11.30 “Degli alberi e verdure”. Leonardo da Vinci e la Botanica
Lorenzo Peruzzi - Università di Pisa

12.00 Drawing as thinking in a post Darwinian world
Jonathan Kingdon - Università di Oxford

12.30 Dibattito con il pubblico
Modera Marco Ferraguti - Università di Milano

Martedì 12 febbraio 14:30-17:30

14.30 Scienza e fotografia nel secolo di Darwin
Nicoletta Leonardi - Accademia Albertina di Belle Arti di Torino

15.00 Sulle tracce dei ghiacciai. Fotografia e scienza per comprendere l’evoluzione delle montagne e del clima
Claudio Smiraglia - Università di Milano Fabiano Ventura - fotografo

16.00 Dall'inchiostro ai Raggi X: le Scienze della Terra per immagini dal passato ad oggi
Guido Roghi - IGG-CNR, Padova

16.30 Maurizio Casiraghi - Università di Milano Bicocca

17.00 Dibattito con il pubblico
Modera Giorgio Bardelli - MSNM

Martedì 12 febbraio 21:00-23:00

21.00 Dedicato a Luigi Luca Cavalli Sforza. Quante storie scritte nel DNA. L’eredità di Luigi Luca Cavalli Sforza
Telmo Pievani - Università di Padova Partecipa
Francesco Cavalli Sforza - filosofo, autore, divulgatore scientifico
Introduce Maurizio Casiraghi - Università di Milano Bicocca

Mercoledì 13 febbraio
9.00 Around the World with the BBC Natural History Unit
Stephen Moss - naturalista, autore, produttore TV

10.00 Paleontologia digitale. Nuove tecniche di imaging dei fossili
Cristiano Dal Sasso - MSNM
Dawid Adam Iurino - Sapienza Università di Roma

11.00 Immagini per la scienza, scienza per immagini: un excursus storico tra astronomia, fisica e molto altro ancora.
Antonella Testa - Università di Milano

11.30 Dibattito con il pubblico
Modera Chiara Ceci - Royal Society for the Protection of Birds (RSPB), UK

altri articoli

Xylella: qualche risposta per fare chiarezza

È vero che gli scienziati non sono ancora concordi nel ritenere Xylella responsabile del disseccamento rapido degli ulivi? Perché si parla di epidemia se le piante infette sono poche? Perché non si prendono in considerazione altri fattori per spiegare la malattia delle piante? Enrico Bucci risponde a otto domande ricorrenti su Xylella fastidiosa, un batterio che sta minacciando gli ulivi nei Paesi del Mediterraneo e sul quale è ancora molta la disinformazione