fbpx "Che razza di Costituzione" | Scienza in rete

"Che razza di Costituzione"

Read time: 1 min


La nostra Costituzione lo dice espressamente: i cittadini italiani hanno tutti pari dignità sociale, senza alcuna distinzione, neanche di razza. Già, ma come la mettiamo col fatto che l'antropologia e la genetica degli ultimi 50 anni ci hanno dimostrato che non esistono razze umane, e che il concetto di razza può essere applicato solo ad altre specie ma non alla nostra? Andrebbe cambiato l'articolo 3 della nostra carta costituzionale: a sostenerlo Gianfranco Biondi, antropologo all'Università dell'Aquila, tra i firmatari di un appello rivolto alle massime autorità dello Stato.

Articoli correlati

Iscriviti alla newsletter

Le notizie di scienza della settimana

 

No spam, potrai cancellare la tua iscrizione in qualsiasi momento con un click.

 

altri articoli

Il declino della resilienza delle foreste a livello globale

Un recente studio, basato sull’analisi di dati satellitari e su tecniche di machine learning, mostra come le foreste del pianeta siano diventate più fragili nel corso degli ultimi vent’anni e che oltre il 20% delle foreste intatte mostra già di trovarsi in uno stato critico, di grave fragilità. Questa diminuita resilienza è correlata alla variabilità climatica, come le oscillazioni in termini di precipitazioni e temperatura. Sono dati che rendono più che mai urgente mettere a punto strategie di mitigazione e adattamento per far fronte a questa accresciuta fragilità delle foreste ed evitare di comprometterne la funzionalità.

Crediti immagine: Andrew Coelho/Unsplash

Le foreste hanno un ruolo fondamentale per la vita sul pianeta e offrono molti e importanti servizi ecosistemici. In alcune aree, Europa compresa, la loro estensione è anche aumentata nel corso degli ultimi trent’anni circa. Ma se, nel frattempo, le foreste fossero anche diventate più fragili?