Alessandro Amato: una lezione sui terremoti, da Lisbona ad Amatrice

Read time: 1 min

Al Festival della scienza Alessandro Amato, geologo e dirigente di ricerca presso l'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV), ha tenuto una conferenza sui terremoti partendo dal sisma in centro Italia di questi giorni. Nell'intervista l'esperto spiega perché i sismi non sono prevediibili, e perché si è parlato nei giorni scorsi di magnitudo diverse (6.1 scala Richter, 6.5 magnitudo del momento sismico).

Dopo ogni terremoto c’è qualcuno che lo aveva previsto: i Maya, la zia Santuzza, il cane del vicino. In questa lezione (vedi sotto) Alessandro Amato ci porta in viaggio attraverso le narrazioni dei terremoti e dei tentativi di prevederli, costellate di pochissimi acuti e tantissimi fallimenti. Un'analisi delle narrazioni bizzarre formulate da personaggi pittoreschi ma anche delle teorie di scienziati e filosofi, da Aristotele a Kant, da Lucrezio a Rousseau. Un viaggio tra terremoti e previsioni, dalla Cina alla California, passando per L’Aquila e Amatrice. Amato è autore del libro "Sotto i nostri piedi. Storie di terremoti, scienziati e ciarlatani", (Codice Edizioni 2016).

altri articoli

SEIS, la missione di InSight per sentire il cuore di Marte

Rappresentazione artistica di una sezione del sismometro SEIS. I tre sensori sismici sono inglobati in tre capsule, la prima per creare il vuoto, la seconda per protezione termica, la terza per proteggere lo strumento. Crediti: NASA/JPL-Caltech/CNES/IPGP

SEIS è un sismometro ad alta precisione che ci permetterà di conoscere la struttura interna di Marte