Un premio dedicato a Romeo Bassoli

Read time: 3 mins

3mila euro per il miglior progetto di “raccolta di testimonianze orali”

Scade il 20 ottobre 2014 il termine entro cui inviare domanda di partecipazione al bando del “Premio Bassoli”, istituito dalla Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati (SISSA) di Trieste e dall'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN), per il miglior progetto di “raccolta di testimonianze orali” in ambito scientifico. Il premio è dedicato a Romeo Bassoli, giornalista scientifico, a capo dell’Ufficio Comunicazione dell’INFN e docente del Master in Comunicazione della Scienza “Franco Prattico” della SISSA, scomparso lo scorso anno.

Giornalista scientifico “di razza”, a lungo docente del Master in Comunicazione della Scienza “Franco Prattico” della SISSA e responsabile dell’Ufficio Comunicazione dell’INFN, giornalista scientifico “di razza”Romeo Bassoli è scomparso nell'ottobre 2013. In sua memoria la Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati (SISSA) di Trieste e l'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN) hanno istituito un premio annuale di 3mila euro per il miglior progetto di “raccolta di testimonianze orali” in ambito scientifico. SISSA e INFN contribuiscono in parti uguali (50%) al premio che ogni anno sarà incentrato su un tema diverso. L'argomento dell'edizione 2014 è la “fisica delle particelle”.

Il concorso è riservato a tutti gli appassionati e a tutte le appassionate di storia e comunicazione della scienza sul territorio nazionale che, alla data del 20 ottobre 2014, non abbiano ancora compiuto 35 anni. La scadenza del concorso è il 20 ottobre 2014, i vincitori saranno comunicati il 4 novembre e premiati nel corso del Welcome Day, la giornata in cui la SISSA inaugura il nuovo anno accademico e accoglie i nuovi studenti. Il bando di concorso è disponibile al seguente link: http://goo.gl/bWKQ9O.
Per informazioni contattare Nico Pitrelli, del Master in Comunicazione della Scienza “Franco Prattico” della SISSA: 0403787462, [email protected].

Più in dettaglio...

L’obiettivo del premio è accrescere il valore delle testimonianze orali nella storia e nella comunicazione della scienza, nell’ambito di un progetto più ampio. L’iniziativa, dal titolo “Memorie di scienza”, è promossa dalla moglie e dai familiari e amici di Romeo Bassoli, e si appoggia all’archivio di storia orale del Circolo Gianni Bosio di Roma, con la partecipazione dell’agenzia di comunicazione della scienza Zadig. “Memorie di scienza” raccoglierà testimonianze orali, racconti e narrazioni delle più diverse figure che vivono il mondo della scienza: ricercatori, tecnici, giornalisti, decisori, persone comunque coinvolte nella progettazione e nello svolgimento della ricerca scientifica e delle sue applicazioni. La raccolta costituirà il fondo di un archivio orale consultabile online in modalità open access. La raccolta prevede sia contributi originali, sia l’individuazione di materiali già esistenti ma di difficile reperimento o comunque di difficile fruizione. Il corpus di testimonianze sarà via via organizzato per temi e filoni narrativi, per facilitare la ricerca e l’accesso ai materiali raccolti, ma anche per privilegiare l’aspetto della narrazione, in una raccolta che vuole avere sia una valenza storica, sia una valenza comunicativa.

“Memorie di scienza” organizzerà, almeno una volta all’anno, una giornata dedicata alla presentazione dell’archivio e dei materiali raccolti, oltre a offrire un’occasione di confronto tra chi ha contribuito alla raccolta e gli interessati: storici della scienza, ricercatori, giornalisti, personalità della cultura.

Link utili 

Bando: http://goo.gl/bWKQ9O
Sito web di Zadig: www.zadig.it

Ufficio Comunicazione INFN

Sezioni: 
Divulgazione della scienza
Lavorato da / tipo di lavorazione: 
autore
stato: 
pronto

altri articoli

Il vero atto di resistenza è stare a casa, non in scooter

"A differenza dei disciplinati sudditi del biopotere, l’intellettuale fa invece resistenza e compie il sacrificio di godersi per un paio d’ore lo spettacolo di una città deserta e bellissima". Ma può farlo solo grazie alla maggioranza disciplinata che prova proteggere anche la sua salute. Il commento di Cristian Fuschetto all'articolo di Edoardo Cicelyn sul Corriere del Mezzogiorno.
Crediti immagine: Pexels/Pixabay. Licenza: Pixabay License

Come la salute anche la libertà è una di quelle cose di cui ti accorgi davvero solo quando non ce l’hai più. Come mura dotate di uno strano senso dell’ironia, ci vai a sbattere contro solo quando scompaiono. Lo sperimentiamo in questi giorni, in cui ordinanze di ministri, governatori, sindaci hanno ridotto a tal punto le libertà personali che il gesto di andare a buttare l’immondizia comincia con l’essere vissuto con spirito clandestino.

Aiuta Scienza in Rete a crescere. Il lavoro della redazione, soprattutto in questi momenti di emergenza, è enorme. Attualmente il giornale è interamente sostenuto dall'Editore Zadig, che non ricava alcun utile da questa attività, se non il piacere di fare giornalismo scientifico rigoroso, tempestivo e indipendente. Con il tuo contributo possiamo garantire un futuro a Scienza in Rete.

E' possibile inviare i contributi attraverso Paypal cliccando sul pulsante qui sopra. Questa forma di pagamento è garantita da Paypal.

Oppure attraverso bonifico bancario (IBAN: IT78X0311101614000000002939 intestato a Zadig srl - UBI SCPA - Agenzia di Milano, Piazzale Susa 2)