ICI2013, al via il congresso

Read time: 3 mins

La conferenza stampa di apertura del XV Congresso Internazionale di Immunologia, promosso e organizzato dalla Società Italiana di Immunologia, Immunologia Clinica e Allergologia (SIICA) e dall’International Union of Immunological Societies (IUIS), si terrà a Milano il 22 agosto alle ore 11 nella sede del congresso, MiCo, (Piazzale Carlo Magno 1, gate 17 Suite 3, Livello 2).

Cristina Tajani, assessore per le politiche del lavoro, lo sviluppo economico, l’università e la ricerca del Comune di Milano, porterà il saluto della città.

Ai giornalisti presenti saranno illustrate alcune delle più importanti novità che emergeranno dal convegno, che porterà a Milano circa 5000 partecipanti provenienti da 12 nazioni, con 500 speaker di grande rilievo tra cui tre Premi Nobel: Peter C. Doherty, Rolf M. Zinkernagel e Jules A. Hoffmann.

La conferenza stampa sarà moderata da Luciano Adorini, Presidente del congresso e Direttore Scientifico di Intercept Pharmaceuticals, che affronterà anche la questione delle partnership di ricerca fra pubblico e privato. Interverranno:

  • Peter C. Doherty, vincitore del premio Nobel nel 1996 insieme a Rolf Zinkernagel per gli studi sulla specificità delle difese immunitarie cellulo-mediate, fornirà una panoramica di 50 anni di ricerche sulla citotossicità dei linfociti T.
  • Vincenzo Barnaba, Professore di Medicina Interna presso l’Università “La Sapienza” di Roma, spiegherà nuovi approcci con cui si sta cercando di spezzare la complicità tra immunità e tumori o infezioni croniche;
  • Sergio Romagnani, Professore di Medicina Interna presso l'Università di Firenze, mostrerà come, grazie alle nuove tecnologie, in alcuni casi, l’immunologia umana comincia a poter fare a meno degli animali da laboratorio; 
  • Rino Rappuoli, Responsabile globale della Ricerca Vaccini di Novartis, illustrerà le nuove prospettive nello sviluppo dei vaccini; 
  • Gianvito Martino, Direttore della divisione di Neuroscienze dell'Istituto San Raffaele di Milano, rivelerà l’inatteso ruolo dell’immunità in una condizione apparentemente di tutt’altra natura come l’ictus; 
  • Walter Canonica, Direttore della Scuola di Specialità in Malattie Polmonari presso l’Università di Genova, si soffermerà sulle recenti scoperte nel campo della lotta alle allergie, dalla diagnosi molecolare allo sviluppo di nuovi vaccini; 
  • Alberto Mantovani, Direttore Scientifico dell’Istituto Clinico Humanitas IRCCS di Milano e Professore ordinario di Patologia Generale presso l'Università degli Studi di Milano, parlerà di una nuova molecola in grado sia di segnalare la presenza di infiammazioni causate da infezioni microbiche, sia di contrastarle. 

La conferenza stampa sarà seguita, alle ore 16,45 dalla cerimonia ufficiale di apertura del congresso, con le lezioni inaugurali di Jules Hoffmann sull’immunità innata e di Rino Rappuoli sulle nuove frontiere dello sviluppo dei vaccini.

Oltre ai premi Nobel già citati, molti altri nomi di grande prestigio e rilevanza a livello mondiale porteranno al congresso i loro contributi nei vari campi dell’immunologia, un settore che spazia dai trapianti alle malattie infettive come l’AIDS, dai tumori e leucemie alle allergie e alle artriti, ma anche al diabete e alla sclerosi multipla, alle staminali e alle terapie cellulari.

La cerimonia di apertura, così come le sessioni plenarie, saranno trasmesse in streaming da Scienceonthenet, che seguirà il congresso con una programmazione dedicata e con interviste e newsletter giornaliere. 

Nel corso del congresso verranno conferiti premi prestigiosi, come l’Else Kröner Fresenius Award 2013, che assegnerà 4 milioni di euro a Ruslan Medzhitov, professore di immunobiologia presso l’Howard Hughes Medical Institute di Yale (USA), che ha identificato il recettore Toll-like umano (TLR) e ha elucidato il suo ruolo nell’induzione di risposte immunitarie infiammatorie.

Altri premi sono previsti per i giovani ricercatori, ai quali è stata dedicata grande attenzione dall’organizzazione. Al congresso parteciperanno, infatti, oltre 300 giovani scienziati sostenuti da borse di viaggio/studio erogate dal congresso stesso o da diverse società immunologiche nazionali; 50 di essi, di origine africana, sono sostenuti da borse offerte dalla Bill & Melinda Gates Foundation.

Per info: 

Sito del congresso: http://www.ici2013.org/home/
Ufficio comunicazione: Zadig [email protected]
Segreteria organizzativa: Triumph group[email protected]

 

Autori: 
Sezioni: 
Eventi
Lavorato da / tipo di lavorazione: 
autore
stato: 
pronto

altri articoli

L'erosione culturale in scimmie e altri animali

Per preservare la biodiversità, gli sforzi di conservazione dovrebbero tenere in conto anche la cultura e la diversità culturale degli animali, perché influenza la diversità fenotipica di una specie nel suo complesso e la sua adattabilità al variare delle condizioni ecologiche. Uno studio pubblicato su Science riporta come l'impatto umano, diretto e indiretto,  abbia un effetto significativo di diminuzione della diversità culturale nelle popolazioni di scimpanzé in Africa, senza che compaiano innovazioni in grado di mantenere l'equilibrio: un dato deleterio per la specie, che presenta un minor potenziale di adattamento culturale e quindi di capacità di mettere in atto comportamenti nuovi