Ospedale S. Spirito, precursore del SSN

Read time: 3 mins
Pagine: 
136
Prezzo: 
12,00
Titolo: 
L’Arcispedale S. Spirito in Saxia
2011
Autore: 
Silvia Mattoni, Massimo Mongardini e Marco Scarnò
Aracne
Anteprima: 
Chi si prendeva cura dei malati nell’800? E come era organizzata l’assistenza ospedaliera? A queste e ad altre domande cercano di rispondere gli autori del libro edito da Aracne “L’Arcispedale S. Spirito in Saxia”.
Miniatura: 
L’Arcispedale S. Spirito in Saxia

Chi si prendeva cura dei malati nell’800? E come era organizzata l’assistenza ospedaliera? A queste e ad altre domande cercano di rispondere gli autori del libro edito da Aracne ‘L’Arcispedale S. Spirito in Saxia. L’assistenza sanitaria nel più grande spedale dell’Urbe. Un viaggio nella vita sanitaria della città di Roma attraverso l’analisi del più antico e più importante nosocomio al mondo: l’Ospedale Santo Spirito in Saxia.

Il ruolo del Santo Spirito, nell’evoluzione dell’organizzazione sanitaria e nel progressivo miglioramento dell’assistenza medica, è evidente fin dalla sua fondazione che risale al 1198, per volontà di Papa Innocenzo III.

Prima costruzione in Europa realizzata per essere destinata a tale scopo, sin dalla sua progettazione, diversamente da quanto accadeva all’epoca quando gli edifici dove il ricovero degli infermi erano ricavati da case di abitazione private, donate da benefattori, o da edifici nati come mendicicomi. Un cambiamento  epocale attestato anche dal fatto che la struttura, sebbene la sua fondazione risalga a oltre 800 anni, ancora oggi è perfettamente funzionante.

Precursore dell’attuale Servizio Sanitario Nazionale, l’Ospedale Santo Spirito da sempre nella storia ha cercato di coniugare assistenza e capacità di cura dei malati, soprattutto se in situazioni di bisogno e di disagio psico-sociale. A fondamento di questo mandato, una “regola” ricca di ben oltre 100 articoli,  emanata nel 1204 da Papa Innocenzo III insieme al primo precettore della struttura, Guido di Montpellier e praticata nei secoli successivi, che prevede tutte le fasi dell’assistenza agli infermi, senza mai perdere di vista la dimensione umana del malato.

Nella seconda metà dell’’800 la malattia non è più una dannazione, una punizione divina, ma un evento sociale da affrontare collettivamente con la garanzia anche economica dello Stato. L’individuo non è più lasciato alle opere caritatevoli e assistenziali della Chiesa e dei benefattori, ma viene preso in carico dalle strutture ospedaliere. Si introduce il concetto di prevenzione, di diagnosi e cura, si affrontano i problemi dell’assistenza sanitaria: dall’igiene, ai protocolli farmaceutici, alla pratica medica, all’istruzione sanitaria. Si moltiplicano e si trasformano i luoghi di cura, nascono le prime accademie mediche e le scuole ospedaliere, si formalizzano e si codificano le spese sanitarie, si pubblicano le prime statistiche e note di nosografia e di demografia.

E’ significativa l’esperienza sanitaria in questo frangente della Roma papalina, fulcro del cambiamento e testimone del passaggio dalla tradizione assistenziale ecclesiastica alla gestione centralizzata del nuovo Stato. La storia dell’Arcispedale di Santo Spirito in Saxia, fiore all’occhiello e massima espressione del potere spirituale e temporale del Papa prima, punto poi di riferimento e di coordinamento di tutti gli ospedali romani nel moderno Pio Istituto di Santo Spirito e Ospedali Riuniti di Roma, è in questo senso paradigmatica: struttura privilegiata di analisi dei tratti di un cambiamento destinato ad incidere profondamente nel tessuto sociale del Paese.

Il libro affronta tematiche di storia del Risorgimento Italiano partendo da fonti e dati statistici che caratterizzano la vita sanitaria della città di Roma. Una differente chiave di lettura di alcuni eventi del nostro Risorgimento, analizzando aspetti della vita cittadina spesso trascurati o sottovalutati come la gestione della malattia, dei luoghi di cura e di riabilitazione e della politica sanitaria in genere.

L’indagine è focalizzata sul più grande ospedale cui faceva riferimento la popolazione di Roma nella seconda metà dell’’800: il Santo Spirito in Saxia. Gli autori analizzano le linee guida che hanno caratterizzato la vita sanitaria della città papale e che ancora caratterizzano oggi tutta l’assistenza sanitaria nazionale. Partendo dallo studio dei fenomeni patologici ritenuti allora più diffusi (colera, peste, tubercolosi, influenza, etc.) gli autori hanno fissato l’attenzione intorno ai problemi  correlati alla trasformazione dell’assistenza agli infermi da atto caritativo, riservato ai benefattori ed ai religiosi, ad imperativo sociale garantito dallo Stato.

altri articoli

Le notizie di scienza della settimana #104

Il biologo molecolare russo Denis Rebrikov ha dichiarato che ha intenzione di impiantare nell'utero di una donna embrioni geneticamente modificati con la tecnica CRIPSR entro la fine dell'anno. L'obiettivo sarebbe quello di prevenire che la madre, colpita da una forma di HIV resistente ai farmaci antiretrovirali, trasmetta il virus ai propri figli. Per farlo, Rebrikov userebbe la tecnica CRISPR-Cas9 per disattivare il gene CCR5, in modo simile a quanto fatto dallo scienziato cinese He Jiankui che lo scorso novembre aveva annunciato di essere stato il primo a far nascere una coppia di gemelle con questo procedimento (He voleva però evitare la trasmissione del virus dell'HIV dal padre alle figlie). La legislazione russa proibisce l'editing del genoma umano in senso generale, ma la legge sulla fertilizzazione in vitro non vi fa esplicito riferimento, e dunque Rebrikov potrebbe trovarsi di fronte un vuoto normativo che conta di colmare chiedendo l'autorizzazione di una serie di agenzie governative, a partire dal Ministero della salute. Scienziati ed esperti di bioetica si dicono preoccupati. La tecnologia non è ancora matura, motivo per cui qualche mese fa un gruppo di importanti ricercatori del campo avevano chiesto di mettere a punto una moratoria sul suo utilizzo in embrioni destinati all'impianto in utero. Non è chiaro poi se i rischi superino i benefici. In primo luogo, la disattivazione del gene CCR5 protegge dalla trasmissione del virus dell'HIV nel 90% dei casi. In secondo luogo, il rischio di mutazioni off-target e on-target indesiderate è ancora molto alto. Rebrikov sostiene che la sua tecnica ne riduca drasticamente la frequenza, ma finora non ha pubblicato alcuno studio scientifico che lo dimostri. Nell'immagine: lo sviluppo di embrioni umani geneticamente modificati con la tecnica CRISPR per correggere una mutazione responsabile della cardiomiopatia ipertrofica (lo studio, condotto nel laboratorio di Shoukhrat Mitalipov presso la Oregon Science and Health University di Portland, risale al 2017 ed è stato pubblicato su Nature). Credit: Oregon Science and Health University. Licenza: OHSU photos usage

Dove finisce la plastica dei ricchi?

Ogni anno gli Stati Uniti producono 34,5 milioni di tonnellate di rifiuti di plastica. 1 milione di tonnellate vengono spedite fuori dal continente. Fino a qualche anno fa la maggior parte veniva spedita in Cina e Hong Kong, ma nel 2017 la Cina ha chiuso le porte a questo tipo di importazioni, autorizzando solo l'arrivo della plastica più pulita e dunque più facile da riciclare.