Al Cern le meraviglie della zuppa primordiale

Read time: 3 mins

Al CERN, il più grande laboratorio al mondo per lo studio della fisica delle particelle elementari, sono giorni di enorme entusiasmo e frenetica attività. Un anno dopo aver strappato al Fermilab, laboratorio americano vicino a Chicago, il record della più alta energia mai raggiunta da un acceleratore di protoni, il CERN ha infatti stabilito un nuovo primato ottenendo collisioni tra nuclei ad una energia 13 volte maggiore di quella raggiunta presso il RHIC, un altro laboratorio americano che ha sede a Brookhaven nei pressi di New York. Il CERN in questo modo si conferma ormai come il vero centro mondiale della fisica delle alte energie e centro di attrazione e opportunità per scienziati di tutto il mondo. In questo grande laboratorio,infatti, essi trovano un ambiente aperto e stimolante, in cui le barriere della politica perdono significato e in cui ogni scienziato contribuisce ad accrescere il bagaglio scientifico di tutta la comunità.

Ma veniamo alla cronaca di questi giorni: il grande acceleratore del CERN, LHC, si è dimostrato ancora una volta un vero gioiello di tecnologia. Dopo aver ottenuto una progressione impressionante nel numero di collisioni prodotte al secondo con i protoni (che raddoppiavano praticamente ogni settimana!), si è trasformato in pochi giorni in un efficiente acceleratore di nuclei inaugurando lo studio di una regione di fisica ancora inesplorata.

In una collisione ultrarelativistica i nuclei pesanti, oggetti straordinariamente grandi per la fisica delle particelle, si comprimono e si scaldano fino a raggiungere densità di energia tali da “fondere” i protoni e i neutroni che li costituiscono. In questo stato i gluoni e i quarks si trovano liberi di muoversi in una sorta di “zuppa adronica” con le proprietà di un plasma, straordinariamente densa e che raggiunge delle temperature che sono di centinaia di migliaia di volte maggiori di quelle presenti all'interno del sole!

Perchè questo plasma è per noi così interessante? Lo studio di questo stato, noto come Quark Gluon Plasma è un passo fondamentale per la comprensione delle interazioni forti che sono le leggi che permettono la descrizione dei nuclei all'interno degli atomi e in generale dei fenomeni fisici in cui sono coinvolti gli adroni. Inoltre lo stato di Quark Gluon Plasma è lo stesso in cui si è trovato il nostro universo nei primi istanti della sua esistenza (pochi milionesimi di secondi dopo il Big Bang!).

Queste collisioni ci permettono quindi di ricreare in laboratorio una gocciolina di materia primordiale che possiamo seguire durante la sua evoluzione: da “zuppa” di quarks e gluoni a materia composta da particelle ordinarie nello stato che conosciamo. Lo studio dell'evoluzione di questo sistema e delle transizioni che esso subisce è fondamentale per comprendere i primi istanti di vita del nostro universo.

Per tutte queste ragioni, l’entusiasmo dei fisici di fronte a questa nuova frontiera per la fisica delle particelle è enorme e sta già dando i primi risultati! I tre esperimenti che hanno il compito di osservare le collisioni di nuclei a LHC (ALICE, ATLAS e CMS) si sono lanciati a analizzare i primi dati in uno stimolante miscuglio di competizione e collaborazione.

Sono così già stati pubblicati due articoli di ALICE e uno di ATLAS, mentre l'articolo di CMS è quasi ultimato. Le sorprese fortunatamente non mancano! Il sistema osservato infatti si presta, come accadde a RHIC, ad essere descritto come un liquido perfetto, nonostante la densità di energia sia assai più elevata, e mostra una opacità sorprendente ai quark di alta energia. La misura di quest’ultimo effetto, il cosiddetto “jet quenching” è analogo a fare una radiografia del plasma creato e trovarla completamente nera! Insomma, siamo appena arrivati in una terra ignota, ma si capisce già che sarà affascinante da esplorare. Restate in linea, ci saranno novità ad ogni passo! ALICE, che si prepara da vent’anni specificamente per lo studio di queste collisioni fra nuclei, è finalmente entrata nel paese delle Meraviglie.

ritratto di Paolo Giubellino Paolo Giubellino
INFN, Torino

altri articoli

Le notizie di scienza della settimana #104

Il biologo molecolare russo Denis Rebrikov ha dichiarato che ha intenzione di impiantare nell'utero di una donna embrioni geneticamente modificati con la tecnica CRIPSR entro la fine dell'anno. L'obiettivo sarebbe quello di prevenire che la madre, colpita da una forma di HIV resistente ai farmaci antiretrovirali, trasmetta il virus ai propri figli. Per farlo, Rebrikov userebbe la tecnica CRISPR-Cas9 per disattivare il gene CCR5, in modo simile a quanto fatto dallo scienziato cinese He Jiankui che lo scorso novembre aveva annunciato di essere stato il primo a far nascere una coppia di gemelle con questo procedimento (He voleva però evitare la trasmissione del virus dell'HIV dal padre alle figlie). La legislazione russa proibisce l'editing del genoma umano in senso generale, ma la legge sulla fertilizzazione in vitro non vi fa esplicito riferimento, e dunque Rebrikov potrebbe trovarsi di fronte un vuoto normativo che conta di colmare chiedendo l'autorizzazione di una serie di agenzie governative, a partire dal Ministero della salute. Scienziati ed esperti di bioetica si dicono preoccupati. La tecnologia non è ancora matura, motivo per cui qualche mese fa un gruppo di importanti ricercatori del campo avevano chiesto di mettere a punto una moratoria sul suo utilizzo in embrioni destinati all'impianto in utero. Non è chiaro poi se i rischi superino i benefici. In primo luogo, la disattivazione del gene CCR5 protegge dalla trasmissione del virus dell'HIV nel 90% dei casi. In secondo luogo, il rischio di mutazioni off-target e on-target indesiderate è ancora molto alto. Rebrikov sostiene che la sua tecnica ne riduca drasticamente la frequenza, ma finora non ha pubblicato alcuno studio scientifico che lo dimostri. Nell'immagine: lo sviluppo di embrioni umani geneticamente modificati con la tecnica CRISPR per correggere una mutazione responsabile della cardiomiopatia ipertrofica (lo studio, condotto nel laboratorio di Shoukhrat Mitalipov presso la Oregon Science and Health University di Portland, risale al 2017 ed è stato pubblicato su Nature). Credit: Oregon Science and Health University. Licenza: OHSU photos usage

Dove finisce la plastica dei ricchi?

Ogni anno gli Stati Uniti producono 34,5 milioni di tonnellate di rifiuti di plastica. 1 milione di tonnellate vengono spedite fuori dal continente. Fino a qualche anno fa la maggior parte veniva spedita in Cina e Hong Kong, ma nel 2017 la Cina ha chiuso le porte a questo tipo di importazioni, autorizzando solo l'arrivo della plastica più pulita e dunque più facile da riciclare.