Guido Emilio Tonelli

Nato a Casola in Lunigiana (MS), l'8 novembre 1950, abita prima a La Spezia dove prende la Maturita' Classica al Liceo Scientifico "L. Costa" e poi a Pisa dove si laurea in Fisica nel 1975 e dove incontra la compagna che diventerà sua moglie, Luciana Piddiu, e dalla quale avrà due figli, Diego (34) e Giulia (26).

Occupazione permanente: Professore Ordinario di Fisica Generale presso l'Università di Pisa e Collaboratore dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare. Dall'Ottobre 2006 è in congedo dall'Università per motivi di ricerca e lavora al CERN di Ginevra (Svizzera) come Scientific Associate.

Attivita' di ricerca

Lavora nel campo della fisica delle alte energie dal 1978 partecipando ad esperimenti al CERN (Svizzera) ed a Fermilab (Chicago-USA). Fra le sue ricerche figurano le prime misure di precisione di vita media dei mesoni "charmati", la determinazione del numero delle famiglie di neutrini leggeri, misure di precisione sui bosoni vettoriali intermedi, W e Z, e verifiche sperimentali del Modello Standard delle interazioni fondamentali.

E' fra i pionieri dello sviluppo dei rivelatori a semiconduttore nella fisica delle alte energie ed è il "padre" del tracciatore al silicio che costituisce il cuore di CMS. Partecipa all'esperimento fin dal primo disegno concettuale, coordina per molti anni l'attività del gruppo italiano dell'esperimento, circa 250 fra fisici ed ingegneri distribuiti in 14 sezioni dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare. Nel 2006 viene nominato vice responsabile internazionale dell'esperimento e si trasferisce al CERN per seguire da vicino l'installazione e la messa in opera dell'apparato.

E' autore di 315 pubblicazioni scientifiche su riviste internazionali con indice medio di citazioni superiore a 50.

La testimonianza italiana nella ricerca del bosone

E' difficile descrivere le mie emozioni durante questo 4 luglio 2012, con l’annuncio della scoperta del bosone di Higgs. Per chi come me ha inseguito questo traguardo per oltre 20 anni, in queste ore sembrava di vivere in un sogno.

Aiuta Scienza in Rete a crescere. Il lavoro della redazione, soprattutto in questi momenti di emergenza, è enorme. Attualmente il giornale è interamente sostenuto dall'Editore Zadig, che non ricava alcun utile da questa attività, se non il piacere di fare giornalismo scientifico rigoroso, tempestivo e indipendente. Con il tuo contributo possiamo garantire un futuro a Scienza in Rete.

E' possibile inviare i contributi attraverso Paypal cliccando sul pulsante qui sopra. Questa forma di pagamento è garantita da Paypal.

Oppure attraverso bonifico bancario (IBAN: IT78X0311101614000000002939 intestato a Zadig srl - UBI SCPA - Agenzia di Milano, Piazzale Susa 2)

CMS scopre una nuova particella

E' di pochi giorni fa l'annuncio della scoperta di un barione mai osservato prima, con una massa vicina a quella dell'atomi di litio.

Aiuta Scienza in Rete a crescere. Il lavoro della redazione, soprattutto in questi momenti di emergenza, è enorme. Attualmente il giornale è interamente sostenuto dall'Editore Zadig, che non ricava alcun utile da questa attività, se non il piacere di fare giornalismo scientifico rigoroso, tempestivo e indipendente. Con il tuo contributo possiamo garantire un futuro a Scienza in Rete.

E' possibile inviare i contributi attraverso Paypal cliccando sul pulsante qui sopra. Questa forma di pagamento è garantita da Paypal.

Oppure attraverso bonifico bancario (IBAN: IT78X0311101614000000002939 intestato a Zadig srl - UBI SCPA - Agenzia di Milano, Piazzale Susa 2)

LHC: pronti alla ripartenza

Dopo mesi di attività frenetica i lavori nel tunnel di LHC si stanno avviando alla conclusione. Come forse molti lettori ricordano, il più potente acceleratore di particelle del mondo si era fermato per un grave incidente il 19 settembre 2008, pochi giorni dopo l'inaugurazione che aveva attirato sul CERN l'attenzione dei mezzi di comunicazione del mondo intero. Fra poco dovremmo essere di nuovo in pista. All'inizio, per essere sicuri di avere capito e calibrato correttamente i rivelatori, si passerà in rassegna tutta la fisica fin qui conosciuta. Poi inizierà la caccia al bosone di Higgs, ma sarà molto dura. di GUIDO TONELLI