fbpx Guido Sanguinetti | Scienza in rete
Covid-19/

Guido Sanguinetti

È professore di Fisica Applicata e chair of data science alla Scuola Internazionale di Studi Superiori Avanzati (SISSA) a Trieste. Dopo una laurea in fisica all’Università di Genova e un dottorato in matematica dall’Università di Oxford, dal 2004 e il 2020 è stato lecturer, poi reader e professore in informatica alle università di Sheffield e poi Edimburgo. I suoi interessi sono legati ad algoritmi e applicazioni dell’inferenza bayesiana a problemi di biologia e biomedicina.

Perché i dati di tracciamento vanno presi con le pinze

tracciamento

Dopo molti mesi di pandemia abbiamo capito che il tracciamento dei contatti è una misura indispensabile per cercare di contenere la diffusione del virus. Tuttavia, i dati non «parlano», ma devono essere attentamente interpretati. Per esempio, tracciare i contatti familiari o lavorativi è molto più semplice che tracciare quelli avvenuti in autobus. Come operare nel migliore dei modi?

Immagine: Pixabay License.

Purtroppo, l’ora della clausura è ritornata. I nuovi casi di Covid-19 in Italia stanno crescendo in modo esponenziale da alcune settimane, e a essi inevitabilmente si associa una pressione crescente sui servizi sanitari e, tragicamente, un aumento considerevole dei decessi.