Covid-19/

Ingo Potrykus

Fino al 1999 è stato professore ordinario di Scienze delle piante, in particolare di biotecnologie vegetali, presso l'Istituto di Scienze delle piante del Politecnico federale di Zurigo dal primo giugno 1987. Il suo gruppo di ricerca ha applicato la tecnologia genetica per contribuire alla sicurezza alimentare nei paesi in via di sviluppo.

Ingo Potrykus è nato il 5 dicembre 1933 in Hirschberg / Schlesien, in Germania. Ha studiato biologia presso l'Università di Colonia e conseguito il dottorato di ricerca presso il Max-Planck-Institute. Dopo diversi anni presso l'Istituto di Fisiologia vegetale, Università di Hohenheim, è diventato leader del gruppo di ricerca presso il Max-Planck-Institut per la Genetica Vegetale. Nel 1976 si è trasferito a Basilea per determinare la zona degli impianti di ingegneria genetica al Friedrich Miescher Institute.

Motivato dal problema della imminente crisi alimentare, della malnutrizione nei paesi in via di sviluppo e dalle potenzialità della tecnologia genetica per contribuire alla sicurezza alimentare, il gruppo di ricerca si è dedicato a progetti di ingegneria genetica volti a migliorare la resa della stabilità e della qualità alimentare delle colture di riso, frumento, miglio e manioca. La ricerca si è concentrata su problemi che non possono essere risolti con metodi tradizionali. I risultati e la tecnologia sono stati trasferiti nei paesi in via di sviluppo tramite centri di ricerca internazionali, senza costi e restrizioni sui diritti di proprietà. Il più noto risultato è il "Golden rice" (Il riso d'oro), una nuova varietà di riso che fornisce provitamina A, che è largamente considerata un esempio modello di come ridurre la malnutrizione in paesi in via di sviluppo in modo sostenibile. Dopo il suo pensinamento, Ingo Potrykus, in qualità di Presidente della Commissione di Golden Rice, ha cominciato a dedicare le sue energie per aiutare i coltivatori di sussistenza a superare gli ostacoli di una coltura OGM. Alla fine è riuscito a stabilire collaborazioni con 14 istituzioni per la coltivazione del riso in India, China, Vietnam, Bangladesh, Indonesia, e Filippine.

Le mie ragioni a favore del Golden Rice

La carenza di micronutrienti come vitamina A, iodio, ferro o zinco è fra le principali cause sia di una maggiore sensibilità alle malattie sia di mortalità nel mondo. Questo problema colpisce soprattutto i bambini, indebolendo il loro sistema immunitario, interferendo con il loro sviluppo, causando malattie e portando infine alla morte.
Il modo migliore per evitarla è seguire a una dieta varia, ricca di vegetali, frutta e prodotti animali.

Le prime vittime della patata ogm: i fatti

Nel bailamme sull’approvazione della patata Amflora della BASF da parte della commissione europea se ne sono sentite di cotte e di crude. Dalla difesa del consumatore a quella dei prodotti tipici si trovava di tutto. Peccato però che le prime vittime siano state i fatti. Nella buona scienza (così come nella vita onesta) a ognuno son concesse le proprie opinioni, ma non i propri fatti. Detto altrimenti, la buona scienza, come la vita onesta, devono fare i conti con la realtà. Proviamo allora, in sintesi, a ripartire dai dati.

Togliamo i ceppi al riso d'oro

Nei paesi in via di sviluppo il riso è un alimento fondamentale per più di due miliardi di persone. Pur essendo una fonte eccellente di calorie, il riso non fornisce però alcuna forma di vitamina A; la conseguenza è la diffusione di una condizione di deficit vitaminico nelle fasce più povere delle popolazioni che non possono avere accesso a una dieta diversificata.