Covid-19/

Antonella Bena

Epidemiologa, dirige il Centro di Documentazione Regionale per la Promozione della Salute della Regione Piemonte. Per anni ha coordinato il Settore Rischi e Danni da Lavoro del Servizio di Epidemiologia a direzione Universitaria dell’ASL Torino 3, occupandosi di sistemi informativi, sorveglianza, igiene e sicurezza sul lavoro, valutazione delle attività di prevenzione. Svolge attività di ricerca nell’ambito della sanità pubblica e dell’epidemiologia occupazionale. È stata responsabile scientifico di 20 progetti di ricerca. Ha pubblicato più di 100 articoli in lingua italiana o inglese su riviste scientifiche peer-reviewed

La promozione della salute è cruciale per la fase 2

Antonella Bena raccoglie e analizza alcuni degli aspetti più importanti da considerare per avere un efficace coinvolgimento delle comunità nella fase 2, una delle condizioni individuate come fondamentali dall'OMS.
Crediti immagine: MetsikGarden/Pixabay. Licenza: Pixabay License

Tra le condizioni necessarie per sostenere la fase 2, l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) individua il pieno coinvolgimento delle comunità. Le persone dovrebbero comprendere cosa significa passare dal rilevamento e trattamento dei casi gravi al rilevamento e isolamento di tutti i casi. La fase 2 rappresenta una “nuova normalità” nella quale le misure di prevenzione devono essere mantenute e tutti gli individui della comunità hanno un ruolo importante nel realizzarne e facilitarne l’attuazione.