fbpx Nelle cimici, gli scienziati vedono un modello di evoluzione | Scienza in rete

Nelle cimici, gli scienziati vedono un modello di evoluzione

Primary tabs

Read time: 3 mins

Il sogno nel cassetto del biologo evoluzionista è poter studiare “in diretta” gli eventi di speciazione per comprenderne i meccanismi di base. Cogliere sul fatto l’origine delle specie è però difficile, in genere servono tempi lunghi, più lunghi della vita del ricercatore. Indagando nel mondo dei parassiti può essere più facile, non di rado infatti ci si può imbattere in efficienti fucine di nuove specie. In un recente articolo pubblicato su Molecular Ecology alcuni ricercatori avanzano l’ipotesi di una possibile speciazione in atto in un parassita dell’uomo, le cui infestazioni paiono sempre più difficili da combattere: la cimice dei letti (Cimex lectularius).

Gli organismi parassiti e patogeni umani si evolvono spesso da analoghi “sfruttatori” di altri mammiferi. Homo sapiens è un habitat interessante, una sorta di isola disabitata, pronta a essere colonizzata da specie parassite altrui. Se le condizioni sono favorevoli e il parassita si trova bene, fino al punto di riprodursi, può essere l’inizio di una storia di adattamenti al nuovo habitat. Dopo un po’ di generazioni, la discendenza può essersi così differenziata dai primi “coloni” fino al punto da rappresentare una nuova specie.

Prove genetiche e anatomiche suggeriscono che le cimici dei letti abbiano iniziato a parassitare l’uomo a partire dai pipistrelli. È probabile che la migrazione pipistrello-uomo sia avvenuta ai tempi in cui i nostri antenati abitavano nelle grotte. Le colonie di pipistrelli coinquiline dei primi Homo sapiens erano parassitate da insetti ematofagi, alcuni dei quali iniziarono a nutrirsi anche di sangue umano. Quando i cavernicoli scelsero di costruire altri tipi di rifugio notturno e di abbandonare le grotte, le linee filogenetiche delle cimici cominciarono a divergere, sebbene l’ibridazione tra cimici umane e dei pipistrelli sia ancora oggi possibile.

La nuova ricerca dimostra che le due linee evolutive di Cimex lectularius siano in procinto di dare origine a specie diverse; si stanno infatti accumulando notevoli differenze genetiche. Come è logico ipotizzare, gli alleli per la resistenza agli insetticidi sono molto comuni tra le cimici umane e praticamente assenti in quelle dei pipistrelli: la selezione naturale favorisce questi alleli nei geni degli insetti frequentemente esposti ai trattamenti con antiparassitari. Ma i ricercatori hanno scoperto significative differenze un po’ in tutto il genoma. Negli insetti delle due linee si riscontrano poi diversità fisiche. Le cimici umane, per esempio, tendono ad avere le zampe più lunghe, un possibile adattamento per fuggire dagli esseri umani o per muoversi nelle abitazioni.

Non sorprende che in queste due linee si stiano affermando così tante caratteristiche distintive. Ci sono poche prove di flusso genico (cioè di incrocio tra le due popolazioni) e i due “habitat” sono molto diversi: gli esseri umani sono quasi glabri e riposano di notte nei letti, i pipistrelli sono pelosi e dormono di giorno raggruppati in posatoi.

L’ipotesi della speciazione simpatrica, cioè della possibile origine di nuove specie in assenza di isolamento geografico, è stata a lungo dibattuta dai biologi evoluzionisti, ma ritenuta possibile, a livello teorico, già dagli anni sessanta del Novecento. Poi qualcuno ha cominciato a descrivere fenomeni riconducibili alla speciazione simpatrica proprio in alcune specie di insetti parassiti, chiamandola host-associated differenziation (differenziamento associato all’ospite). La storia delle cimici dei letti sembra proprio rispecchiare il copione; questi fastidiosi insetti hanno definitivamente invaso l’isola umana, si stanno adattando alle sue peculiari caratteristiche e purtroppo intendono restarvi.

di Anna Piseri

Scienza in rete è un giornale senza pubblicità e aperto a tutti per garantire l’indipendenza dell’informazione e il diritto universale alla cittadinanza scientifica. Contribuisci a dar voce alla ricerca sostenendo Scienza in rete. In questo modo, potrai entrare a far parte della nostra comunità e condividere il nostro percorso. Clicca sul pulsante e scegli liberamente quanto donare! Anche una piccola somma è importante. Se vuoi fare una donazione ricorrente, ci consenti di programmare meglio il nostro lavoro e resti comunque libero di interromperla quando credi.


prossimo articolo

Influenza aviaria, le infezioni nei bovini e la risposta sanitaria

Si riaccende l'attenzione sull'influenza aviaria, soprattutto dopo la recente scoperta di un ceppo ad alta patogenicità in bovini da latte negli Stati Uniti. Il salto di specie rimarca la capacità dei virus influenzali di adattarsi e infettare nuovi ospiti, aumentando la necessità di sistemi di sorveglianza e risposta efficaci. Nonostante i rischi, attualmente non ci sono prove di trasmissione diretta tra bovini; le misure di controllo si concentrano sulla prevenzione del contagio e la protezione dei lavoratori esposti.

Ora che la pericolosità delle infezioni da Covid-19 è stata domata, anche se non completamente sconfitta (più di 3.000 nuovi casi notificati negli ultimi 30 giorni e un non trascurabile numero di ricoveri in ospedale), i virus dell’influenza aviaria si riaffacciano all’attenzione di chi studia l’orizzonte di prossime eventuali minacce pandemiche. Soprattutto da quando, il 25 marzo 2024, i funzionari federali del Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti hanno annunciato di aver identificato un ceppo di influenza aviaria ad alta patogenicità in alcuni bovini da latte.