fbpx Manuel Castells, un intellettuale ministro dell’università | Scienza in rete
Covid-19/

Manuel Castells, un intellettuale al ministero dell’università

Tempo di lettura: 4 mins

Manuel Castells, direttore della cattedra Wallis Annenberg all’Università of Southern California, è stato nominato ministro delle università nel nuovo governo spagnolo. Fra i maggiori studiosi al mondo di come la tecnologia dell'informazione e dei media influisce sulla società, Castells è autore di oltre 30 libri, tra cui la trilogia "La società dell'informazione". Tra i molti riconoscimenti, ha ricevuto il Premio Holberg 2012 dalla Norvegia, che lo ha elogiato per aver definito "la nostra comprensione delle dinamiche politiche delle economie urbane e globali nella società della rete". Dedichiamo a Castells un ritratto intellettuale curato dal suo studioso italiano Agostino Petrillo.

Nel nuovo governo spagnolo c’è una presenza che salta all’occhio: quella del grande sociologo Manuel Castells ministro dell’Università. La coalizione Socialisti-Podemos ha infatti deciso di istituire tre ministeri rispettivamente per istruzione, università e ricerca. Ma chi è Manuel Castells, noto in Italia più per i suoi libri che per il suo impegno politico?

Nato nel 1942 l’attuale ministro ha avuto una esistenza ricca e interessante che lo ha condotto attraverso i centri del sapere più importanti del pianeta. Nei primi anni Sessanta frequenta a Barcellona la facoltà di diritto e si impegna consistentemente nel movimento antifranchista, fino ad essere obbligato a fuggire a causa del vivo interessamento della polizia nei suoi confronti. A poco più di vent’anni lo troviamo a Parigi dove studia diritto ed economia e consegue (1967) un dottorato sotto la guida del sociologo Alain Touraine.

Già nella tesi di dottorato, dedicata alla distribuzione delle industrie hi-tech nella periferie parigine sono presenti quelli che saranno i suoi interessi futuri: le trasformazioni urbane e la interazione tra società e tecnologie. Prende parte al sessantotto parigino mentre è già un giovanissimo assistente universitario alla Università di Nanterre, Daniel Cohn Bendit è uno dei suoi studenti. Dopo gli eventi pubblica un piccolo libro sulle “Lotte urbane” (1973). Di un anno precedente (1972) è “La questione urbana”, un tentativo ambiziosissimo di leggere la città e l’urbano con l’ausilio delle categorie dello strutturalismo e in particolare del marxismo di Louis Althusser.

Sempre al periodo marxista appartiene il successivo lavoro su “Monopolville” (1974), un’analisi delle implicazioni internazionali e delle dinamiche economiche che conducono all’emergere di Dunkerque come città industriale. Ma il periodo parigino volge al termine qualche anno dopo (1979) Castells va a Berkeley dove rimarrà quasi un trentennio. Al primo periodo americano appartiene “The City and the Grassroots” (1983) che rappresenta una svolta significativa rispetto ai testi precedenti. Qui Castells identifica i temi fondamentali posti dai movimenti sociali contemporanei: la questione dei consumi collettivi, la difesa delle identità culturali-territoriali e la centralità delle amministrazioni locali rispetto alle istanze rivendicative.

I testi che lo hanno reso celebre a livello internazionale appartengono però al decennio successivo. In particolare, la trilogia nota in italiano come “La società dell’informazione” e articolata in tre volumi: “La nascita della società in rete”; “Il potere delle identità”; “Volgere di millennio”. La trilogia, scritta sul finire degli anni Novanta cerca di tracciare un quadro complessivo delle trasformazioni delle società avanzate, affrontando la questione da numerosi punti di vista: economico, politico, sociale. Chiave di lettura di queste enormi trasformazioni è l’evoluzione della infrastruttura delle comunicazioni e l’avvento della Rete. La Rete non è solo un modo di scambiare informazioni, ma è un diverso modo di pensare, di concepire la realtà, al di là dei contenuti veicolati.

La logica della Rete modifica politica, cultura, trasforma gli stessi movimenti sociali, modifica profondamente le città e le modalità di funzionamento dell’urbano. Le vecchie gerarchie economiche e territoriali vengono messe completamente in discussione, centralità un tempo consolidate vacillano. Ma il nuovo millennio si caratterizza anche per importanti mutamenti socio-antropologici, Castells insiste sul conflitto tra le forze della Globalizzazione e le istanze localiste, riflettendo sui movimenti anti-global e analizza l’impatto sociale del movimento delle donne, soffermandosi sul venir meno del patriarcalismo e sull’indebolirsi delle strutture della famiglia tradizionale.

La trilogia castellsiana non è una produzione nostalgica, non è “Il tramonto dell’Occidente” di Oswald Spengler, anzi descrive un mondo che, pure nell’esasperarsi dei conflitti, palesa potenzialità di liberazione e di emancipazione sconosciute in passato. In realtà Castells sia pure in forma diversa nel corso degli anni, non ha mai cessato di occuparsi degli stessi problemi, e il suo giovanile afflato militante è ancora percepibile anche nella sua produzione matura.

Castells ritiene che sia necessario insistere sulla innovazione tecnologica, ma mette in guardia contro il rischio di una sempre maggiore differenziazione tra chi ha accesso alla Rete e chi no, tra "letterati" e "illetterati", tra sapienti e analfabeti nell'uso delle tecnologie. Nello spazio sociale che Internet e le nuove tecnologie disegnano si allungano infatti anche le ombre di nuove disuguaglianze. Insomma… con queste premesse è lecito attendersi molto dal nuovo ministro spagnolo della Università.

 

Aiuta Scienza in Rete a crescere. Il lavoro della redazione, soprattutto in questi momenti di emergenza, è enorme. Attualmente il giornale è interamente sostenuto dall'Editore Zadig, che non ricava alcun utile da questa attività, se non il piacere di fare giornalismo scientifico rigoroso, tempestivo e indipendente. Con il tuo contributo possiamo garantire un futuro a Scienza in Rete.

E' possibile inviare i contributi attraverso Paypal cliccando sul pulsante qui sopra. Questa forma di pagamento è garantita da Paypal.

Oppure attraverso bonifico bancario (IBAN: IT78X0311101614000000002939 intestato a Zadig srl - UBI SCPA - Agenzia di Milano, Piazzale Susa 2)

altri articoli

Caldo: più di un terzo dei decessi sono causati dalle attività umane

L'aumento delle temperature medie durante le stagioni calde è una delle conseguenze del cambiamento climatico. Secondo un recente studio pubblicato su Nature Climate Change, che ha analizzato quasi trent'anni di dati giornalieri su temperatura e mortalità, quasi il 40% delle morti associate al caldo in circa 700 località del mondo tra il 1991 e il 2018 sarebbero state causate dalle attività umane. In termini assoluti, le morti osservate durante le stagioni calde sono state 1 670 000, di cui circa 26 000 causate dal caldo e fra queste quasi 10 000 sarebbero di origine antropica. L'Europa  centrale e meridionale sono le zone più vulnerabili, ma l'impatto del caldo sulla mortalità è notevole anche in paesi meno vulnerabili ma in cui gli effetti del cambiamento climatico sono già molto importanti, come per esempio il Paraguay. Nell'immagine una piazza di Montreal durante l'ondata di calore del 2011. Fonte: Nicolas Longchamps / Flickr. Licenza: CC BY-NC 2.0.

Quasi diecimila morti avvenute durante le stagioni calde tra il 1991 e il 2018 in circa 700 località distribuite in 43 paesi del mondo sarebbero attribuibili all’aumento delle temperature medie causato dall’attività umana, circa lo 0,6% del 1 670 000 decessi registrati in totale e quasi il 40% dei circa 26 000 associati al caldo.