Dovere di accoglienza

Tempo di lettura: 3 mins

Il soffitto della sala dello Human Rights Council. Crediti: United States Mission Geneva/Flickr. Licenza: CC BY-ND 2.0

Rifiutare l'approdo in un porto a una nave che ha salvato persone in mare è un reato. Anche respingere i richiedenti asilo è reato. E l'immunità, richiesta con successo dal ministro dell'interno per la vicenda della nave Diciotti, non dovrebbe essere data. Questo, almeno, secondo il diritto internazionale.  

Per quanto riguarda il primo punto, le persone soccorse in mare devono essere trasportate nel porto sicuro più vicino alla zona del salvataggio. Sia la chiusura dei porti, sia il divieto di sbarco violano l’articolo 98 della convenzione sulla salvaguardia della vita umana in mare, la Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare Unclos (United Nations Convention on the Law of the Sea) adottata a Montegobay, in Giamaica, da 155 Stati, il 10 dicembre 1982 e ratificata dall’Italia nel 1994, che impone l’obbligo di prestare soccorso e gli articoli 2 e 3 della Convenzione europea dei diritti dell’uomo, perché le persone soccorse hanno necessità di cure mediche e di generi di prima necessità e sono esposte a condizioni disumane e degradanti e al rischio di perdere la vita.

Quando, poi, tra i naufraghi ci sono persone a buon diritto richiedenti asilo, entrano in gioco l’articolo 33 della convenzione di Ginevra del 1951 sui rifugiati e l’articolo 4 del quarto protocollo della Convenzione europea dei diritti umani, che vieta i respingimenti (“le espulsioni collettive di stranieri sono vietate“). Per quanto, invece, riguarda la seconda questione, secondo l’articolo 17 (Divieto dell’abuso di diritto), “nessuna disposizione della presente Convenzione può essere interpretata nel senso di comportare il diritto di uno Stato, di un gruppo o di un individuo di esercitare un’attività o compiere un atto che miri alla distruzione dei diritti o delle libertà riconosciuti nella presente Convenzione o di imporre a tali diritti e libertà limitazioni più ampie di quelle previste dalla stessa Convenzione”. 

I diritti umani definiti fondamentali, in quanto considerati la base della convivenza umana tra le nazioni e all’interno delle nazioni stesse, sono sottoposti alla tutela del diritto internazionale. Nel XLII Seminario internazionale di studi italo-tedeschi, tenutosi a Merano nel novembre 2014, Flavia Lattanzi (professoressa ordinaria di Diritto internazionale all’Università degli Studi Roma Tre e già giudice presso il Tribunale penale internazionale per il Ruanda e per l’ex-Jugoslavia) ha ricordato che, proprio per proteggere questi valori, gli Statuti dei tribunali penali internazionali contengono la norma che esclude l’immunità, prevedendo la competenza ratione personae nei confronti di qualsiasi individuo, a prescindere dalla sua qualifica ufficiale, in base al principio che il miglior deterrente per ogni reato è rappresentato dal rischio dell’individuo di essere penalmente perseguito, senza poter far valere responsabilità dello Stato:

The official position of any accused person, whether as Head of State or Government or as a responsible Government official, shall not relieve such person of criminal responsibility nor mitigate punishment (Art. 7 dello Statuto del Tribunale Penale Internazionale per l'ex Yugoslavia adottato il 25 maggio 1993 e modificato il 13 maggio 1998)

L’articolo 27 dello Statuto di Roma precisa:

This Statute shall apply equally to all persons without any distinction based on official capacity. In particular, official capacity as a Head of State or Government, a member of a Government or parliament, an elected representative or a government official shall in no case exempt a person from criminal responsibility under this Statute, nor shall it, in and of itself, constitute a ground for reduction of sentence. 2. Immunities or special procedural rules which may attach to the official capacity of a person, whether under national or international law, shall not bar the Court from exercising its jurisdiction over such a person

Anche se, nella fattispecie, questi organismi giuridici internazionali fanno riferimento a crimini di ben altra portata, non sfugge la possibile estensione della validità del principio per il quale la responsabilità di un reato di leso diritto umano è personale e non ascrivibile a un’entità astratta come la volontà popolare espressa con il voto.

 

altri articoli

Le notizie di scienza della settimana #104

Il biologo molecolare russo Denis Rebrikov ha dichiarato che ha intenzione di impiantare nell'utero di una donna embrioni geneticamente modificati con la tecnica CRIPSR entro la fine dell'anno. L'obiettivo sarebbe quello di prevenire che la madre, colpita da una forma di HIV resistente ai farmaci antiretrovirali, trasmetta il virus ai propri figli. Per farlo, Rebrikov userebbe la tecnica CRISPR-Cas9 per disattivare il gene CCR5, in modo simile a quanto fatto dallo scienziato cinese He Jiankui che lo scorso novembre aveva annunciato di essere stato il primo a far nascere una coppia di gemelle con questo procedimento (He voleva però evitare la trasmissione del virus dell'HIV dal padre alle figlie). La legislazione russa proibisce l'editing del genoma umano in senso generale, ma la legge sulla fertilizzazione in vitro non vi fa esplicito riferimento, e dunque Rebrikov potrebbe trovarsi di fronte un vuoto normativo che conta di colmare chiedendo l'autorizzazione di una serie di agenzie governative, a partire dal Ministero della salute. Scienziati ed esperti di bioetica si dicono preoccupati. La tecnologia non è ancora matura, motivo per cui qualche mese fa un gruppo di importanti ricercatori del campo avevano chiesto di mettere a punto una moratoria sul suo utilizzo in embrioni destinati all'impianto in utero. Non è chiaro poi se i rischi superino i benefici. In primo luogo, la disattivazione del gene CCR5 protegge dalla trasmissione del virus dell'HIV nel 90% dei casi. In secondo luogo, il rischio di mutazioni off-target e on-target indesiderate è ancora molto alto. Rebrikov sostiene che la sua tecnica ne riduca drasticamente la frequenza, ma finora non ha pubblicato alcuno studio scientifico che lo dimostri. Nell'immagine: lo sviluppo di embrioni umani geneticamente modificati con la tecnica CRISPR per correggere una mutazione responsabile della cardiomiopatia ipertrofica (lo studio, condotto nel laboratorio di Shoukhrat Mitalipov presso la Oregon Science and Health University di Portland, risale al 2017 ed è stato pubblicato su Nature). Credit: Oregon Science and Health University. Licenza: OHSU photos usage

Dove finisce la plastica dei ricchi?

Ogni anno gli Stati Uniti producono 34,5 milioni di tonnellate di rifiuti di plastica. 1 milione di tonnellate vengono spedite fuori dal continente. Fino a qualche anno fa la maggior parte veniva spedita in Cina e Hong Kong, ma nel 2017 la Cina ha chiuso le porte a questo tipo di importazioni, autorizzando solo l'arrivo della plastica più pulita e dunque più facile da riciclare.