fbpx Con Coderbot si impara giocando | Scienza in rete

Con Coderbot si impara giocando

Read time: 1 min

Coderbot, il robot programmabile orientato alla didattica. Credit: coderbot.org.

 

Avete mai pensato di poter costruire e programmare un robot? Grazie a questo laboratorio interattivo potrete provare a farlo sperimentando, mettendo alla prova le potenzialità del vostro ragionamento. Edoardo Datteri, del dipartimento di scienze umane per la formazione "Riccardo Massa" dell'Università degli Studi di Milano-Bicocca, ci spiega in che cosa consiste la robotica educativa.

Nello stand "Con Coderbot si impara giocando!", visitabile all'interno del Meet Me Tonight presso i giardini di Porta Venezia, sarà disponibile un’area “tinkering” dotata di robot, circuiti elettronici, sensori, motori, computer e una stampante 3D. Questo è il luogo ideale per dare spazio alla vostra creatività! Giochi e attività interattive permetteranno ad adulti e bambini in relativa autonomia, grazie alla mediazione e facilitazione dello staff, di approcciarsi per la prima volta alla programmazione robotica. Le attività coinvolgeranno robot specificamente progettati a uso didattico, tra cui il LEGO Mindstorms, il BeeBot, e il Coderbot, e piattaforme di sviluppo come Arduino e Raspberry PI. Le attività riguarderanno la costruzione e la programmazione di robot nonché la teorizzazione sul comportamento di robot già costruiti. Il laboratorio sarà visitabile il 29 e il 30 settembre durante il Meet Me Tonight di Milano presso i Giardini "Indro Montanelli" di Porta Venezia.

 

Iscriviti alla newsletter

Le notizie di scienza della settimana

 

No spam, potrai cancellare la tua iscrizione in qualsiasi momento con un click.

 

altri articoli

Almeno il 40% del pianeta da tutelare per preservare la biodiversità

Per proteggere la biodiversità, secondo uno studio pubblicato su Science, serve tutelare il 44% della superficie terrestre. Un risultato importante per guidare le prossime agende politiche sui temi ambientali. Proprio a giugno, a Nairobi, si è discusso sulla definizione dei nuovi target per la tutela della biodiversità post-2020 e lo sviluppo sostenibile.

Crediti immagine: Mark Houghton - Unsplash

Per fermare la rovinosa perdita di biodiversità in corso servirebbe proteggere un’area pari a circa 64 milioni di chilometri quadrati, corrispondente al 44% della superficie terrestre, secondo uno studio pubblicato su Science da un team che comprende ricercatori olandesi, italiani, australiani, inglesi e statunitensi. Insomma, non era andato troppo in là con la fantasia Edward O.