Covid-19/

Collaborazioni internazionali: ecco la classifica di Nature. E l'Italia primeggia nella fisica

Tempo di lettura: 3 mins

La collaborazione internazionale fra centri di ricerca oltre a essere senza dubbio un punto di forza per un paese, ci fornisce il polso della situazione su diversi aspetti della ricerca stessa, fra cui quello geopolitico, cioè capire come si stanno muovendo le forze in gioco sulla plancia mondiale. Oltre a dirci se come paese stiamo facendo abbastanza. Per fare un esempio, dai dati emerge che gli Stati Uniti e la Cina stanno hanno all'attivo numerose collaborazioni nell'ambito delle scienze ambientali e del global warming. 

La rivista Nature ha pubblicato in questi giorni una piattaforma ricca di dati, navigabili in modo semplice e interattivo, che raccontano il mondo delle collaborazioni scientifiche fra i diversi paesi del mondo, proponendo una classifica delle 100 istituzioni più “virtuose” in questo senso, secondo il Nature Index, che misura le occorrenze delle affiliazioni degli autori di articoli pubblicati sulle 68 maggiori riviste scientifiche mondiali fra il 1 settembre 2015 e il 31 agosto 2016.

Il primo dato che emerge è che un istituto italiano – l'INAF, Istituto Nazionale di Astrofisica – è al secondo posto su scala mondiale per numero di collaborazioni; prima di INAF il Centro nazionale per la ricerca francese(CNRS). Per un confronto, pensiamo che la NASA ne ha poco meno della metà e la Max Planck Society molte di meno. Si tratta però di una mosca bianca, dal momento che la seconda istituzione italiana a far parte della Top-100 è l'IIT di Genova, che si colloca al 42mo posto, mentre al 77mo troviamo l'Università di Padova. Non dimentichiamo che – come sottolinea Leopoldo Benacchio nel suo ultimo post, dedicato proprio a questa classifica - “la Max Planck Society tedesca ha, da sola, molti più fondi dell'intero settore italiano della Ricerca”.

In generale possiamo dire che l'Italia è in discreta posizione in quasi tutti i settori: nelle Physical Science ci collochiamo al quarto posto su 107 paesi, e il grafico sotto illustra le collaborazioni in atto.

Nelle Life Science siamo in undicesima posizione su 140 paesi.

Per quanto riguarda le scienze ambientali siamo all'11mo posto su 101.

Nell'ambito delle scienze chimiche siamo tredicesimi su 88 paesi.

In generale le istituzioni più “virtuose” nel nostro paese sono – nell'ordine – l'INFN, il CNR, l'INAF, l'Università di Padova, l'insieme degli IRCCS, l'Università La Sapienza, l'Università di Firenze, l'IIT di Genova, l'Università di Bologna e la Bicocca a Milano.

La maggior parte delle collaborazioni a cui partecipa l'Italia è nel campo delle scienze fisiche, a cui seguono quelle chimiche, le scienze della vita e infine – a grande distanza – le scienze ambientali. Per quanto riguarda i paesi con cui collaboriamo di più, in testa Stati Uniti, Regno Unito e Germania, mentre lavoriamo pochissimo con Cina e Giappone (nel complesso non superano il 4% delle collaborazioni).

 

Interessante da citare infine è il caso del Regno Unito, dal momento che uno dei punti più discussi della Brexit è proprio il suo possibile effetto domino sulla cooperazione scientifica internazionale. Attualmente infatti oltre un terzo delle collaborazioni scientifiche della Gran Bretagna è con partner europei, il 4,6% con istituzioni italiane. Una possibile criticità che andrebbe a sommarsi a una forte sensazione di precarietà che - stando a quanto ha pubblicato ieri il Guardian - pervade il mondo dell'università d'Oltremanica. Mentre le tasse universitarie per studiare nel regno Unito continuano a crescere anno dopo anno, più della metà di chi fa ricerca in Gran Bretagna ha un contratto non permanente. Si va dai contratti a breve termine che di solito prevedono un massimo di nove mesi, ai ricercatori pagati a ore o per singolo incarico. Fra i ricercatori più giovani la percentuale sale al 75%.

 

 

 

 

I dati sono disponibili qui:
- Top 100 overall collaborators
- Top 50 overall collaborators / chemistry
- Top 50 overall collaborators / physical sciences
- Top 50 overall collaborators / life sciences
- Top 50 overall collaborators / Earth and environmental sciences
Qui invece è possibile navigare i dati filtrando per paese, istituzione o disciplina.

Aiuta Scienza in Rete a crescere. Il lavoro della redazione, soprattutto in questi momenti di emergenza, è enorme. Attualmente il giornale è interamente sostenuto dall'Editore Zadig, che non ricava alcun utile da questa attività, se non il piacere di fare giornalismo scientifico rigoroso, tempestivo e indipendente. Con il tuo contributo possiamo garantire un futuro a Scienza in Rete.

E' possibile inviare i contributi attraverso Paypal cliccando sul pulsante qui sopra. Questa forma di pagamento è garantita da Paypal.

Oppure attraverso bonifico bancario (IBAN: IT78X0311101614000000002939 intestato a Zadig srl - UBI SCPA - Agenzia di Milano, Piazzale Susa 2)

altri articoli

Un confronto fra diversi test per SARS-CoV-2

Crediti immagine: fernando zhiminaicela/Pixabay. Licenza: Pixabay License

Sono passati ormai cinque mesi da quando il SARS-CoV-2 è stato per la prima volta identificato nel dicembre 2019 in Cina. Uno degli sforzi della comunità scientifica è stato quello di identificare un test diagnostico sensibile e specifico da utilizzare sia in fase di screening nei soggetti asintomatici, sia nei pazienti sintomatici sia durante la convalescenza con lo scopo di identificare i pazienti guariti e potenzialmente immuni (1).

Figura 1. Uso dei test Covid nelle varie fasi.