fbpx Il CNR nel Settimo Programma Quadro | Scienza in rete

Il CNR nel Settimo Programma Quadro

Primary tabs

Tempo di lettura: 2 mins

Nell’ambito del Settimo Programma Quadro (7PQ) dell’Unione Europea il CNR si conferma, tra gli Enti di ricerca Italiani, primo per numero di progetti approvati, e ai primi posti tra gli Enti di ricerca stranieri maggiormente impegnati nelle attività di R&ST.

Dall’inizio del 7PQ (2007) a gennaio 2014 (il 7PQ si è concluso, gli ultimi bandi sono stati pubblicati a dicembre 2013), gli Istituti del CNR hanno visto approvare 642 progetti (tale numero è destinato ad aumentare in quanto sono in negoziazione circa 50 progetti), la maggior parte dei quali sono in corso e termineranno nei prossimi anni. Il contributo comunitario per le strutture CNR partecipanti, che si protrarrà per l’intera durata progettuale, supera i 218 milioni di euro dei quali 72 milioni di euro relativi ai progetti coordinati dal CNR (116 progetti, più del 18%).

Figura 1

Figura 2

Ben 422 progetti rientrano nel Programma dedicato in maniera specifica alla ricerca, COOPERATION. La maggior parte dei progetti approvati appartiene al settore Information & Communication Technologies (131 progetti), Nanosciences, Nanotechnologies, Materials & new production technologies (82 progetti) e Environment (66 progetti), confermando l’eccellenza dei ricercatori CNR in queste tematiche.

Figura 3

Nel programma CAPACITIES (95 progetti), incentrato sul supporto alle politiche europee in materia di ricerca ed innovazione attraverso attività orizzontali, la partecipazione del CNR si orienta maggiormente sulle attività legate alle Research Infrastructures (56 progetti). 

Figura 4

Rimane elevata la partecipazione ai progetti del Programma PEOPLE (99 progetti) ed in particolare alle Initial Training Network, le azioni destinate alla formazione iniziale delle carriere dei ricercatori (38 progetti).

Nel programma IDEAS, che finanzia la ricerca di frontiera allo scopo di valorizzare l’eccellenza e la creatività dei ricercatori, e che viene gestito dallo European Research Council (ERC), il CNR è presente in 24 progetti, in 17 dei quali i Principal Investigators hanno scelto il CNR come Host Institution. Dei 24 progetti, 15 sono svolti da giovani ricercatori CNR (Starting & Consolidator Grant).

Da notare la distribuzione geografica dei progetti comunitari tra le regioni. La Toscana partecipa a 142 progetti seguita da Lazio (132), Lombardia (80), Emilia Romagna (61) e Campania (51). In generale le regioni del Centro hanno ottenuto il maggior numero di progetti (285), seguite dal Nord (215) e dal Sud (142).

Figura 5

Oltre al Programma Quadro il CNR è anche presente in più di 100 azioni comunitarie a sostegno di politiche specifiche (ambiente, cultura, società dell’informazione, giustizia) e relative ad esempio alla partecipazione ai programmi Competitiveness and Innovation, LIFE+, eContent+, Health, Culture, Civil Justice.

CNR, Ufficio Relazioni Europee ed Internazionali


Scienza in rete è un giornale senza pubblicità e aperto a tutti per garantire l’indipendenza dell’informazione e il diritto universale alla cittadinanza scientifica. Contribuisci a dar voce alla ricerca sostenendo Scienza in rete. In questo modo, potrai entrare a far parte della nostra comunità e condividere il nostro percorso. Clicca sul pulsante e scegli liberamente quanto donare! Anche una piccola somma è importante. Se vuoi fare una donazione ricorrente, ci consenti di programmare meglio il nostro lavoro e resti comunque libero di interromperla quando credi.


prossimo articolo

Capitalismo, quanto mi costi!

capitalismo

La trappola dell'efficienza è il nuovo libro degli economisti Pier Giorgio Ardeni e Mauro Gallegati, che prende atto delle cose buone del capitalismo criticandone però i fortissimi impatti ambientali e sociali. È un riassunto di quanto accaduto in economia fino alle attuali crisi, che vuole spogliarla dai vecchi stracci del pensiero mainstream e aggiornarla sulle sfide di oggi: clima, salute e guerre.

Immagine Pixabay

Negli ultimi anni, l’economia si sta facendo più “scientifica”. C’è, da parte degli economisti più ragionevoli, una maggiore attenzione alla verificabilità delle proprie teorie, un maggiore riguardo verso il mondo naturale e sociale circostante, altrimenti relegato a essere mera “esternalità”.