Covid-19/

E il merito, come sempre, può attendere