fbpx Boom di adesioni al Bando ‘Sir’ per ricercatori under 40 | Page 2 | Scienza in rete
Covid-19/

Boom di adesioni al Bando ‘Sir’ per ricercatori under 40

Read time: 2 mins

Sono 5.252 i progetti di ricerca presentati da giovani scienziati under 40 in risposta al Bando ‘Sir - Scientific Independence of young Researchers’ che si è chiuso lo scorso 13 marzo. Con uno stanziamento di oltre 47 milioni di euro il bando destinato ai giovani ricercatori punta a favorire il ricambio generazionale e anche l’indipendenza scientifica dei partecipanti.
Degli oltre 5.000 progetti presentati 1.909 riguardano il settore delle Scienze delle vita, 1.778 della Fisica, Chimica, Ingegneria e 1.565 delle Scienze umane. Le proposte pervenute sono circa il 40% in più rispetto alla media dei bandi destinati ai giovani degli anni passati. E per la prima volta le donne superano gli uomini: 2.675 progetti presentati contro 2.577. L’età media degli studiosi in corsa per il finanziamento è di poco superiore ai 33,45 anni, ampiamente sotto la soglia massima dei 40 anni prevista dal bando. Tra uomini e donne la differenza dell’età media è minima: 33,36 per i primi e 33,55 per le seconde.
Il bando ‘Sir’ allinea per la prima volta la procedura di selezione dei progetti a quella dell'Erc, European Research Council. I risultati si conosceranno entro l’autunno del 2014. E’ previsto il finanziamento di progetti svolti da gruppi di ricerca indipendenti e di elevata qualità scientifica sotto il coordinamento di un Principal Investigator (PI) che dovrà essere anche lui under 40. ‘Sir’ prevede un importante supporto finanziario per attrarre i migliori ricercatori e un incentivo anche per l’istituzione ospitante nel caso in cui il PI non sia già un suo dipendente a tempo indeterminato.

Ufficio Stampa MIUR

Sezioni: 
Lavorato da / tipo di lavorazione: 
autore
stato: 
pronto

altri articoli

Gli studi inglesi sulla letalità della variante B.1.1.7

Sono diversi gli studi di natura osservazionale incentratisi sulla “variante inglese" o, più propriamente, lineage B.1.1.7, che raggiungono la medesima conclusione: esiste un incremento di letalità che va dal 30% al 60% con la nuova variante, rispetto al virus originale. Tuttavia, al momento non ci sono spiegazioni biologiche riguardo le caratteristiche di questa mutazione che possano spiegare la maggiore aggressività del virus osservata dagli studi statistici.

Crediti immagine: Background photo created by wirestock - www.freepik.com

Era il 22 gennaio 2021. Durante una conferenza stampa, il premier inglese Boris Johnson annunciava che la nuova variante - come gli inglesi chiamano quella che noi in Italia chiamiamo variante inglese, ma più propriamente chiamata VOC 2020/01 o lineage B.1.1.7 -, «potrebbe essere più letale». Johnson aveva utilizzato il condizionale potrebbe perché le incertezze sulla stima erano molte.